COL 465172 2 - 19 APRILE 1989

 

Mira Mare 19.4.89 ‎(LP, Album)    CBS        CBS 465172 1     Europe  1989

Mira Mare 19.4.89 ‎(CD, Album)   CBS        CBS 465172 2     Europe  1989

Mira Mare 19.4.89 ‎(Cass)             CBS        CBS 465172 4     Netherlands       1989

Mira Mare 19.4.89 ‎(LP, Album)    CBS        CBS 465172 1     Italy       1989

Mira Mare 19.4.89 ‎(CD, Album, RE, Dig)  Sony Music, Columbia    88843067602     Italy       2014

 

 

Prodotto da Fio Zanotti. Produzione esecutiva Filippo Bruni. Fotografie: Peppe D'Arvia. Artwork Studio Vertigo. Registrato allo studio UMBI di Modena da Maurio Maggi.  Mixato allo studio Morning di Milano da Renato Cantele. Mastering effettuato allo studio IDEA TRANSFER di Milano da Daniele Delfitto

 

 


 

 

 

Nei tempi del look esasperato, del consumismo sfrenato e degli acquisti grandi firme, arriva questo disco che, nella migliore tradizione dylaniana, insieme alle sue note lancia sassi pesanti come macigni. E’ un disco denuncia contro gli anni Novanta. Si presenta come una lettera di protesta con luogo, data e mittente: “Miramare, 19.4.1989. Francesco De Gregori” e con un P.S.: “Ecco, fare canzoni allarmanti, dare ai ragazzi qualcosa di cui discutere, fare in modo che le canzoni siano la risposta ad uno stimolo che i ragazzi di oggi hanno, questo mi piace e credo sia molto importante, oggi.”.

“Credo che parlare con maggior chiarezza, in maniera più diretta, abbia innanzitutto bisogno di un'operazione su se stessi; devi cercare di superare il naturale pudore di dire una parola come ladro, come succede per esempio in una canzone come Dottor Doberman, riferita ad uno che non paga le tasse e fa aborti clandestini. Dipende dalla propria sensibilità, comunque; io ad esempio trovo immorale un medico, obiettore di comodo, che poi pratica gli aborti clandestinamente nella sua clinica privata, trovo che sia grave quanto la distruzione della foresta amazzonica o come altri temi più grandi per i quali ci si è mobilitati in questi anni. Voglio dire, insomma che non esiste solo la grande politica, esiste una politica di tutti i giorni, fatta di cose piccole e riconoscibili, per le quali la gente si indigna. Scegliere le parole. (F. De Gregori)

 

 

In questa società che manda musica da mangiare attraverso una radio manipolata da Mastro Lindo, ci sono sterminate e refrattarie distese di topi che giocano a nascondino e sorridono dalle finestre, aspettando che i loro loschi affari vengano legalizzati e che tutto ciò diventi una regola. Possono nascondersi fra la gente, vestire alla moda, rubare per quarant'anni, dirigere una grande azienda, ma non mi piacciono nemmeno un poco e grazie al cielo io non piaccio a loro. E’ una società in cui, l’indomani, ritroviamo la cena della sera precedente nella spazzatura che è nelle reti dei pescatori e non vogliamo più mangiare la carne di pappagallo che ci offre il venditore di perline con la sua claque. E’ una società che se ne frega, che accetta tutto con rassegnazione, che affronta con indifferenza e cecità i problemi reali, una situazione dalla quale è necessario uscire al più presto. E’ urgente passare la notte ed aspettare il mattino, sperando che tutti si sveglino e il bosco si riprenda le case. E al mattino la luce sarà immensa.

Ma com’è la luce nell’immenso mondo? George Bush padre è il Presidente USA. Premio Oscar a Gabriele Salvatores per Mediterraneo; il giorno di Natale, in Albania, il dittatore Nicolae Ceausescu e la moglie Elena vengono condannati a morte; ci governa De Mita e poi Andreotti con una coalizione politica DC, PSI, PSDI, PRI, PLI.; il 4 giugno studenti cinesi vengono massacrati a Pechino in Piazza Tienanmen, dopo aver lanciato slogan a favore della democrazia e della libertà di parola; viene eletto a Mosca Boris Eltsin; il primo ministro Li Peng annuncia l'intervento delle forze armate per ristabilire l'ordine pubblico, ma la popolazione impedisce all'esercito di entrare a Pechino. Finisce in un bagno di sangue tra i contestatori; il 9 novembre cade il Muro di Berlino, la Germania non è più divisa; la petroliera Valdez causa una strage ambientale in Alaska, perdendo oltre 250.000 barili di olio greggio dalla propria stiva; gli USA invadono Panama per catturare il generale Noriega, accusato di spaccio di droga nel territorio americano; un tremendo terremoto causa miliardi di dollari (ma poche vittime) nella zona di San Francisco; il direttore del carcere romano di Rebibbia denuncia di essere stato gambizzato da un commando delle Br. Giorni dopo viene arrestato per essersi inventato tutto; due caccia ''F-14 Tomcat'' della marina militare statunitense abbattono due ''Mig 23'' libici al largo di Tobruk; Angola: con la partenza dei primi contingenti (circa 3000 soldati) comincia il ritiro dei 50 mila militari cubani dal paese. Secondo gli accordi, il ritiro dovrà essere completato entro la metà del 1991; si conclude il ritiro delle truppe sovietiche dall’Afghanistan; nel Tibet imponenti manifestazioni anticinesi sono represse dalla polizia. Il Governo di Pechino proclama nella regione la legge marziale; al Comune di Roma scoppia lo “scandalo delle merendine”; nello stadio Sheffield 95 persone muoiono soffocate o calpestate e 180 restano ferite prima dell'inizio della partita di calcio Llverpool-Nottingham Forest; Urss: una catena umana di un milione e mezzo di persone, attraversa per 560 chilometri Lituania, Lettonia e Estonia, per denunciare il patto Molotov-Von Ribbentrop, che nel 1939 permise l'annessione all'Urss di questi paesi baltici; la sonda spaziale Voyager II giunge a 3900 chilometri da Nettuno, trasmettendo immagini del pianeta; comincia l'esodo di migliaia di persone in Germania Federale attraverso le ambasciate tedesco occidentali a Praga e Varsavia; viene eseguita la prima "Laparascopia" utilizzando una microtelecamera dentro l'addome, che permette di rimuovere con altri opportuni microscopici strumenti che appaiono su un video, delle colecisti senza dover aprire chirurgicamente l'addome; per la prima volta viene eletto un sindaco nero a New York, é David Dinkine; il segretario del Pci Occhetto a Bologna annuncia la volontà di cambiare nome al Pci dando vita ad un nuovo partito della sinistra: “Partito democratico della sinistra”, l’evento avverrà a Rimini nel 1991; a Segrate si svolge il primo congresso della Lega Lombarda. Viene eletto segretario per acclamazione Umberto Bossi; termina lo smantellamento dei 260 Km di filo spinato lungo il confine tra Austria e Cecoslovacchia. E’ la fine della “cortina di ferro” e il drammaturgo Vaclav Havel è eletto Presidente; "Time" proclama Mikhail Gorbaciov "uomo del decennio”; premio Nobel per la pace, che quest'anno va a Tenzin Gyatso, il 14° Dalai Lama; cominciano le esternazioni del picconatore Cossiga; arrivano le prime lettere del "corvo di Palermo", che dall'interno del Pool antimafia criticano l'operato del giudice Falcone; Ligato, l'ex presidente delle Ferrovie coinvolto nello scandalo delle "lenzuola d'oro" viene assassinato; impazza in tutto il mondo un nuovo ballo: la lambada; muoiono Laurence Olivier, Herbert Von Karajan, Michele Cascella, Perez Prado, Carlo Dapporto, Vittorio Caprioli, Cesare Zavattini, Benigno Zaccagnini, Leonardo Sciascia, Salvador Dalì, Sergio Leone, Gaetano Scirea, Carlo Dapporto, Khomeini, Vittorio Caprioli, Luciano Salce, Silvana Mangano.

