https://www.iltitanic.com/2023/poster.jpg

 

FDG Chi ha avuto l’idea di tutto questo? Diciamo che Antonello, negli anni, insistentemente mi diceva “ma perché non facciamo questo?”, secondo me un po’ punto dalla gelosia  perchè aveva visto che io avevo fatto delle cose con Lucio e si sentiva un po’…. e allora perché con me no? Come con te no, con te SI!

AV: Io non ci credevo quando De Gregori lanciò questa idea. Mi disse “Perché non ci vediamo a pranzo?” (che lui lo sa che non mangio a pranzo, quindi era una provocazione). Questo pranzo, dove solo lui mangiò, durò quattro ore e in quelle quattro ore tirammo in aria la famosa monetina dove venne fuori se si doveva chiamare “De Gregori & Venditti” o “Venditti & De Gregori” e venne fuori “VENDITTI & DE GREGORI”. Ricordo ancora, perché Francesco è molto vanitoso in queste cose, che gli rovinai la giornata.

FDG La verità è che “Venditti & De Gregori” suona meglio, in “De Gregori & Venditti” sento un inciampo.

AV Ma non è da questo particolare che si giudica un giocatore.

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/valle.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/valle.jpg https://www.iltitanic.com/2022/date/valle.jpg https://www.iltitanic.com/2022/date/valle.jpg https://www.iltitanic.com/2022/date/valle.jpg https://www.iltitanic.com/2022/date/valle.jpg https://www.iltitanic.com/2022/date/valle.jpg

ALESSANDRO VALLE

ALESSANDRO CANINI

AMEDEO BIANCHI

DANILO CHERNI

PRIMIANO DI BIASE

PAOLO GIOVENCHI

chitarre, pedal-steel guitar, mandolino

batteria

sax

tastiere

organo hammond

chitarre

https://www.iltitanic.com/2022/date/valle.jpg https://www.iltitanic.com/2022/date/valle.jpg https://www.iltitanic.com/2022/date/valle.jpg

https://www.iltitanic.com/2023/palm2.jpg 

https://www.iltitanic.com/2022/date/ugolini.jpg https://www.iltitanic.com/2022/date/marafioti.jpg

CARLO GAUDIELLO

FABIO PIGNATELLI

FABIANA SIRIGU

ROBERTA PALMIGIANI

LAURA UGOLINI

LAURA MARAFIOTI

pianoforte, fender-rhodes

basso

violino

violino

cori

cori

 

coordinamento e direzione musicale

ALESSANDRO CANINI e GUIDO GUGLIELMINETTI

 

 

Risultati immagini per SORRISI E CANZONI DE GREGORI VENDITTI

 

Antonello Venditti e Francesco De Gregori: «Siamo nati per cantare insieme»

«Siamo amici da 50 anni ma pensavamo che le nostre voci non andassero d’accordo. Invece... Vi aspettiamo al nostro grande concerto allo Stadio Olimpico di Roma il 5 settembre 2020!»  Sorrisi e canzoni – 12 dic 2019 – Enrico Casarini

 

Nella saletta di un hotel di Milano tutto è pronto per scattare le fotografie per la copertina e il servizio di Sorrisi. Francesco De Gregori e Antonello Venditti sono in arrivo. Tarderanno? Probabile, con questa pioggia monsonica il centro è tutto un ingorgo. Ma non c’è neppure il tempo di iniziare a preoccuparsi sul serio che loro sono già qui.

Chiacchierano fitto tra loro. Venditti inizia a salutare tutti. De Gregori si toglie il suo cappello da cowboy nero per indossarne uno bianco e canticchia a mezza voce: «Quando la banda passò...». La banda? Ma sì, è “La banda” di Mina! “Quando la banda passò, nel cielo il sole spuntò”, e fuori dalle finestre anche questa Milano non pare più nemmeno così grigia.

Nell’aria c’è anche una bella promessa. Il 5 settembre 2020 Antonello e Francesco suoneranno finalmente insieme in un eccezionale concerto-evento allo Stadio Olimpico di Roma.

I biglietti sono già in vendita (info: ticketone.it). E noi oggi siamo qui con i due cantautori per capire come mai, a una cinquantina d’anni da quando si conobbero al Folkstudio, storico locale romano, solo adesso si decidono a fare un vero concerto insieme. E per farci raccontare quel che hanno già deciso della serata di settembre. Bisognerebbe fare un’intervista, ma in effetti la cosa si trasforma in una chiacchierata in cui le battute s’inseguono e ciascuno ruba il tempo all’altro...

Direi di partire proprio dall’annuncio del concerto.

Venditti: «Oh, vedi che bello? Adesso si mette a fare il giornalista!».

De Gregori: «Ma dai! Dovrà impostare l’intervista, no? Lasciamolo lavorare! Allora: in effetti è un po’ di tempo che ci incontriamo sul palcoscenico. Nel settembre del 2018 io sono andato ospite al concerto di Antonello all’Arena di Verona per i 40 anni di “Sotto il segno dei pesci”, e in marzo lui è venuto a un mio concerto al Teatro Garbatella a Roma. Insomma, c’è stato un riavvicinamento musicale e “intellettuale”, anche se in realtà noi ci siamo sempre sentiti e visti a pranzo o a cena. Non avevamo mai pensato di suonare insieme, però. Io avevo anche la sensazione che le nostre voci non fossero compatibili e invece miracolosamente è successo, non so dire neppure quando».

Venditti: «Quando? La verità è che noi siamo nati per cantare insieme. Prendiamo Dalla e De Gregori: erano due personalità distinte. Noi no. Noi siamo una cosa sola, siamo Theorius Campus, il “personaggio” che dava il nome al nostro primo album. Ecco, adesso lui non se lo ricorda…».

De Gregori: «Oh, mica sono rimbambito!».

Venditti: «Ah, te lo ricordi? Quando abbiamo fatto quel disco non ci siamo chiamati Venditti e De Gregori, ma Theorius Campus, anzi Alexis Theorius Campus, che quando suona l’organo sfonda il cielo. Ecco, io credo che noi siamo ancora quello».

Il pubblico dei vostri concerti è “stratificato”, dai fan storici che hanno più di 60 anni fino ai ragazzini. Come avete tenuto insieme tante generazioni?

Venditti: «Guardi, io sono amico di Ultimo. Lui sa le mie canzoni meglio di me. E sono amico di Ermal Meta, di Mahmood... Pare che “Sora Rosa”, il primo pezzo che ho scritto, sia una canzone di riferimento per tutto il nuovo canto romano. Avverto per noi amore e rispetto, sento un “riconoscimento” di paternità di cui forse non ci siamo neppure mai accorti».

 

https://www.iltitanic.com/2022/nove5.jpg

 

De Gregori: «Una paternità che non abbiamo mai cercato. D’altra parte, io non avrei mai potuto scrivere le mie canzoni senza tener presente la lezione di Paoli, Endrigo, Lauzi, De André... E allora diciamo che tra i rapper e i trapper di oggi ci stanno quelli più ispirati e quelli meno, come in tutte le congreghe, cantautori storici compresi. I più ispirati hanno anche una buona cultura musicale e quindi non mi sorprende che Ultimo conosca le canzoni di Venditti meglio di Venditti. Tra i nostri esordi e oggi passano 50 anni, no? Noi abbiamo cominciato attorno al 1970: leviamogli 50 anni e fa 1920. Ecco, noi non sentivamo nessun appeal per le canzoni del 1920, appartenevano a un mondo passato, c’era stata una guerra di mezzo... E invece siamo stati a “X Factor” e i ragazzi ci hanno battuto le mani: è un po’ miracoloso».

Immagino che incontriate ovunque persone che vi dicono quanto siano legate a una vostra certa canzone, che è come se l’avessero scritta loro.

De Gregori: «Posso dire una cosa immodesta? Erano belle canzoni e le belle canzoni restano. Torno al discorso storico: se avessimo avuto una Terza guerra mondiale tra il 1970 e oggi, forse saremmo stati messi da parte».https://www.iltitanic.com/2021/103.jpg

Però dev’essere pesante sapere che se nel concerto non fate “Notte prima degli esami” o “Rimmel” la gente si arrabbia.