Gli italiani scoprono di essere un popolo di antiquari, vanno in giro a cercare arredamenti d’epoca con scrupolosa e appena acquisita competenza, dal mobile in stile Napoleone Bonaparte a quello in stile Napoleone Terzaparte, tanto decantato da un convinto venditore forte di aver letto da qualche parte le gesta di un certo Napoleone III (giuro che mi è capitato davvero!).

I fratelli Abbagnale sono ancora campioni del mondo di canottaggio; Alain Prost vince il suo terzo titolo di campione del mondo di formula uno; l'americano Greg Lemond vince il suo secondo Tour de France e il campionato del mondo di ciclismo; Joe Montana conduce i San Francisco al loro 3° Superbowl; Marco Van Basten vince il Pallone d’Oro, il Napoli vince la Coppa Uefa, il Milan vince la Coppa dei Campioni e la Coppa Intercontinentale e l’Inter vince lo scudetto con Zenga, Bergomi, Brheme, Baresi, Ferri, Mandorlini, Bianchi, Berti, Serena, Matthaus, Diaz. (All. Trapattoni)

In un effimero benessere (i conti arriveranno dopo) ci vestiamo come se fossimo a Via Montenapoleone. Tutto dev’essere firmato, anche i calzini. Di moda vanno anche la pochette per signora, lo stile Made in Italy, l’enorme cellulare Motorola, il Rolex, il cocker Inglese, il colletto bianco della camicia celeste e le bretelle, il loden, la pipa e il Sole24 ore fatto volutamente intravedere dalla borsa Samsonite.

Ma a “Piazza Affari” si legge anche Millionaire, Affari & Finanza, Il Denaro, Affari Italiani, Il Mondo, Soloimpresa, Salute & Benessere, Casa & Cucina, Ville e giardini, Vivere da yuppi senza rimanere fregati e ….Come diventare ricchi senza essere iscritti al PSI.

L’uomo della pubblicità è il dirigente di una finanziaria il cui capo dà pacche sulle spalle agli scansafatiche o a quelli che sanno come anticiparlo sul terrazzo dove c’è l’elicottero personale. Lavora pochissimo e i suoi colleghi sono tutti modelli e top-models. Il nostro erore è ricco, bello, atletico, sulla trentina, con giovane moglie e figli ovviamente tutti sani, biondissimi e con gli occhi azzurri. Fa colazione con la famiglia al casolare quando saranno già le undici del mattino, senza chiedersi se la Direzione stia già organizzando la più grande caccia all’assenteista degli ultimi vent’anni. Con la ventiquattrore (vuota) si infila nella sua nuova Saab (alla quale, se monta un tetto apribile, è probabile che un caccia si accosti a testa in giù) e se ne va tranquillo che sarà già mezzogiorno. Dopo aver fatto spiaccicare il caccia all’ingresso di una galleria, si lecca i baffi pensando al minestrone surgelato che troverà per cena. Nelle vicinanze del casello infila la mano in tasca per prendere il portafogli e pagare il pedaggio ma al posto del portafogli c’è un fusillo Barilla! Non si è mai capito se lo volesse annusare o bestemmiasse! Dopo aver pagato una multa corrispondente al tragitto Bressanone-Lampedusa il suo percorso continua per vallate sconfinate in splendide giornate di sole e in cui non esiste traffico perché c’è solo lui. Dopo non aver fatto niente tutto il giorno, la sera ritorna stanco, fa un po’ di battute idiote alla moglie, sprofonda sul divano di casa e con grande faccia tosta si chiede: “Marco, 32 anni, reddito mensile 3.600.000 lire, ma il mio futuro sarà sempre così? Ci vuole una pensione alternativa!” E se lo chiede, poveretto, quando un operaio guadagna molto meno della metà del suo stipendio e al 21 di ogni mese non sa dove sbattere la testa!

Spot da ricordare sono pure Aiazzone con “provare per credere!”; l’alieno che va dal fotografo col rullino e dice "Ciripiripì Kodak"; la contessa in giallo che si fa accompagnare da un ingenuo Ambrogio che non ha mai capito cosa fossero i languorini; un pazzo che vuole restare a vivere in un supermercato e “la città dell'amaro Ramazzotti, la città di chi vive e lavora, la città della vita, di una giornata che non è mai finita, questa Milano da vivere, da sognare, da godere, questa Milano da bere!”

Giochiamo con i Tottles, Teddy Ruxpini, Paciocchini, Mio MiniPony, La Baby Sirenella, Baby Bua, BebiMia.

Il Premio Strega va a Giuseppe Pontiggia con La grande sera e il Campiello va a Francesca Duranti con Effetti personali.

Oltre a Salvatores, Oscar per "Rain man", con un grande Dustin Hoffmann e per "Roger rabbit". Escono nelle sale "Batman", "Indiana Jones e l'ultima crociata" e "Nato il 4 luglio" lancia definitivamente tra le superstars di Hollywood l’attore Tom Cruise. Ma vediamo anche il nostro Oscar Nuovo Cinema Paradiso, Mery per sempre, Palombella rossa, Turner e il casinaro, Always per sempre, La voce della luna, Il mio piede sinistro, L'attimo fuggente, Il piccolo diavolo, Un pesce di nome Wanda, Sotto accusa.

Ci intossichiamo con Kinder Pinguì, i tortellini Rana, Fior di Fragola, Calippo al limone fragola e Fizz, Blob, Freddolone, Cucciolone, Piedone, Cornetto Algida Classic o Super Amica Chips. E al tabaccaio chiediamo MS rosa, Cartier, Dunhill, Trussardi, Multifilter.

In televisione danno La corrida, Smile, Super classifica show, Super flash, Tandem, Te la do io l'America, Telemike, Test, Tg l'una, Tra moglie e marito, Viva le donne, Zig zag, Gianfranco Funari, che fra i ricordi della coratella che gli preparava ‘su madre ogni tanto grida “Ermanno (il regista) famme n’primo piano, che vojo vede n’faccia l’amico che me chiama da Frosinone!”.

A Sanremo vincono Anna Oxa e Fausto Leali con Ti Lascerò, Il Premio Tenco lo vince Enzo Jannacci con Se me lo dicevi prima, allo Zecchino d’oro vince "Corri Topolino" e al Festivalbar Raf con "Ti pretendo".

"Passion" di Peter Gabriel dà il via alla riscoperta della world-music; rimpatriata dei Who, celebrata in un concerto a New York; tornano sulla scena i Jefferson Airplane.

L'avvento dell'era del computer fornisce il mezzo per i nuovi artisti che trovano nel sintetizzatore e nei software specializzati lo strumento migliore per produrre la musica del “copia e incolla”, senza l’aiuto di altri musicisti in sala di registrazione. In pratica, in questo modo ognuno di noi può farsi un disco in casa propria. Sì in modo artigianale, ma senza costose attrezzature.

In Italia si diffonde un nuovo fenomeno underground, non legato a nessuna casa discografica. E' il popolo di ragazzi punk e ragamuffin, collegato al fenomeno sociale dei Centri Sociali. Il nostro rock riceve un nuovo impulso grazie ai toscani Gianna Nannini e Liftiba, e a Vasco Rossi.

Ascoltiamo Viva la mamma, Like a prayer, Esatto, Ti pretendo, C'è da spostare una macchina, Belfast child, Personal Jesus, I want it all, Ti lascerò, Almeno tu nell'universo, Lullaby, Cosa resterà degli anni 80, Angel of Harlem, She drives me crazy, La Notte vola, You on my mind, Don't ask me why, Do you believe in shame?, Partyman, I drove all night, Dr. Jazz e Mr. Funk, The Invisible man – Queen, Diavolo in me, This one.

Gli album più venduti in Italia sono Oro incenso & birra, Liberi liberi, Foreign affair, Money for nothing, A new flame, Abbi dubbi, Like a prayer, Lambada, Ancient heart, Street fighting years, Sleeping with the past, Batman, The seeds of love, Crossroads, The miracle, Shooting rubberbands at the stars, Uiallalla, Reg strikes back, Flowers in the dirt, Disintegration.

Tormentone dell’estate: Lambada, dei Kaoma.

 

 

 

 

 

Avrebbe potuto e dovuto essere un capolavoro, questo album. Purtroppo per Francesco De Gregori, non lo è. Perché, ad una incisività nei testi che forse mai Francesco aveva toccato, si contrappone una serie di musiche non molto convincenti, con sovrabbondanza di arrangiamenti laddove la crudezza dei temi toccati avrebbero meglio funzionato con arrangiamenti più scarni e meno pomposi.

Non che le canzoni non siano belle, anzi, ma è stato dimostrato nelle esibizioni dal vivo, spesso con meno abbellimenti e meno fronzoli, come queste canzoni siano pezzi dal taglio decisamente rock, cosa che sul disco non è stata rimarcata a sufficienza.
Ad esempio "Bambini Venite Parvulos" che apre il disco, è stata riproposta live in "Fuoco Amico" e il risultato è decisamente superiore, un potentissimo attacco al consumismo che non ha certo bisogno di arrangiamenti laccati.
Su "Miramare", altro pezzo, in sé, bellissimo, non so fino a che punto ci fosse bisogno di quella tastiera appicicosa. Fortunatamente Francesco salva il pezzo con una splendida armonica.
"Dottor Dobermann" è un brano in levare che parla di quei simpaticoni di medici che in privato praticano l'aborto clandestino e in pubblico fanno gli obiettori di coscienza. Anche qui però l'arrangiamento è poco convincente e anche lui canta versi molto pesanti e diretti con l'aria di stare scherzando.
A salvare l'album ci pensa "Cose", probabilmente l'unica vera perla del disco con una musica che fila via che è un piacere, con una grande interpretazione di Francesco, attento a cogliere le sfumature e i chiaroscuri del testo.


Un altro pezzo con molta "vis" polemica è "Pentathlon", io mi sentirei uno schifo se fossi colui al quale il pezzo è diretto, tanto è carico di astio e di livore ("Tu non mi piaci nemmeno un poco e grazie al cielo io non piaccio a te"), ma anche qui se l'arrangiamento fosse stato un po' più duro non ci sarebbe stato nulla di male.