De Gregori: «Io ringrazio Dio di aver scritto certe canzoni, perché sono meravigliose e la gente ci si è attaccata. È come andare a sentire Frank Sinatra e non ti fa “Strangers in the night”... Meno male che ci sono!».

Venditti: «Io ora sto vivendo un miracolo: nei concerti suono integralmente l’album “Sotto il segno dei pesci” e sento che ha una forza evocativa che tiene in comunicazione più generazioni. È come se avessi colto un punto che sa di storia e di futuro al contempo».

A proposito di concerti, che cosa vedremo nel 2020 allo Stadio Olimpico?

De Gregori: «Faremo delle cose singolarmente con le nostre band e moltissime fondendo le due band. Io non escluderei, anzi, che le band unite suonassero per l’80% del concerto: verrebbe un suono straordinario».

Non oso pensare alla costruzione della scaletta…

Venditti: «Ma no! Sarà la cosa più bella e naturale del mondo: le cose stanno già saltando fuori. Lui però mi pone dei limiti, mentre io sono illimitato...».

De Gregori: «Eh, qui siamo in forte “disaccordo”! Per me, la durata ideale di un concerto è un’ora e tre quarti. Lui fa tre ore. E la gente non si dispera...».

Venditti:«Arrivo a tre ore e 40 minuti, quattro ore, e sono tutti contentissimi. Pagano un sacco di soldi per vederci e quindi... Insomma, ho scoperto in me una generosità che non pensavo di avere ed è bellissima».

 

De Gregori: «Ha ragione lui, in effetti, ma non volevo dirlo. All’Olimpico non faremo meno di tre ore».

Venditti: «Anche perché ogni giorno riscopriamo delle canzoni l’uno dell’altro che sono pazzesche!».

Antonello, cosa la sorprende oggi di Francesco?

Venditti: «Che sembra che tra noi ci sia stato un “travaso di cellule”. Io che normalmente sono considerato deciso e iracondo, divento una mammoletta in confronto a lui. E poi ha delle doti di showman insospettabili!».

Francesco, cosa la sorprende di Antonello?

De Gregori: «Il suo canto: è impressionante. Ha sempre cantato benissimo, ma mi stupisce ancora. E poi mi colpisce la qualità dei suoi pezzi. Mi sono innamorato di alcune sue canzoni diversi anni dopo l’uscita. Per esempio di “Che stupida storia è la vita”...».

Venditti: «Ma no! Si chiama “Che fantastica storia è la vita”!».

De Gregori: «Vabbè, non puoi pretendere che alla mia età io ricordi i titoli esatti!».

Perché non avevate mai fatto un concerto insieme?

De Gregori: «Perché ogni cosa vuole i suoi tempi. Ora lo facciamo perché abbiamo scritto una quarantina di buone canzoni che in qualche modo hanno pesato sulla vita dei nostri ascoltatori».

Venditti: «Posso dire un’altra cosa? Io ho scoperto Francesco come cantante e gli ho fatto i complimenti».

De Gregori: «Eh, sì, io canto meglio di lui ormai. Questo me lo dicono tutti».

Mentre le chiacchiere si sfrangiano e si smonta il set fotografico, c’è ancora tempo per qualche battuta. Venditti pensa bene di riaprire una ferita lontana: «Oh, io comunque t’avevo prestato tre dischi e non li ho più rivisti: “Tumbleweed connection” di Elton John, “Catch bull at four” di Cat Stevens ed “Every picture tells a story” di Rod Stewart...».

De Gregori non raccoglie. Lascia la stanza canticchiando ancora. Questa volta però non è Mina. È Celentano: «Siamo la coppia più bella del mondo...». Cinquant’anni dopo è ancora vero.

https://www.sorrisi.com/musica/concerti/antonello-venditti-e-francesco-de-gregori-siamo-nati-per-cantare-insieme/

 

 

 

 

 

 

RaiPlay con Fiorello. Antonello non ricorda l'episodio di seguito riportato e citato da Francesco durante la puntata.

_________________________________

"Se ciò può essere stato vero nella piccola famiglia della It, non vuol dire comunque che Francesco fosse completamente abbandonato a se stesso: al contrario ebbe anche lui le sue prime chance. Innanzi tutto fu inviato a Torino insieme ad Antonello per prendere parte a una trasmissione musicale serale, se non ricordo male diretta da Enzo Trapani.

lo tenevo molto a vedere la prima vera apparizione televisiva dei miei amici, così quando venne il momento curai di trovarmi davanti al teleschermo. Fu con raccapriccio che vidi Francesco e Antonello vestiti da autisti del primo Novecento, con cappelloni da fuochisti e occhialoni, comparire alla guida di una vecchia Ford di cartone.

In seguito Francesco descrisse nel suo famosissimo talkin' blues "Miele di rose per Giorgio Lo Cascio" questa allucinante esperienza.

Non so come, ma la solida tempra con cui erano stati forgiati fece sì che i miei amici sopravvissero a questo trauma, pronti per nuove avventure. Ecco infatti apparire sulla scena i primi raduni musicali all'aperto."

(Giorgio Lo Cascio)

___________________________

tratto da "De Gregori" - di Giorgio Lo Cascio (1990)

 

2° strofa estratta da "MIELE DI ROSE PER GIORGIO LO CASCIO"Risultati immagini per de gregori venditti raiplay

 In un certo senso io sono ancora vergine. Se la verginità in quel senso lì vi pesa molto, andatevene alla Rai Tv di Torino, in Via Verdi o giù di lì. E' un ambiente così Vittoriano che ti guardano male se ti piacciono le donne.

Il costumista fa "Sei carino travestito da autista primo '900" e il regista "Attento! Hai esattamente un minuto e mezzo per esternare la tua anima" e se tu gli rispondi che la tua anima dura almeno tre minuti lui ti guarda storto, ti fa rapporto e ti prende per comunista.

Non andate alla Rai Tv di Torino. Io ci sono stato, come dice Paul Simon, sono stato vomitato, inghiottito, deglutito e inglutito, minoreitanizzato, claudiovillato, littletonyzzato e… credo proprio che mi sia bastato.

Alla fine mi hanno vergognosamente messo in mano centomila lre ed io sono scappato come un razzo giù per i portici e, proprio dietro il cartellino del dentifricio Close-Up, incontro la Signora Aquilone e le faccio "Scusi tanto Signora, dov'è il cielo più vicino? Che ci vado a comprare del "Miele di rose per Giorgio Lo Cascio!"

 

 

 

Nel 2020 Venditti e De Gregori, 48 anni dopo il primo disco insieme Theorius Campus pubblicato dalla it/Micocci , il 5 Settembre allo Stadio Olimpico di Roma, a parte qualche sporadica parentesi di ospitate uno al concerto dell'altro, tornano a cantare insieme ufficialmente ed in un concerto tutto per loro.....è piacevole ed importante ricordare che nel 1972 realizzammo e pubblicammo le canzoni di Antonello Venditti e Francesco De Gregori con la nostra it/Micocci (io e mio fratello eravamo giovanetti e già collaboravamo con mio padre) nello stesso disco album Theorius Campus ed in 2 brani cantarono anche insieme (soprattutto un vero duetto in "In mezzo alla città"), e puntavamo solo noi sulla loro bravura di cantautori, nessuno ci credeva, come successe poi anche per Rino Gaetano (in seguito vi dirò cosa dicevano di loro anche i c.d. addetti ai lavori)...l'anno dopo, nel 1973, la it pubblicò prima l'album di Antonello "L'orso Bruno" e subito dopo quello di Francesco "Alice non lo sa"...devo confessarvi che avevo provato anche tre anni fa a dirgli di fare questa "bomba di concerto"non come un "unicum" ma come una tournee nei posti più belli italiani Patrimonio dell'Umanità, ma non ci sono riuscito perchè evidentemente i tempi non erano maturi ed io non sono propriamente un impresario, ma solo un "già" produttore editore, che era un altro lavoro...in bocca al lupo ad Anto e Francesco per quello che può diventare uno dei concerti del secolo per la musica "leggera" popolare italiana !..