Non male, invece, "300.000.000 Milioni di Topi", una ballata leggera, un pezzo che parla dei topi come simbolo del marcio della società odierna, oppure che, visto che ci tocca avere a che fare con certi loschi personaggi, a questo punto, tanto vale fare la conoscenza di questi animali.
"Vento dal Nulla" parla di paura e speranze, di tramontane che passano e travolgono tutto. Bellissimo il lavoro di Elio Rivagli alla batteria.
"Carne di Pappagallo" risente del difetto di gran parte del disco, ovvero laddove il testo parla di fatica, sudore e sacrificio, la musica è patinata oltre ogni dire, peccato.
Chiude il disco una canzone sullo stile de "La Storia", avrebbe dovuto essere solo voce e piano "Lettera da un Cosmodromo Messicano", ma il tutto viene rovinato da una pioggia di tastiere davvero inutili.

Peccato, poteva davvero essere un grande disco.
   

 

Recuperarono le reti i pescatori, piene di spazzatura,
ed umiliati si ritirarono
alla montagna dal mare,

alla montagna dal mare.
E avvicinarono la fiamma alla foresta,
fino a vederla bruciare.
Così ho visto altri uomini fare
e fare cenno di tacere,

 fino a vederla bruciare.
Ma io si che mi sono tuffato
in un campo di pallone,

da un palo all'altro ho volato per afferrare un pallone,
e le ginocchia di rosso ho colorato.
E quanto al mio povero nome
in quali alberghi l'ho lasciato e quante notti l'ho sentito chiamare?
Prima ancora che il vento cominciasse a soffiare,
prima ancora che il vento cominciasse a soffiare.
Recuperavano le reti i pescatori
e si sentiva cantare un canto, ma erano acqua le parole ed era triste quel canto.
E ritornavano dal centro della terra
Ed io così ho sognato di loro, portatori di luce ed inventorie cercatori d'oro..
Ma io si che mi sono lanciato, da un punto all'altro di un amore.
Più di una volta ho volato
per inseguire un amore,
e le mie notti di bianco ho colorato.
E quanto al mio povero cuore,
in quanti alberghi l'ho portato,e quante notti l'ho sentito gridare!
Prima ancora che il vento cominciasse a soffiare,
prima ancora che il vento cominciasse a soffiare,
recuperarono le reti i pescatori, dal profondo del mare.

“L’ecologia oggi è contemporaneamente un’emergenza e una moda. Non è stato facile perciò scrivere questa canzone: sono stato combattuto fra l’urgenza di parlare di queste cose (anzi ho provato addirittura un certo imbarazzo per non averlo fatto prima) e la sensazione sgradevole di muovermi comunque su un terreno scivoloso, minato da banalità di ogni genere e catastrofismi a buon mercato. E’ venuta fuori una canzone senza aggettivi, piena di dolore e di rimpianto per un mondo collettivo e personale ormai tramontato: una canzone pre-politica o post-politica, se vi piace scherzare con le parole, ma non una vera canzone ecologica perché oggi, credo, l’ecologia è più che mai politica”

 Sarebbe andata meglio se fossi andato a "Fantastico". Vedi, al punto in cui siamo, una canzone come "Dottor Doberman" vive di diversi elementi: la musica, il testo, la mia voce ed il fatto che vado a cantarla in TV, nello show del sabato sera, tra Montesano, Baudo e la Cuccarini. Solo in questa maniera si crea l’evento, ma soprattutto solo in questa maniera il "cazzotto" arriva anche a chi non se lo aspetta. È dura ma è così: non ci si può più tirare indietro. PdP – È il vecchio discorso dei tuoi rapporti con i media, con la televisione in particolare…FDG – Lo so, ma per la gioia dei miei discografici, sono costretto a cambiare idea: sono sempre stato critico nei confronti della promozione e soprattutto di quella televisiva, ma oggi mi accorgo che non se ne può più fare a meno. O così o pomì: per la gente se non vai in televisione, non è perché non ci vuoi andare, ma perché non hai successo e neppure ti chiamano. Sembra che ormai sia la televisione ciò che legittima e completa il nostro lavoro; pare che alle soglie del duemila questo mestiere non si possa più limitare a scrivere una canzone ed a cantarla: bisogna forzatamente farla vedere in televisione, sennò non esiste. (FRANCESCO DE GREGORI – (DALLA RIVISTA BLU)

 

 

 

 

 

Ci sono tipo tutti in giro, topi tutti intorno,
topi mattina e sera, topi mattina e giorno.
Sudici topi, lucidi,
giocano a nascondino,
fanno tana nel tronco degli alberi,
dentro al nostro giardino.
Ci sono topi sui tuoi capelli,
dei lunghi topi chiari. Topi sui tuoi capelli. 

Ed io ti ho veduto salire, sopra un altare,
e dire una messa da topi,
e per i topi pregare.
E cucire ho veduto,
vestiti da sposa, per nozze di piombo.
E topi gridare e ballare,
sulla cima del mondo.
Ci sono topi tutti intorno,
topi in Via Frattina,
Traversavano la strada tranquillamente,
alle undici di mattina.
Sterminate distese di topi,
refrattarie ad ogni sterminio,
sorridevano dalle finestre tutte d'oro e d'alluminio.
Erano i topi del magro cuore,
seduti ad aspettare, il nostro magro cuore.
Così ti ho veduto dividere e moltiplicare,
Con 300.000.000 milioni di topi, da calcolare.
E trascorrere ho visto fanciulle,
con le guance di pesca,
e pescatori pescare,
usare occhi, per esca.

 

C’è veramente poco da dire su questa canzone se non che la cifra non l’ho inventata io, ma è quella che viene da una stima ufficiale più che attendibile circa il numero dei topi residenti in Italia nell’agosto del 1988, che è il periodo in cui ho scritto questa canzone. Immagino che da allora siano aumentati, ma non è colpa mia. Le “fanciulle dalle guance di pesca” le ho rubate a una vecchia canzone di Italo Calvino e Liberovici, che si chiamava, credo ‘Oltre il Ponte’. Se avete tempo andate a risentirvela.

Beh. non mi esprimo mai dicendo: "Vorrei un certo tipo di atmosfera". Generalmente si fanno dei tentativi, suonando. Per esempio nell'album Miramare 19.4.89, ad un certo punto della canzone che si intitola "300.000.000 di topi", volevo un intervento di pianoforte di un certo sapore; non sapevo come spiegarlo ed allora ho detto: "Vorrei qualcosa che ricordi il fraseggio di Elton John su quel dato pezzo". Gilberto Martellieri allora mi ha capito, anche se ciò che cercavo era poi completamente diverso dal brano di Elton John in se stesso. Cerco di fare delle citazioni, che possano dare un'idea di quello che desidero.

Miramare: "L'ecologia oggi è contemporaneamente un'emergenza e una moda.
Non è stato facile perciò scrivere questa canzone: sono stato combattuto fra l'urgenza di parlare di queste cose (anzi ho provato addirittura un certo imbarazzo per non averlo fatto prima) e la sensazione sgradevole di muovermi comunque su un terreno scivoloso, minato da banalità di ogni genere e catastrofismi a buon mercato.
E' venuta fuori una canzone senza aggettivi, piena di dolore e di rimpianto per un mondo collettivo e personale ormai tramontato: una canzone pre-politica o post-politica, se vi piace scherzare con le parole, ma non una vera canzone ecologica perché oggi, credo, l'ecologia è più che mai politica"
Pentathlon:
"Questa canzone non è dedicata a nessuno in particolare, non conosco nessuno che somigli alla persona (o alle persone) che fanno tutte queste cose, tipo vestirsi alla moda e farsi portare al guinzaglio e veramente non trovo nulla di criticabile nel comportamento degli altri, qualunque esso sia.
Trovo che facciamo parte tutti quanti di un bel Presepe, di quelli che ogni tanto la vigilia di Natale prendono fuoco perché qualcuno ha voluto esagerare con le luci.
E non ho nulla contro la musica che passano alla radio, né contro l'ossido di carbonio, né contro il pentathlon inteso come sport."

(De Gregori-Miramare 19.4.89)  

 

Nessun calcolo ha nessun senso, dentro a questa paralisi.
Gli elementi a disposizione, non consentono analisi.
E i professori dell'altro ieri,
stanno affrettandosi a cambiare altare.
Hanno indossato le nuove maschere
e ricominciano a respirare.
Bambini venite parvulos, c'è un ancora da tirare, issa dal nero del mare, dal profondo del nero del mare.
Che nessun calcolo ha nessun senso, e poi nessuno sa più contare!
Legalizzare la mafia sarà la regola del duemila, sarà il carisma di Mastro Lindo a organizzare la fila.
E non dovremo vedere niente
che non abbiamo veduto già. Qualsiasi tipo di fallimento ha bisogno della sua claque.
Bambini venite parvulos, c'è un applauso da fare al bau bau. Si avvicina sorridendo, l'arrotino col suo Know-how.
Venuto a vendere perline e a regalare crack!
Sabbia sulle autostrade, ruggine sulle unghie e limature di ferro negli occhi, terra sulle nostre lingue.
Avrei voluto baciarti amore,
ancora un poco prima di andare via, prima di essere scaraventato in questo tipo di pornografia.
Bambini venite parvulos, vale un occhio il vostro cuore, mille dollari i vostri occhi, i vostri occhi senza dolore.
Bambini venite parvulos, sangue sotto al sole!

 

Credo che sia una delle canzoni più chiare e dirette che io abbia mai scritto. Erano da un po’ di anni che avevo nella testa questo rifacimento maccheronico della frase evangelica (a causa della quale, credo non mi daranno mai una laurea ad honorem in Lettere Classiche), poi ho scritto tutta la canzone quasi di getto durante una passeggiata in montagna, senza nemmeno avere una chitarra tra le mani. E’ una canzone sull’abbassamento progressivo dell’età media dei killers e delle vittime nel mondo di oggi, e sul fatto che tutti e due portano la stessa marca di scarpe. E’ una canzone d’amore per i giovani.

 

 

 

«Vi racconto il Francesco De Gregori segreto»

SCARIO. Era il settembre ’83 quando il militante cilentano di Lotta continua resisteva all’incalzante yuppismo cullando il suo privilegio: entrare nella sala di registrazione di Francesco De Gregori....

di Ferruccio Fabrizio

 

SCARIO. Era il settembre ’83 quando il militante cilentano di Lotta continua resisteva all’incalzante yuppismo cullando il suo privilegio: entrare nella sala di registrazione di Francesco De Gregori. Vito Troccoli fu il primo a ascoltare La donna cannone, testo nel quale il cantante romano forzava per la prima volta l’ermetico linguaggio dei sentimenti. Lo chef di Scario e l’autore di “Quattro cani” sono amici per la pelle, da 40 anni. Amicizia un po’ randagia. Come Laika, il meticcio che il giovane De Gregori trovò per strada e portò con sé. Poi il Pci sparì e venne il tempo dei maremmani. Uno finì in regalo a casa Troccoli dopo una prodigiosa cucciolata nella fattoria umbra del cantautore. Intanto i due erano diventati compagni di viaggio da un pezzo. Dai tempi dell’università.

«Ci conoscemmo a Roma nel ’77, io ero nel movimento di estrema sinistra, lui stava con il partito di Berlinguer. Gli anni del collettivo politico, delle donne. Un giorno venne a Scario con un mio amico carissimo, Rossi, avevo 26 anni e studiavo Matematica dopo essere stato sergente nella Marina. Mi sono laureato ma non mi va di parlare dei miei titoli. All’epoca, quando nel paese si seppe del mio insegnamento, passai tutta l’estate a fare ripetizioni…».

Dieci anni fa la replica, una sera di dicembre.

Francesco mi fece una sorpresa: “Vieni, andiamo a Trastevere”. In via Gregorio VII trovai la sua band pronta, ascoltai in anteprima l’album Calypsos. Fu una magica notte.

Chef, matematico e rivoluzionario…

Lo chef è mia moglie, io ho deciso di fare il ristorante Lo Zifaro a tempo pieno dal ‘79.

Tempi cambiati, ora fate a gara a chi indovina i quiz davanti alla tv

E’ vero, con Francesco mi sono scambiato le risposte ogni sera sull’Eredità di Amadeus, ma sono quattro anni che non lo facciamo.

Perché De Gregori ha riabilitato Craxi, dopo averlo definito peggio di Nerone?

Chi non ammette i propri sbagli è un ignorante, con la politica attuale che c'è in Italia lo rimpiango anche io Craxi. Mussolini lo odio ma chissà che tra 10 anni ci faranno rimpiangere anche lui.

Della politica attuale Craxi non è stato il seme?

Francesco ha visto come vanno le cose oggi in Italia e l'ha rivalutato.