 

Francesco Micocci

 

https://www.iltitanic.com/2022/20.jpg

 

Venditti e De Gregori, con Discovery+ alle prove del tour.

Insieme dopo 50 anni, in tour e dal 25/5 in serie da 6 episodi

 

"Eravamo ragazzi più giovani, adesso siamo ragazzi diversamente giovani.

Però è uguale - dice Antonello, giacca di pelle e occhiali scuri - cioè la gioventù è sempre uguale in tutte le epoche.

La gioventù è una: il mondo che ti si fa davanti e tu provi disperatamente a cercare il tuo posto nel mondo facendo un'infinità di...". "Non ho rimpianti perché ero giovane allora e adesso non lo sono più, è normale - gli fa eco Francesco - Certo, diciamo che quando ero giovane non avrei desiderato di essere vecchio, mentre adesso ogni tanto mi capita, da vecchio, di desiderare di essere giovane".

Cinquant'anni e una vita dopo le mitiche serate al Folkstudio e all'album congiunto Theorius Campus, Antonello Venditti e Francesco De Gregori tornano sul palco insieme con un'unica band per l'atteso tour al via il 18 giugno dallo Stadio Olimpico di Roma. Ma per la prima volta saranno insieme anche in tv con "Venditti & De Gregori - Falegnami e filosofi", racconto filmato delle loro prove, da domani, mercoledì 25 maggio, disponibile in binge sulla piattaforma streaming discovery+.

https://www.discoveryplus.com/it/show/falegnami-e-filosofi-venditti-e-de-gregori

 

 

 

 

 

Francesco De Gregori: “Una canzone sulla guerra in Ucraina? Scrivere a ridosso del disastro è sempre brutto”. Venditti: “In passato tra noi ‘scintille’, ma da fratelli”

di Andrea Conti | 1 Marzo 2022

 

I due cantautori, dopo lo stop forzato per la pandemia, hanno presentato l'evento che il 18 giugno si terrà all'Olimpico di Roma. Una reunion dopo 50 anni, nata durante un pranzo a Roma. La pandemia, la guerra in Ucraina e il ricordo di Lucio Dalla a dieci anni dalla sua scomparsa, questo e tanto altro nell'incontro con i due artisti

Due dei cantautori più importanti della musica italiana di nuovo insieme, a 50 anni dalla loro collaborazione con l’album “Theorius Campus” del 1972. Francesco De Gregori e Antonello Venditti hanno presentato l’evento che terranno assieme il 18 giugno allo Stadio Olimpico di Roma, cui seguirà un tour estivo di dieci date (per ora) dal 7 luglio da Ferrara al Summer Festival fino al 28 agosto a Taormina con doppia data al Teatro Antico. In autunno è previsto un tour nei teatri. Venerdì uscirà, disponibile su Amazon, il 45 giri con “Ricordati di me” e “Generale” (programmato in radio) ri-arrangiati ed eseguiti insieme. Per “Theorius Campus” i due artisti hanno iniziato a collaborare appena ventenni, durante un viaggio in Ungheria. Così sono nate le loro prime canzoni insieme per arrivare al disco, dove Venditti ha inciso, ad esempio, “Roma Capoccia” e De Gregori “Signora Aquilone”. In questi giorni si stanno registrando tutte le fasi di lavorazione del lavoro live e discografico perché tutto il materiale sfocerà in un documentario – come anticipato da Ferdinando Salzano di Friends And Partners, che produce i concerti – che potrà contare anche sulle immagini del concerto all’Olimpico.

https://www.iltitanic.com/2023/loro.jpg “L’idea di cantare insieme non ci era mai passata per la testa, – ha ammesso De Gregori – abbiamo cominciato da ragazzini, poi le nostre carriere si sono sviluppate in maniera parallela e differente. Abbiamo preso strade diverse per per stile, repertorio, atteggiamenti, ma ci tenevamo d’occhio sempre. Ogni tanto l’idea di fare qualcosa assieme veniva fuori, con una telefonata, una chiacchierata. Così è accaduto che a un pranzo, in un ristorante di Roma, abbiamo bevuto un po’ di vino, abbiamo cominciato alle 13 e finito alle 16:30 di pomeriggio a furia di parlarne e dire: ‘Ma veramente lo vogliamo fare?‘. Ma all’inizio non c’era niente di strutturato, l’idea che condividevamo è che alla gente sarebbe piaciuto molto vederci insieme”.

Antonello Venditti ha scomodato un paragone ciclistico: “Noi siamo stati visti per tanti anni dai fan come antagonisti, un po’ come Coppi e Bartali. Per me ogni canzone che scriveva Francesco era come se l’avessi scritta io. In passato c‘è stata qualche ‘scintilletta’ tra noi ogni tanto, ma sempre come fossimo fratelli. Sarà un Venditti-De Gregori compiuto, un confluire naturale. La cosa sorprendente è che io e lui ci guardiamo e sappiamo già cosa accadrà. È come se oggi avessimo avuto il tempo per ragionare sulle cose che si sono fatte, con l’atteggiamento sempre un po’ cazzaro da bambini”.

L’evento all’Olimpico e il progetto del tour è stato bloccato da questi due anni di pandemia. “È stato come se il tempo si fosse fermato con l’angoscia dell’uomo di fronte alla vita – ha continuato Venditti -. In questo periodo abbiamo fatto i conti con la solitudine che è il nostro stato primordiale: c’è chi ha ritrovato se stesso, c’è chi si è perso la verità per strada, ma io vedo gli effetti di quello che è successo sui ragazzini alle prese con stress emotivi enormi. Io, per esempio, non sono mai uscito di casa magari durante in questi mesi, mentre altri erano pervasi da moti di ribellione e c’è chi si metteva a bruciare i cassonetti. Ho visto delle cose sotto casa mia a Trastevere… Forse tra dieci anni riusciremo a capire bene cosa ci è successo e cosa sta succedendo ancora oggi. Noi poi del mondo della musica continuiamo a vivere nell’incertezza e tra mille contraddizioni: perché nei teatri si può cantare e nei palazzetti no? Sono cose che fanno male proprio all’intelligenza. Ma come cantavo: sarà quel che sarà, questa vita è solo un’autostrada che ci porterà alla fine di questa giornata. Non dobbiamo aspettarci niente di troppo e niente di meno. Dobbiamo vivere la vita”.

Poi il pensiero inevitabilmente porta all’attualità e alla guerra in Ucraina per mano della Russia, così Francesco De Gregori ha affermato sull’eventualità di scriverne una canzone: “Volevo citare un brano di Checco Zalone ‘Maremoto a Porto Cervo’, il senso della canzone è che gli artisti devono scrivere le canzoni prima, prevedendo i disastri, quando scrivono invece le canzoni a ridosso del disastro viene sempre fuori una cag**a perché fatta in fretta, viene brutta. Sto seguendo in tv gli eventi della guerra in Ucraina e su tutti – dai giornalisti ai politologi – ho visto soprattuto paura e smarrimento. È una sensazione che tutti proviamo, compresi me e Antonello. Quanto alla mobilitazione, per ora è al di fuori della mia testa. Che dovrebbe fare il mondo della musica un concerto?”. E Venditti ha aggiunto: “Noi abbiamo vissuto 50 anni di concerti e marce. La verità sta nelle canzoni, nell’arte. Un concerto non deve essere qualcosa di posticcio. C’è la guerra e bisogna cantare: ma chi l’ha detto? Piuttosto che cantare brutte canzoni sulla pace, la guerra e sulla politica è meglio stare zitti anche perché se no viene fuori pura retorica. Abbiamo visto concerti per terremoti… Ma sempre la competenza sulle cose. Siamo credo molto lontani da qualcosa di strutturato”.

Infine l’annuncio del progetto congiunto De Gregori-Venditti è caduto vicino al decimo anno dalla scomparsa di Lucio Dalla: “Ho avuto fortuna di lavorare con Lucio per ben due volte e condividere le nostre carriere con lui, aspetti scherzosi, ma anche seri. – ha ricordato De Gregori –Lui era una persona molto seria, poi a volte faceva ridere. Non mi piace l’aspetto celebrativo. Io l’ho conosciuto e ci ho lavorato da vivo e voglio ricordarlo da vivo”. Infine Venditti ha svelato un aneddoto: “Dalla mi ha salvato dopo la mia separazione, mi ha trovato una casa a Roma a Trastevere a 50 metri dalla sua. Era uno che ascoltavi sempre perché raramente aveva torto”.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2022/03/01/francesco-de-gregori-una-canzone-sulla-guerra-in-ucraina-scrivere-a-ridosso-del-disastro-e-sempre-brutto-venditti-in-passato-tra-noi-scintille-ma-da-fratelli/6511402/

 

https://www.iltitanic.com/2023/ri.jpg

 

Diretta da Stefano Pistolini, la serie in 6 episodi è un progetto inedito, realizzato in collaborazione con Caravan, Friends&Partners e New Sound City, che per la prima volta apre al pubblico il cantiere musicale dei due artisti alle prese con gli arrangiamenti delle loro canzoni più famose, svelando i loro caratteri, le loro diverse personalità e i loro spigoli in una lunga storia di amicizia e complicità musicale. Intanto, a grande richiesta, si aggiungono due nuovi appuntamenti romani al tour, l'1 e il 2 settembre alla Cavea - Auditorium Parco della Musica di Roma.

Antonello Venditti e Francesco De Gregori con "Bomba o non bomba" e "La storia siamo noi" si sono esibiti sul palco di X Factor 2019, durante la quinta puntata dedicata agli inediti. I due cantautori tra gli applausi del pubblico e l'apprezzamento sui social hanno dato un annuncio importante: un’idea che ci è venuta qualche giorno fa - ha detto De Gregori - faremo un concerto all'Olimpico a Roma il 5 settembre.

Un ritorno alle origini per entrambi perché l’esordio musicale di Venditti e De Gregori avvenne nel 1972 con Theorius Campus, il primo e unico album di Antonello Venditti e Francesco De Gregori. L'album riscosse scarso successo, tuttavia tra i pochi compratori figura un giovanissimo Luciano Ligabue: “A dodici anni ho capito che c'era qualcuno che poteva fare le canzoni in modo diverso, erano i cantautori. In particolare Theorius Campus di Venditti e De Gregori ha cambiato la mia percezione” 

"Per certi versi io e lui [De Gregori] siamo come i Beatles e i Rolling Stones: ci stimiamo reciprocamente e siamo amici. Poi siamo diversi, certo, ma essere diversi non implica necessariamente essere rivali: la competizione è un gioco da giornalisti musicali che non mi appartiene. Io e De Gregori siamo innanzitutto amici, e non è detto che l'amicizia debba per forza concretizzarsi anche a livello professionale. Anzi. Invece di suonare insieme potremmo andare al cinema, o semplicemente frequentarci. L'unica cosa che è cambiata tra di noi rispetto al passato è la maggiore consapevolezza di noi stessi: oggi sappiamo chi siamo, prima no".

https://www.leggo.it/spettacoli/t

 

https://www.iltitanic.com/2022/nove9.jpg

 

 

"Ricordati di me" con le voci dei due cantautori romani settantenni che si preparano al tour estivo

De Gregori e Venditti, uno struggente eterno ritorno

di Enrico Sisti, 1 Marzo 2022.

Si faccia avanti chi, parte di una certa e ampia generazione, non sente ancora il bisogno della “…notte crucca e assassina…” e di quella città “… allagata da questo temporale…”. Capita anche a te di pensare che al di là del mare c’è qualcosa che puoi prendere a piene mani, in un luogo in cui l’anima può vivere leggera? Venditti e De Gregori insieme. Non è una novità. Ma in fondo lo è.

Avevano deciso già due anni fa di tornare a viaggiare insieme per un po’. Poi il concertone all’Olimpico è slittato per la pandemia. Dovrebbero suonare a giugno. L’antipasto sono le due canzoni registrate in studio sotto forma di duetthttps://www.iltitanic.com/2022/25.jpgo: “ Generale” e “ Ricordati di me”. Stessa filigrana, stesse emozioni, la voce di Francesco pastosa come un tempo, quella di Antonello un po’ più secca di prima. Ma sono dettagli.

Tornano e adesso è curioso che finiranno per ripresentarsi esattamente a 50 anni da “Theorius Campus”, il debutto discografico comune, uno dei dischi “ seminal” della canzone d’autore italiana, uno dei punti estetici, culturali, esecutivi, fisici e mentali da cui ogni volta partiamo per ragionare di cantautori, più “singwriting” che “songwriting”, una delle pagine più coraggiose e riuscite del panorama italiano, anche se poi lasciata così, sola, a rappresentare una dimensione che nel corso degli anni è diventata per i due campioni quasi fastidiosa, una specie di ingombro.

Ci sono tanti artisti che continuano a raccontare di sé sul palco. Ci sono ultrasettantenni che combattono con la chitarra in mano, il microfono davanti, un’armonica in bocca e le proprie canzoni nella bisaccia. Tutti diversamente ragazzi che s’impegnano e si divertono a suonare dal vivo per la rete o che attraverso la rete fanno ancora politica: vengono in mente Jackson Browne, Neil Young, Mick Jagger, Brian Wilson e ovviamente Paul McCartney, senza contare Elton John che si offre a revisioni modernizzate del suo stesso mito (alcune geniali come “Sacrifice” e “Rocket man” di Dua Lipa). Venditti e De Gregori sono come i loro colleghi stranieri la prova della forza del carattere e dell’inestinguibile spinta di un talento naturale. Nel loro caso però, forse, e diciamo forse, ha più senso il concerto che la revisione ( parziale) in studio dei grandi successi. Ma è anche vero che quando De Gregori entra in voce su “Ricordati di me” e appunto canta “…capita anche a te…”, beh, scattano i brividi, c’è poco da fare.

Questi signori non si ripresentano per dirci che hanno ancora 30 anni. Si ripresentano per dirci l’esatto contrario: che ne hanno 70 (De Gregori) e 72 (Venditti), perché il tempo è passato, perché così ha un senso, perché il microsolco del vinile si è trasformato nel solco delle rughe sul viso. Una canzone scritta nel secolo scorso ha il dovere il ricordarci che è stata scritta nel secolo scorso. Una canzone può invecchiare, l’emozione che provoca no. La doppia “ anima ribelle” è sopravvissuta a ogni scossone. E persino alle reciproche battutine. Magari Francesco e Antonello sono come la loro città: eterni.

https://roma.repubblica.it/

https://www.iltitanic.com/2022/nove5.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/16.jpg

 

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/20.jpg

 

Bomba o non bomba / La leva calcistica della classe '68 / Modena / Bufalo Bill / La storia / Peppino / Generale / Sotto il segno dei pesci / Che fantastica storia è la vita / Dolce signora che bruci / Alice / Sangue su sangue / Santa Lucia / Canzone / Ci vorrebbe un amico / Sara / Notte prima degli esami / Pablo / La donna cannone / Unica / Rimmel / Titanic / Giulio Cesare / Alta marea / In questo mondo di ladri / Sempre e per sempre / Roma capoccia / Il vestito del violinista / Ricordati di me / Viva l'Italia / Buonanotte fiorellino / Grazie Roma

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/08.gif

 

Gli inimitabili: De Gregori e Venditti all’Olimpico

(di Stefano Pistolini)

  

Canzoni imbattibili, irruzioni nel repertorio altrui, band e stili fusi, un’interpretazione italiana del condividere: ieri a Roma c’è stata la prima data della “cosa insieme” di Francesco e Antonello, artisti talmente diversi da essere complementari

Cantano tutti nella notte. Con naturalezza. Canzoni che conoscono da sempre. L’estate romana, l’Olimpico sold out, le note di Also Sprach Zarathustra di Strauss a fare da auto-ironica soundtrack all’entrata in scena della band. Presupposti per la classica volta da ricordare, dal momento che Francesco e Antonello, dopo i periodici ammiccamenti e i saltuari rendez-vous seguiti ai comuni esordi di mezzo secolo or sono, infine l’hanno messa in scena davvero la “cosa insieme”: un lungo tour, open air nei mesi caldi e poi nei teatri d’autunno, in cui condividere e scambiarsi tutto – canzoni, parti vocali, battute e naturalmente le schiere di rispettivi ammiratori che,https://www.iltitanic.com/2022/27.jpg se ci pensate, sono una geografia strana, che prevede aree di sovrapposizione, ma anche contrapposizioni, tra il mondo-De Gregori che poco alla volta s’è andato edificando sulla sua discografia, speculativo, reattivo ai segnali del mondo della politica e della storia, appassionato all’etica e a una visione confidenziale degli amorosi sensi e – prospiciente come in un grande condominio della Capitale – il pianeta pop delle passioni di Venditti, romantico, sanguigno, venato di nostalgie, traversato da invettive, disillusioni e trasporti sentimentali.