Al pubblico è apparso sempre un po’ scostante, saccente

Non lo è più. E’ diventato più malleabile. Credo lo abbia cambiato il tour che ha fatto con Lucio Dalla.

Ora firma anche gli autografi

Ma hai visto il duetto con Checco Zalone? De Gregori negli anni ‘70 non l'avrebbe mai fatto.

Una canzone concepita a Scario?

Il testo musicale de Il canto delle sirene, l’ispirazione gli è venuta qui

Troccoli, De Gregori e il mare del Cilento.

Lenza a traino, usciamo per le battute di pesca. Ci rivedremo a marzo per il nuovo tour.

http://lacittadisalerno.gelocal.it/tempo-libero/2016/01/07/news/vi-racconto-il-francesco-de-gregori-segreto-1.12740753.

 

 

Carne di pappagallo, non vogliamo mangiare più.
Signor Padrone, signor Padrone.

Quando il giallo di questo sole, di questa fetta di melone.
Quando il giallo di questo sole,
diventerà arancione.
Quando arriverà la sera,
dietro ai tuoi tacchi di padrone.
Signor padrone, signor padrone, non ne vogliamo mangiare più.
Signor padrone, signor padrone, non ne vogliamo mangiare più.
Tutta la vita lasciata andare, tutta la vita signor padrone,
dietro a queste traversine.
Da non vederne più la fine ma non ancora la fine, 

tutta la vita senza una destinazione.
Quando la rabbia e la preghiera, diventeranno ragione.
Signor padrone, signor padrone, non ne vogliamo mangiare più.
L'ho visto bene con i miei occhi, venire giù dal cielo,
un angelo di metallo che pareva vero.
E una ragazza con un guinzaglio e un collare d'argento,
e l'ho sentito con le mie orecchie, contare fino a cento.
E allora signor padrone,
non ne vogliamo mangiare più,
signor padrone, signor padrone, non ne vogliamo mangiare più.
Carne di pappagallo, non vogliamo mangiare più,
signor padrone, signor padrone. 

Quando il rosso di questo sole, di questa scheggia di mattone.
Quando il rosso di questo sole, diventerà marrone.
Quando il legno di questa foresta, diventerà carbone.
Signor padrone, signor padrone, non ne vogliamo mangiare più.
L'ho visto bene con i miei occhi, scendere giù dal cielo,
ed esplodere senza suono, come se fosse vero.
E dividersi questa pianura, fra stelle e scintille.
E l'ho sentita con le mie orecchie, contare fino a mille.
E allora signor padrone, non ne vogliamo mangiare più.
Signor padrone , signor padrone, non ne vogliamo mangiare più

“Uno si potrebbe domandare: “ma perché proprio di pappagallo”? Perché è variopinta e dura da mangiare.”

 

 

 

(De Gregori-Miramare 19.4.89)  

 

E' come il giorno che cammina, come la notte che si avvicina, come due occhi che stanno a guardare  da dietro a una tenda e non si fanno notare. E' come un albero nel deserto, come un trucco non ancora scoperto, come una cosa che era meglio non fare, come il cadavere di una stella, sulla schiuma del mare. E' fulmine, è grandine, è polvere è siccità, acqua che rompe l'argine e lascia una riga nera al primo piano di una città.
C'è qualcuno che bussa, baby aspettavi qualcuno?
Ho guardato di fuori baby e non ho visto nessuno!
C'è qualcuno che bussa, baby, e muove la coda.
c'è qualcosa che passa in questa stanza vuota.
Come una sagoma sul pavimento,
come sabbia sotto al cemento, come una magra malattia, come il passato in una fotografia.
Come una terra che diventa straniera,
come il mattino che diventa sera, sera di un giorno di festa e di pioggia, che diventa tempesta.
Come un lungo saluto,
come un sorriso che dura un minuto,
come uno sguardo buttato al futuro,
come un'occhiata al di là del muro.
E' venuto qualcuno, baby, che non si è presentato. E' venuto lo stesso, baby, ma non era invitato. E' venuto qualcuno, baby, che ci guarda e sta zitto. E c'è qualcosa che cambia, sotto a questo soffitto. E' come il giorno che cammina, anzi è la notte che si trascina.
Come una nuvola sulla coscienza,
come l'apocalisse in un racconto di fantascienza. Come dal nocciolo di un'esplosione, come dal chiuso di una nazione, come dal coro di una cattedrale o dalla tana di un animale. Come dal buco di una chiave, come dal ponte di un'astronave. Come io e te che stiamo a guardare, tutte queste cose... ...passare!
C'è qualcuno che bussa, baby aspettavi qualcuno? Ho guardato nel buio, baby, e non ho visto nessuno. Troppe volte zero, baby, non vuol dire uno. C'è qualcosa che brucia, in tutto questo fumo.

E’ un elenco, un indice: potrebbe anche essere l’indice di tutto questo disco. E’ una canzone scritta da un uomo molto nervoso che sta aspettando qualcosa, o peggio qualcuno, o peggio ancora, qualcuno che potrebbe essere qualcosa. E quest’uomo non conosce niente e nessuno e non sente niente se non dei piccoli rumori familiari e inquietanti, tipo dei colpetti dati dalla coda di un cane sulla parete dell’ingresso di casa (e l’ingresso è in fondo a un lunghissimo corridoio); oppure dei piccoli infarti, dei minuscoli allarmi, come dei trascurabili ma inspiegabili cortocircuiti. Per quanto riguarda i versi finali (ndr: troppe volte zero baby, non vuol dire uno…), vi devo dire che mi fanno pensare a due cose molto diverse tra loro e cioè a una rosticceria in Via Jenner a Roma durante gli anni ’60 e a Giovanna D’Arco.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Si' , ora canto la mia opposizione"

la Repubblica - 9 maggio 1989 - di Ernesto Assante

Francesco De Gregori ci parla del suo concerto di piazza del Popolo alla manifestazione del Pci