Ma qual è il metodo che Antonello e Francesco hanno scelto per entrare, senza bussare, l’uno nelle canzoni dell’altro? Diremmo “irruzione”, piuttosto che “appropriazione”: ciascuno che mette il suo stile – talmente diverso – al servizio della scrittura dell’altro, senza piegarsi troppo, mantenendo la propria vocazione e in certi casi scegliendo di non cantare – non a caso, quando arrivano Niente da capire o Titanic Francesco le fa da solo, e lo stesso accade quando Antonello intona Notte prima degli esami – sebbene i due si concedono la trasgressione di una Donna cannone smezzata nemmeno fosse un tramezzino, e quell’azzardo miracolosamente funziona. E il suono? Qual è il possibile punto d’incontro tra il rock-blues elettrico a cui è votato l’ultimo De Gregori, col lontano sound matematico, scandito dai sequencer, di Venditti? Secondo la collaudata formula “si vince al centro”, c’è una formula del “metti & togli” che organizza i contributi dei musicisti (anche loro salomonicamente divisi tra membri delle rispettive band) secondo lo stretto necessario, l’essenziale, soltanto con saltuari momenti d’insieme.

 E diventa sempre più chiaro, col consumarsi della set list, che è il lato emotivo, diremmo perfino affettivo, a comandare la temperatura della serata. Perché, per quanto i due artisti ostentino tutta la nonchalance di cui sono in possesso, per quanto “sdrammatizzare” sia la parola d’ordine, per quanto Antonello e Francesco su quel palco ci stiano come dei primatisti nella loro piscina, alla fine alla liturgia cerimoniale non si riesce a sfuggire: questo concerto celebra, per amore o per forza. Celebra un’amicizia tra due grandi musicisti e una storia che proviene dai rispettivi vent’anni, con le prerogative, le frizioni e gli incidenti di quell’età scapigliata, tra anime talmente diverse da essere complementari. Due artisti che nel tempo si sono seguiti e ascoltati a vicenda, talvolta ammirati, forse perfino invidiati. Ma celebra e sottopone a ingrandimento anche un’interpretazione italiana del trasmettere e del condividere: attraverso la forza del linguaggio, la densità della poesia e quelle idee melodiche, pirotecniche e inimitabili, negli anni della formazione spuntate nella testa di Antonello e Francesco e provenienti da ogni dove – l’America, la musica popolare, la passione politica, la voglia di emergere e anche un’educazione borghese le cui tracce in circolo sono sempre più lievi, sfumate, sottilmente anacronistiche.
https://www.rollingstone.it

 

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/nove4.jpg

 

Impressioni a freddo della serata di ieri.

Partivo prevenuta è vero, ma non avrei mai pensato potesse piacermi questa accoppiata, eppure, nonostante continui a non amare particolarmente Venditti, sono rimasta colpita.

Scaletta azzeccatissima, devo dire di aver apprezzato molto le scelte di entrambi.

È stato bello vedere Antonello commuoversi per qualche secondo, sulle note di Ci vorrebbe un amico.

L'omaggio a Dalla è stato un momento emotivamente altissimo (l'ho anche salutato personalmente,  con un non proprio sussurrato CIAO LUCIOOO, spero che mi abbia sentito lassù!🤍).

Arrangiamenti pazzeschi, interpretazioni giuste,  location incredibile.

Una bella carrellata di emozioni insomma, sicuramente favorito dall'atmosfera della magica Roma  alla quale sono  entrambi legatissimi (e lo hanno  dimostrato).

E poi...riflessioni mie...https://www.iltitanic.com/2022/07.gif

Quando Francesco suona l'armonica, vado fuori di testa. Siamo solo io e lui. È il nostro momento, così intimo e profondo,  che ha il potere di cullarmi e calmarmi, come solo lui sa fare. Sparisce il mondo intorno, ed io mi lascio trasportare

E la sua voce.

Ve l'ho già detto credo, che  la riconosco come quella di uno di famiglia.

Quando comincia a cantare, mi sembra di essere tornata a casa. E lo so che le sue buste della spesa sono piene di cose che non mi riguardano, ma va benissimo così.

Io amo il modo in cui si rende il mio porto sicuro, anche se lui non lo sa.

Amo il fatto che non mi serve che lo sappia , perché la nostra storia è perfetta così.  Una storia d'amore bellissima,  fatta di momenti solo nostri,  di segreti mai confessati, di transenne conquistate e chilometri macinati.

C'è quel posticino nel mio cuore che gli appartiene da sempre , e che nessuno potrà mai sostituire.

Amo le  facce e sorrisi degli amici che ritrovo ogni volta come una grande certezza, che sanno  di cosa parlo e che capiscono quello che sento.

Amo i concerti e la musica che mi nutre, ogni giorno, come la madre delle mie  emozioni.

E poi amo Francesco, immensamente, imprescindibilmente e incommensurabilmente.

Amen

Ps. Una cosa che ho capito da questo concerto è che mai mai mai mai mai più nella vita un posto che non sia la transenna. (Quanto ho sofferto!!!)

Serena Menichini  (video di Antonella Tartaro)

 

https://www.iltitanic.com/2022/20.jpg

 

Potrei dire tante, troppe cose sul concerto all’Olimpico. Molte di queste cose le terro’ dentro di me come un tesoro prezioso. Le altre le posso condividere qui su questo gruppo di amici. Amici con i quali abbiamo condiviso un evento unico. Un rito catartico collettivo, come ogni buon concerto dovrebbe essere. Le emozioni sono state tante, ad ogni brano, sia del nostro Principe che di Venditti. E anche se suonano strani i brani di Degre cantati da Venditti (vocalità, stile, espressione, suoni diversi…) posso garantirvi che l’emozione è arrivata tutta. L’emozione di due amici che si ritrovano su un palco dopo 50 anni e che si emozionano a sentire cantare uno stadio che ha ritrovato la voglia di stare insieme e di vivere la musica. Certo quando Francesco canta io vibro (Santa Lucia, la Storia, Sempre e per Sempre…), ma una lacrima è scesa su ‘Giulio Cesare’, ’Peppino’..e poi, all’uscita dallo stadio cantare a squarciagola ‘Pezzi di vetro’ con un gruppo di ragazzi scanzonati e felici. E poi ballare allegra con tre scatenati ‘vendittiani’ ‘Canzone’ di Lucio Dalla e trascinare mezza platea. E poi stare con i miei amici speciali con i quali ho condiviso questo viaggio bellissimo…e poi…la musica, la cosa che amo di più e che mi salva sempre, da tutto.

Gratitudine e gioia

Marieteresa Franza

 

https://www.iltitanic.com/2022/20.jpg

 

Francesco De Gregori e Antonello Venditti, il concerto all’Olimpico di Roma: “Auguriamo ai giovani di sopravvivere tra 50 anni come noi”

 

In quarantaquattromila hanno applaudito e cantato per più di ore e mezzo di show con Francesco De Gregori e Antonello Venditti. Il progetto del concerto di Roma, e del tour che segue, ha iniziato a prendere forma 4 anni fa ma è slittato per due anni a causa della pandemia. “Dopo essersi interrotto, oggi il nostro rapporto si è compiuto. E ci possiamo mandare a quel paese da amici e non per interposta persona. Siamo fratelli, e la fratellanza non può interrompersi mai – hanno detto i due cantautori poco prima di esibirsi live, durante un incontro con la stampa -. Per la scaletta abbiamo abbiamo seguito una sceneggiatura, quella della nostra vita. ‘Partirono in due ed erano abbastanza‘, cantiamo e siamo noi. L’obbiettivo è fare festa: il nostro repertorio è il carburante, abbiamo portato le salsicce buone per fare barbecue”.

 

https://www.iltitanic.com/2022/bissacco1.jpg

 “Fare una canzone ad hoc contro la guerra sarebbe stata demagogia – ha spiegato Venditti -, le canzoni hanno le ali e ognuno attribuisce loro un significato a seconda della situazione. Come anche Falcone e Borsellino. Non serve mostrare le loro immagini in concerto perché sono dentro di noi. Quello che abbiamo fatto è una cosa abnorme, ma non dobbiamo dimostrare nulla. A nessuno dopo 50 anni è mai capitato di compiere quello che non aveva compiuto prima. Ma i tempi sono giusti oggi. Una cosa ben strana. Francesco e la sua musica fanno parte della mia vita, i suoi successi sono stati i miei, siamo come due fratelli, con alti e bassi, ma resta la fratellanza anche se non abbiamo una vita artistica in comune”.

Francesco De Gregori ha aggiunto: “Sono cinquant’anni dall’uscita del primo album ‘Theorius Campus‘, ma non avevamo pensato a un concerto anniversario, è successo, abbiamo iniziato a lavorare a questo evento quattro anni fa. Noi non abbiamo niente da dimostrare, siamo due amici che suonano insieme. Siamo dei sopravvissuti, e auguro alle nuove generazioni di sopravvivere tra 50 anni come noi”. Venditti però ha aggiunto: “Ma quale sopravvissuti! (ride, ndr) Siamo un fiume in piena, mi sento creativo, con tanta voglia di fare anche più di prima, mi sento ancora creativo e sono qui per godermela fino in fondo. Non ho né rimorsi né rimpianti”.

https://www.ilfattoquotidiano.it/

 

Pioggia e sole cambiano la faccia alle persone

Roma, 18 giugno 2022 ore 21,00:

 

Migliaia di volti arrivati da tutta italia, per diverse strade e con storie diverse affollano lo Stadio in attesa che si accendano le luci lì sul palco… e per un momento, in quell’ intermezzo  sospeso nello spazio e nel tempo che solo la musica può creare, i 44.000 dell’Olimpico sono stati una voce sola ed una sola canzone.

Dopo un tempo infinito senza musica, fatto di distanza e isolamento e paura degli altri, dove siamo stati capaci di dividerci su tutto, persino su mascherine e dosi di vaccino, forse quei due ragazzi degli anni ‘70, così diversi per carattere e carriera, che per 50 anni si sono persi, hanno fatto a pugni, e infine si sono ritrovati, hanno provato a indicarci “una strada”  e per lo spazio di un concerto, hanno lasciato da parte vecchi rancori, per infilarsi le stesse scarpe  e tuffarsi a capofitto in quest’ondata entusiasmante di parole e musica.

Senza rimpianti senza paura, è vero, come cantava Venditti tempo fa, nel brano dedicato al vecchio compagno di viaggio ( “Francesco” ), ma anche anche senza retorica, senza affettazione, dribblando la  temuta “operazione nostalgia” e scambiandosi il pallone sul palco con una serie di passaggi sapienti e dosati.

Sulla scaletta è stato detto già tutto, mi basta ricordare  “Santa Lucia” di fronte allo stadio ammutolito e poi a due voci “dolce signora che bruci” il primo disco, e l’emozione di “Sempre per Sempre” …in fondo la narrazione dell’inizio della https://www.iltitanic.com/2022/26.jpgloro amicizia e il lieto fine del ritrovarsi sempre dalla stessa parte…su di un palco, a fare musica.

Tornano alla memoria i primi passi,   quando a Ro­ma fuori dal Folkstudio c’erano ragazzi che non avevano un posto in cui suonare. Antonello e Francesco hanno  vent’anni e diventano amici. Nel ‘71 partono in treno  per un tour  in Ungheria fra vodka fabbriche e miniere finanziato dal PCI; Nell’ anno successivo pubblicheranno Theorius  Campus

 “un tempo in cui pensavi di poter fare tutto meglio di tutti, non avevi troppi dubbi, L’importante era scrivere un’altra canzone, farla sentire in giro, Poco senso autocritico, molta voglia di suonare”

Personalmente non sono mai stata fra i critici dell’accoppiata; ho sempre pensato che comunque sarebbe stata una bella festa ed è stato proprio così …in fondo questi due giganti della scuola romana che a 70 anni si ritrovano unendo le loro fantastiche band per cantare insieme “un’altra volta”, sono   un esempio per tutti, anche per i nostri piccoli rancori quotidiani.

Dopo due anni di attesa e infiniti rinvii, qualche polemica di troppo, biglietti venduti e poi ricomprati, la tanto chiacchierata reunion dei due antichi rivali, poteva e doveva essere semplicemente una festa, e festa è stata:  festa del ritorno, festa della musica, e - perchè no ? - anche festa di Roma, quella Roma Capoccia che li ha visti iniziare insieme giovanissimi...dietro il mitico portone del civico 59 di Via Garibaldi,  non meglio identificati “ragazzi del Folk”.

Poi i primi dissapori, le molte interpretazioni approssimative, come il fatto che “pianista di piano bar” sarebbe stata dedicata a Venditti, il resto è storia, le scelte artistiche differenti e la lunga distanza.

Nel Settembre del 2018 il Principe è ospite al concerto di Antonello all’Arena di Verona per i 40 anni di “Sotto il segno dei pesci” e in marzo   Venditti ricambia il favore andando alla Garbatella. infine il progetto del Tour e il lungo stop.

E il pubblico ha saputo captare il segnale e ha risposto sulla stessa lunghezza d’onda, con entusiasmo , senza fanatismi o  tifoserie,  ma solo con la voglia di esserci per dare libero sfogo all’energia

 Che alla fine anche quando la tifoseria c’é ed è sana, diventa un altro modo di giocare … magari col vicino di posto “Vendittiano”, gareggiando a chi urla più forte le canzoni  del proprio preferito. 

una folla che dopo 50 anni di carriera  non si è ancora stancata di applaudirli e se ne va via incredula, dopo quasi tre ore di musica, consapevole di aver vissuto un’ esperienza senza precedenti e sostando ancora all’uscita dell’Olimpico, come in attesa di un bis …come se quel concerto non dovesse mai finire.

E’ passata mezzanotte quando dai furgon-bar dei venditori ambulanti risuonano  ancora le note di “Giulio Cesare” , qualcuno accenna “quattro cani per strada”… e sono in  migliaia quei “cani per strada” venuti da ogni parte fino a Roma ad annusare la vita, …la vita.

Se ne tornano a piedi; la metropolitana è già chiusa da un pezzo, i taxi non disponibili,  attraversando i ponti sul Tevere, per le strade di Roma, fra lucciole, polvere e adrenalina, nuovi amici incontrati per caso, il cuore ancora  dentro alle scarpe e in tasca la sensazione di aver assistito ad un evento unico, qualcosa di più di un semplice concerto.  Fortuna che  i bar, (almeno quelli !)sono ancora aperti e non chiudono alle dieci e mezza come a «Dublino»

Solo un po' d'amore li teneva insieme…

Daniela Spaziani Gregori

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/nove2.jpg

 

2022 https://www.iltitanic.com/2022/51.JPG 2022 

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

FERRARA 7 LUGLIO 2022

 

Venditti e De Gregori a Ferrara: una serata di pura poesia e amicizia. Prima data del tour italiano. Sul palco pezzi storici, da “Grazie Roma” a «Viva l’Italia”

di Ilaria Potenza

 «Dimmi cos’è che ci fa sentire amici anche se non ci conosciamo» è il verso con cui inizia Grazie Roma di Antonello Venditti, traccia che il cantautore ha dedicato alla sua città e che ha chiuso la prima data del tour Venditti-De Gregori partito da Ferrara ieri sera. Si tratta di uno degli eventi più attesi in cartellone al Ferrara Summer Festival, la rassegna estiva da circa uno spettacolo al giorno che sta scandendo il luglio ferrarese. Dopo la tappa zero allo Stadio Olimpico di Roma, il duo ha scelto proprio Piazza Trento e Trieste per presentarsi al pubblico che attende l’inizio di questo viaggio dal 2020.