ROMA Si è trattato di un concerto politico, perché la collocazione era indubbiamente politica, perché le canzoni che ho cantato erano politiche. E' Francesco De Gregori che parla, all'indomani del suo grande concerto di Piazza del Popolo, sabato, che ha concluso la manifestazione del Pci dedicata al Coraggio di essere giovani. Mi piace sottolineare che il concerto non era un'aggiunta alla manifestazione, non era una sorta di gadget che il Pci offriva a chi partecipava alla giornata, ma una cosa completamente fusa con la manifestazione, con i temi che hanno chiamato i giovani in piazza e le canzoni che ho cantato erano nella manifestazione stessa. Ecologia e disoccupazione. Insomma una chiara scelta di campo. Sì, perché, ad esempio, non si può essere a favore dell'ecologia e non sapere chi è stato responsabile della politica ambientale in questi anni, non si può essere contro la disoccupazione ed approvare una politica che ha creato disoccupazione. Essere d'opposizione, in Italia, vuol dire essere schierati da una parte ben precisa, ed oltretutto io credo che il Pci oggi voglia essere un punto di riferimento per tutta la sinistra. Le mie nuove canzoni, il mio nuovo disco, sono lavori di opposizione, si collocano naturalmente in quell' area. Eppure l' impegno politico sembrava finito... C' è stato un lungo periodo, più di dieci anni forse, in cui la moda o il look sono diventati più importanti dell'impegno. Oggi è già una situazione molto diversa, chi ha venti anni la pensa diversamente da chi ne ha venticinque, ha già superato l'epoca del neo-liberismo, del reaganismo, e anche le fasi goliardiche dell'edonismo reaganiano di D'Agostino e cose simili, che hanno pagato negli scorsi anni ma che oggi probabilmente non hanno più senso. Diventerà una moda anche questa nuova ondata di impegno sui temi sociali, politici ed ambientali? Per me, di certo, l'impegno non è mai stato una moda, anzi ho sempre fatto dei dischi fuori moda, perché parlavano di politica, di terrorismo, di violenza, anche quattro o cinque anni fa, e poi anche se dovesse essere così, preferisco la moda dell'impegno a quella del disimpegno, e sono convinto che i giovani che erano in piazza sabato scorso non avevano certo scelto di esserci solo per moda. Scrivere canzoni politiche, cercare di parlar chiaro, in maniera più diretta, come ha fatto lei in Miramare, il suo ultimo disco, è più difficile che in passato? Credo che parlare con maggior chiarezza, in maniera più diretta, abbia innanzitutto bisogno di un'operazione su se stessi; devi cercare di superare il naturale pudore di dire una parola come ladro, come succede per esempio in una canzone come Dottor Doberman, riferita ad uno che non paga le tasse e fa aborti clandestini. Dipende dalla propria sensibilità, comunque; io ad esempio trovo immorale un medico, obiettore di comodo, che poi pratica gli aborti clandestinamente nella sua clinica privata, trovo che sia grave quanto la distruzione della foresta amazzonica o come altri temi più grandi per i quali ci si è mobilitati in questi anni. Voglio dire, insomma che non esiste solo la grande politica, esiste una politica di tutti i giorni, fatta di cose piccole e riconoscibili, per le quali la gente si indigna. Scegliere le parole. In Carne di pappagallo, torna un termine che nelle canzoni politiche è sempre stato usato, quello di padrone... Padrone non mi sembra una parola tramontata, di sicuro non lo è il concetto: sono le grandi compagnie multinazionali che distruggono la foresta amazzonica per il loro lucro, e come li vogliamo chiamare se non padroni? E ci sono anche altre parole che vengono dimenticate: in Italia, oggi, c'è chi vive con uno stipendio di un milione al mese. Non vogliamo chiamarli poveri? Insomma, scegliere le parole è sicuramente difficile, la paura che ho è sempre quella di essere frainteso, ma non ho la pretesa di insegnare qualcosa a qualcuno, di sostituirmi ad un insegnante. La canzone è uno specchio importante come un film, o un libro, però resta spettacolo, divertimento. Io scrivo le cose che penso, per comunicare un allarme, per mettere l'accento sulle cose che succedono. Ecco, fare canzoni allarmanti, dare ai ragazzi qualcosa di cui discutere, fare in modo che le canzoni siano la risposta ad uno stimolo che i ragazzi di oggi hanno, questo mi piace e credo sia molto importante, oggi.

 

 

La tua casa sta in collina, Dr. Dobermann, sei milioni a metro quadro.
E tua moglie vive come una regina, anche se vi vedete di rado.
Lei va a letto quasi sempre di mattina, che tu ti sei già alzato.
Qual è il prezzo, qual è il prezzo Dr. Dobermann,il prezzo che va pagato.
Per le cose che ti secca fare in pubblico,
  ma ti rendono bene in privato.

 

Tanti soldi e poche tasse, e non c'è scandalo,non è nemmeno peccato.
E' la vita il tuo mestiere, Dr. Dobermann, il tuo mestiere di mago.
La tua tana sta in collina, Dr. Dobermann, sei milioni al metro quadro.
E tua moglie sembra proprio una regina, però è la moglie di un ladro.
Se sei buono andrai all'inferno, Dr. Dobermann, ti stanno già ad aspettare.
C'è il tuo nome sull'elenco, puoi scommetterci, prova a bussare.

“Se dovessi fare un video di questa canzone sarebbe certamente un video di animazione, immaginate un grosso dobermann con uno stetoscopio a posto del collare che si aggira per i corridoi di una clinica privata con un camice immacolato e un enorme cucchiaio tra le mani.

 

Il bosco piano piano, si riprende le case. Sono immobili gli aeroplani, negli aeroporti sotto la luna.

Ammutoliscono i cani, per la groppa delle montagne, sono disperse le  greggi, abbandonati i pastori. 

Io vivo fuori, in questo Cosmodromo Messicano.

Tutto è forte, è chiaro, il cielo è un gigante, la vita è un acquario sopra di noi.

La luce è immensa.  

 

Forse l’ho scritta solo perché trovo affascinante la parola “cosmodromo”, dal significato così moderno (meglio sarebbe dire forse “contemporaneo”) e dal suono così antico. E’ la canzone più direttamente fantascientifica di tutto il disco e la fantascienza, come dice Kurt Vonnegut Jr. è una scienza che si occupa soprattutto del passato. Ho immaginato una persona molto sola sull’orlo del duemila che scrive questa lettera con un’enorme penna d’oca in una grande sala piena di spine staccate

 

 

Puoi sudare sette camicie, puoi stare fermo a non fare niente

Puoi nasconderti fra quattro mura, puoi nasconderti fra la gente.