Appuntamento atteso

Questo appuntamento arriva a cinquant’anni esatti da Theorius Campus, l’unico album a cui hanno lavorato insieme dopo l’incontro al Folkstudio, uno storico locale nato in una cantina di Trastevere. Nemmeno la pioggia è riuscita a mettersi tra i migliaia di presenti e i protagonisti della serata, tanto che il video postato qualche ora prima dell’inizio del concerto da Antonello Venditti sui suoi canali social è riuscito a esorcizzare la paura del temporale: “«Durante le mie esibizioni può piovere prima o dopo, ma non durante. Io e Francesco vi aspettiamo su questo palco lunghissimo pieno di umanità». E quelle che sembravano solo parole per rassicurare il sold-out che li aspettava, si sono poi di fatto avverate. Antonello Venditti e Francesco De Gregori salgono sul palco con un’ora di ritardo e lo calcano senza risparmiarsi per le successive due ore e mezza. I due artisti entrano nel reciproci repertori e fanno proprie le strofe, le pause e i ritornelli amati da generazioni di italiani. A definire i rispettivi territori sonori sono invece due strumenti musicali diventati ormai rappresentativi di entrambi, l’armonica per De Gregori e il sax per Venditti, quest’ultimo per esempio è talmente iconico da essere persino cantato dal pubblico.

Pezzi storici

Pensiamo a Ricordati di me o Che fantastica storia è la vita: gli intermezzi di Amedeo Bianchi sono sostenuti dalle voci degli spettatori, quasi recitati al pari dei testi veri e propri. La sensazione è di trovarsi a una festa organizzata per celebrare un pezzo di storia del nostro paese. Durante lo spettacolo infatti ognuno ha la possibilità di ripensare agli anni trascorsi dietro ai banchi di scuola sulle note di Notte prima degli esami e Giulio Cesare, di tornare con la mente agli amori che non ci appartengono più cantando con energia il refrain di Rimmel, sentendosi poi una comunità sulle note di Viva l’Italia. Venditti e De Gregori sul palco stanno insieme, anche quando si prendono il tempo di dedicarsi ad alcune tracce senza l’aiuto dell’altro. E anche il pubblico si considera parte di questo incantesimo e restituisce ai cantautori tutto il calore di cui è capace. Il tour che nelle prossime settimane girerà l’Italia è una specie di appuntamento con la storia collettiva, fatta di tante piccole memorie personali che finiscono per mescolarsi nelle loro canzoni. Con la scaletta si va avanti e indietro negli anni, nei ricordi, c’è l’Italia che scorre dentro a queste canzoni. L’Italia che è stata sulle prime pagine dei giornali e quella più piccola, con la quotidianità di chi le ha ascoltate e ci ha infilato il proprio vissuto. C’è una Pablo un po’ pinkfloydiana e una Donna cannone che dà modo a Venditti di liberare la voce. E poi ci pensano Modena e Sotto il segno dei pesci a conquistare il pubblico. Ma non poteva essere altrimenti. Entrambi negli anni hanno affinato una propria tradizione e stavolta il suono non pende da nessuna parte, è piuttosto una virtuosa collisione.

L’omaggio a Dalla

A un certo punto, sul finire di Santa Lucia, arriva l’omaggio a Lucio Dalla con quella Canzone che i due avevano già inciso qualche tempo fa per lanciare il concerto insieme. Dopo due ore e mezzo l’ultimo bis è riservato a Buonanotte fiorellino e poi il botto con Grazie Roma, inno da stadio di Venditti anni 80 che De Gregori all’epoca aveva snobbato e poi un po’ invidiato. Ora ci suona il tamburello davanti a migliaia di spettatori. Altrettanti sono i testi scritti da Venditti e De Gregori nel corso delle proprie carriere, e oltre trenta sono in questo concerto corroborante. Altre magari ci finiranno più in là, in giro per l’Italia e nei teatri. Noi in ogni caso ci sentiremo sempre figli di una loro vecchia canzone.

 https://corrieredibologna.corriere.it/bologna/cultura-spettacoli/22_luglio_08/venditti-de-gregori-ferrara-serata-pura-poesia-amicizia-0e4028d8-fe9b-11ec-ba6a-85131f24c1b4.shtml

 

foto dell'inviata speciale del Titanic, Antonella Tartaro.

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

LUCCA 10 LUGLIO 2022

Venditti e De Gregori infiammano il Summer, ma non è una operazione nostalgia.

Cinquant'anni di successi davanti a tre generazioni di fan in piazza Napolene da 'Bomba o non bomba' a 'Buonanotte fiorellino'

di Enrico Pace - 11 Luglio 2022 –https://www.iltitanic.com/2022/bissacco1.jpg

 Cinquant’anni esatti. Tanto è passato dall’album Theorius Campus che ha visto l’esordio discografico di Antonello Venditti e Francesco De Gregori.

E a celebrare questi cinquant’anni di carriera i due mostri sacri della canzone d’autore italiana sono approdati questa sera (10 luglio) al Lucca Summer Festival in piazza Napoleone, terza tappa del tour dopo l’esordio allo stadio Olimpico di Roma e l’appuntamento al Summer Festival di Ferrara.

Davanti a tre generazioni di fan Venditti e De Gregori hanno sviscerato il meglio della loro carriera su un palco senza grandi effetti speciali e con un mix dei musicisti che da tempo seguono i due artisti: Alessandro Canini (batteria), Danilo Cherni (tastiere), Carlo Gaudiello (piano), Primiano Di Biase (hammond), Fabio Pignatelli (basso), Amedeo Bianchi (sax), Paolo Giovenchi (chitarre) e Alessandro Valle (pedal steel guitar e mandolino), Fabiana Sirigu (violino) e Laura Ugolini e Laura Marafioti al coro.

 Ci sono, nella proposta di Lucca e sarà così in tutto il tour, grandi successi e piccole chicche, comprese due canzoni proprio dell’album Theorius Campus (Dolce signora che bruci e, immancabile, Roma Capoccia). Da Bomba o non bomba a Grazie Roma, il tour nell’amarcord passa da Bufalo Bill a Generale (con l’ennesimo arrangiamento del pezzo classico), da Sotto il Segno dei pesci a Ci vorrebbe un amico. E ancora Titanic con una intro swing, Notte prima degli esami, la sempre splendida Santa Lucia (chiusa con la citazione di Com’è profondo il mare di Dalla), Alta Marea (“Non lo sa nessuno ma questa canzone è nata qui, o almeno molto vicino a qui, ha detto Venditti).

 I due artisti duettano, giocano, si scambiano le canzoni senza dimenticare un omaggio al grande Lucio Dalla di Canzone e qualche riferimento alla grande musica internazionale, classica e contemporanea dallo Strauss dell’introduzione fino a Bob Dylan e ai Pink Floyd (citazione nella intro di Pablo).

Un concerto che è un vero e proprio “best of” di due colonne della musica italiana, che non hanno, però, lasciato spazio alla nostalgia, riarrangiando tutte le canzoni anche per tenere insieme le diverse sonorità e vocalità.