Puoi dirigere una grande azienda, o farti portare al guinzaglio.

Puoi morire per una scommessa, puoi vivere per uno sbaglio.

il nodo della questione lo sai qual è?

Non cerchiamone una ragione, una ragione non c'è.

Tu non mi piaci nemmeno un poco,  

e grazie al cielo, io non piaccio a te.

Ti puoi vestire come dice la moda, e andare a spasso con chi vuoi.

ti puoi inventare una doppia vita, per nascondere gli affari tuoi.

Puoi buttarti sotto al treno, oppure puoi saltarci sopra.

e puoi rubare per quarant'anni e fare in modo che nessuno lo scopra.

Il problema rimane identico, il risultato lo sai qual è?

Non c'è niente da recriminare, va tutto bene, così com'è.

tu non mi piaci in nessun modo e grazie al cielo, io non piaccio a te!

Vorrei dirtelo in un orecchio, cosa puoi farci con quel sorriso,

con quel sorriso da passaporto, sempre incollato sul viso.

Credi davvero, che ti potrà aiutare, 

se una volta dovessi scegliere da che parte stare?

se una volta dovessi smettere di bluffare?

E la radio ci fa ballare, ci manda musica da mangiare,

la sera scende come un'emergenza sulla città.

La notte promette bene, piena di ossido e di sirene

è già pronto il domani, lo stanno consegnando già.

io sono nato ieri, lo sai senz'altro meglio di me.

I segreti per restare a galla li conosci meglio di me

ed è per questo che non mi piaci e grazie al cielo,

io non piaccio a te

Questa canzone non è dedicata a nessuno in particolare, non conosco nessuno che somigli alla persona (o alle persone) che fanno tutte queste cose, tipo vestirsi alla moda e farsi portare al guinzaglio e veramente non trovo nulla di criticabile nel comportamento degli altri, qualunque esso sia. Trovo che facciamo parte tutti quanti di un bel Presepe, di quelli che ogni tanto la vigilia di Natale prendono fuoco perché qualcuno ha voluto esagerare con le luci. E non ho nulla contro la musica che passano alla radio, né contro l'ossido di carbonio, né contro il pentathlon inteso come sport." In "Bootleg", però, dice chiaramente che è dedicata ad un atleta degli anni 80. E poi più volte ha detto di non aver mai nominato l'uomo in questione nè di doverlo fare..). Alla fine si ipotizzò su Daniele Masala, olimpionico.

 

(De Gregori-Miramare 19.4.89)  

 

Passa la tramontana sotto al ponte, 

passa la tramontana, mi batte sulla fronte.
Passa la tramontana, mi picchia il petto, 

passa la tramontana, si muore già di freddo.
Nessuno me lo sa spiegare da dove arriva, 

quando passa la tramontana non si respira.
Passa la tramontana e canta una canzone,

dentro quella canzone ci sta il tuo nome.
Dentro quella canzone c'è un pò d'amore, 

quando passa la tramontana mi batte il cuore.
Nessuno me lo sa spiegare che cosa sia, 

quando passa la tramontana se lo porta via.
Passa la tramontana, spazza la terra, 

passa la tramontana, viene la guerra.
Si fermano le finestre, si parla un pò più piano, 

quando passa la tramontana ti prenderò la mano.
Quando passa la tramontana, sotto al ponte, 

non c'è una nuvola in tutto il cielo, per tutto l'orizzonte.
Si chiudono le finestre, si accende una sirena, 

sarà di ali di passerotto la nostra cena.
E insieme si farà la notte forse meno scura 

e leveremo dal fondo agli occhi un filo di paura.

 

  

 

 

23/01 Mestre (Teatro Toniolo) 24.01 - Trieste 27/06 Modena (Stadio Braglia - The boxer, duetto con Joan Baez) 11/07 Legnano (Stadio) 12/07 Alessandria (Stadio) 13/07 Bergamo (Lazzaretto) 14/07 Como (Stadio) 15/07 S. Ilario (Festa Unità) 16/07 Forlì (Festa Unità) 17/07 Venturina (Stadio) 18/07 Poggibonsi (Stadio) 19/07 L'Aquila (Stadio) 20/07 Civitavecchia (Stadio) 21/07 Cava dei Tirreni (Stadio) 22/07 Pineto (Stadio) 23/07 Elpidio (Stadio) 25/07 Fiesole (Teatro romano) 26/07 Carpi (Festa Unità) 27/07 Monetvarchi (Festa Unità) 28/07 Lanciano (Ippodromo) 29/07 Ancona (Piazza del Papa) 30/07 Perugia (Estate Perugina) 01/08 Pergine (Teatro Tenda) 03/08 (Piazza del Popolo) 04/08 Amaseno (Collina Auricola) 05/08 Ascea Marina (Stadio) 06/08 Cariati Matina (Stadio) 08/08 Siderno (Stadio) 09/08 Reggio Calabria (L'Oasi) 11/08 Capo d'Orlando (Teatro al Mercato) 12/08 Pozzallo (Stadio) 13/08 Castiglione di Sicilia (Stadio) 14/08 Piazza Armerina (Piazza Europa) 16/08 Bisacquino (Stadio) 17/08 Acicatena (Piazza) 18/08 Catania (Villaggio S.Agata) 20/08 Biancavilla (Stadio) 24/08 Olbia (Stadio) 25/08 Nuoro (Anfiteatro) 26/08 Cagliari (Fiera) 06/09 Alba (Area ex Caserma Govoni) 07/09 Genova (Festa Unità) 08/09 Ravenna (Festa Unità) 09/09 Milano (Festa Unità) 12/09 Pisa (Parco della Cittadella) 13/09 Atripalda (Festa Unità) 21/09 Barile 22/09 Bologna (Festa Unità) 23/09 Torino (Palasport) 24/09 Cerveno (Campo sportivo) 28/09 Bari (Festa Unità) 30/09 Zurigo 01/10 Locarno 02/10 Modena (Umbi) 03/10 Modena (Umbi) 05/10 Cosenza (Campo sportivo) 07/10 Roma (Teatro Olimpico) 08/10 Roma (Teatro Olimpico) 09/10 Roma (Teatro Olimpico)