 Alla fine dei bis, con i grandi classici dei due cantautori, verrebbe la voglia di continuare ancora ad ascoltare tutte le hit della coppia. Ma la sensazione è che non mancheranno ancora occasioni per sentirli ancora in grandi concerti dal vivo. Per una carriera destinata a durare ben oltre i cinquant’anni celebrati insieme.

https://www.luccaindiretta.it/cultura-e-spettacoli/2022/07/11/venditti-e-de-gregori-infiammano-il-summer-ma-non-e-una-operazione-nostalgia/300341/

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

VERONA 12 LUGLIO 2022

 

Venditti-De Gregori come star. È un’Arena di musica e poesia         (Martinelli/Brenzoni)

 

 Un grande viaggio. Dentro l’Italia di ieri e di oggi, forse di domani. Un viaggio dentro di noi, presi per mano da due grandissimi della musica italiana e accompagnati su un altro pianeta. Dove gli effetti speciali sono le parole, dove la musica è gioia per l’anima. Venditti e De Gregori conquistano l’Arena e ricordano a tutti ancora una volta che un motivo c’è eccome se da cinquant’anni regalano canzoni meravigliose. L’anfiteatro è pieno ad aspettarli, loro quasi entrano in punta di piedi ma ci mettono poco a diventare giganti.

 Si parte con «Bomba o non bomba» con cui Venditti aveva debuttato discograficamente con «Theorius Campus» ma è l’eterna «La leva calcistica della classe ’68» a far cantare tutta l’Arena: e quel «Nino non aver paura di sbagliare un calcio di rigore» è solo una pillola della magia di una serata unica. I due si alternano nel cantare uno le canzoni dell’altro senza sovrapporsi mai in una sorta di rispetto assoluto: passando da «Modena» a «Bufalo Bill», da «La storia» a «Peppino», sono chicche che non tutti conoscono ma tutti sono rapiti da quel modo di cantare il nostro Paese: un cantare pulito che non ha bisogno di effetti speciali, la band che unisce i musicisti di ognuno è straordinaria e i suoni mai banali, con arrangiamenti nuovi ma che non stravolgono nulla del passato. Difficile non emozionarsi con «Generale», è uno dei testi più amati di sempre e dei momenti più belli di tutta la sera.

 

https://www.iltitanic.com/2022/bissacco1.jpg

 L’atmosfera si scalda, Venditti regala le immancabili «Sotto il segno dei pesci» e «Che fantastica storia è la vita» prima di un ritorno alle origini con quella «Dolce signora che bruci» dal loro album di debutto di cinquant’anni fa. Sul palco resta il “principe”: la sua «Alice» è sussurrata ma potente come poche altre canzoni, il tempo passa ma quella voce è ancora pazzesca, semplicemente pazzesca, poi «Sangue su sangue» e «Santa Lucia» corrono via e lasciano il segno. Torna Antonello per prendere per mano il pubblico dell’Arena con l’omaggio a Dalla con la sua «Canzone».

 I due artisti hanno più di settant’anni e la stessa voglia di sempre: il trittico di Venditti con «Sara», «Ci vorrebbe un amico» e «Notte prima degli esami» accontenta il grande pubblico, sono pochi quelli che riescono a non cantare. Ritorna De Gregori, le canzoni arrivano una dietro l’altro, senza pause. Un brivido dietro l’altro, «La donna cannone» entra dentro e non se ne va più fuori, poi ecco «Pablo» e «Unica» prima di «Rimmel» dove se potessero canterebbero anche i gradoni. «Titanic» ancora da solo, poi il palco è solo per Antonello con «Giulio Cesare», «Alta marea» e «In questo mondo di ladri». Il duo romano si riunisce con «Sempre e sempre» e «Roma capoccia».

 La scaletta è senza fine, il pubblico aspetta il prossimo brano: restano insieme ne «Il vestito del violinista», poi si torna a cantare con «Ricordati di me» e «Buonanotte fiorellino» è l’augurio più bello che ci possa essere. Viene voglia di chiudere gli occhi e iniziare sogni meravigliosi, ma per quelli c’è tempo. Perchè mancano ancora canzoni: «viva l’Italia che non muore, viva l’Italia che non ha paura, viva l’Italia tutta intera», è un invito a sperare ancora, oggi, domani, sempre. Venditti chiude con «Grazie Roma», ma questa volta è l’Arena che ringrazia. Per un’altra serata magica, magari da replicare il 5 ottobre quando i due cantautori romani torneranno a incantare Verona. •.

Luca Mazzara

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/palmanova2.jpg

PALMANOVA 24 LUGLIO 2022

Venditti e De Gregori riempiono la Piazza Grande di Palmanova

Di Andrea Giovannetti - 25 Luglio 2022

 

Dopo un breve stop dovuto dalla positività al Covid di Francesco De Gregori, è ripartito il tour Venditti & De Gregori, che ieri sera ha fatto tappa nella splendida Piazza Grande di Palmanova, città fortezza patrimonio Unesco.

Tutto esaurito e 4.000 spettatori che, nonostante la temperatura abbondantemente superiore ai 30° e la difficile situazione che sta vivendo il Friuli ed in particolare il Carso, divorato dagli incehttps://www.iltitanic.com/2022/34.jpgndi, non hanno mancato di mostrare il loro affetto ai due cantautori romani nell’unica tappa friulana di questo tour.

La band che accompagnerà Venditti e De Gregori in questa lunga tournée è formata da: Alessandro Canini (batteria), Danilo Cherni (tastiere), Carlo Gaudiello (piano), Primiano Di Biase (hammond), Fabio Pignatelli (basso), Amedeo Bianchi (sax), Paolo Giovenchi (chitarre) e Alessandro Valle (pedal steel guitar e mandolino), Fabiana Sirigu (violino) e le coriste Laura Ugolini e Laura Marafioti.

La scaletta (che trovate in fondo all’articolo) è la stessa del concerto-evento di apertura del tour allo Stadio Olimpico di Roma, così come lo spettacolo che vi abbiamo raccontato in quell’occasione.

 

L’atmosfera generale, però, ci è sembrata diversa da quello a cui abbiamo assistito lo scorso mese nella Capitale: sarà stata forse un po’ di tensione per il debutto davanti a oltre 40.000 persone nello stadio della propria città, o il fatto che era il primo concerto in assoluto del duo, e quindi c’era un po’ da “prendere le misure” della nuova situazione sul palco.

Quella andata in scena ieri sera a Palmanova era la sesta replica dello show, e la sensazione che si è percepita rispetto al debutto è quella di un affiatamento maggiore, sia tra i musicisti sul palco che tra gli stessi Venditti e De Gregori, più complici e più “sul pezzo” nell’interpretazione dei brani dell’altro.

Non sono mancati i momenti di leggerezza, come quando Venditti ha detto al pubblico «durante questi concerti non parlerò, altrimenti non la finiamo più e De Gregori si incazza. Lui è il mio 50%, anzi 51, perchè decide tutto lui» o anche sul finale, dove prima di Grazie Roma ha scherzosamente affermato «Questa dobbiamo farla per forza, è scritto sul contratto. De Gregori vuole farla a tutti i costi, quindi non possiamo andare via se non la suoniamo».

Un affiatamento che ad ogni passo del tour diventa sempre più importante e che ovviamente non potrà che migliorare col passare dei concerti, visto ad oggi sono in programma altri 40 live per questo tour e che con ogni probabilità ulteriori date nei teatri verranno aggiunti al calendario.
https://www.spettakolo.it/2022/07/25/venditti-e-de-gregori-palmanova-scaletta/

 

https://www.iltitanic.com/2022/49.jpg

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/palmanova2.jpg

MAROSTICA 26 LUGLIO 2022

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/palmanova2.jpg

NAPOLI 29 LUGLIO 2022

 

https://www.iltitanic.com/2022/35.jpgFrancesco De Gregori e Antonello Venditti all'Arena Flegrea di Napoli.

Il pubblico delle grandi occasioni, un omaggio a Pino Daniele, il tempo anche per scherzare con gli spettatori ("Come stiamo andando?"). Un successo su tutta la linea il concerto di Francesco De Gregori e Antonello Venditti all'Arena Flegrea di Napoli, che ha fatto registrare il tutto esaurito nell'impianto modellato sui canoni greco-romani che sorge a Fuorigrotta, all'interno della Mostra d'Oltremare.

Pubblico in visibilio sulle grandi hits dei due artisti

Il concerto, iniziato con mezz'ora di ritardo per consentire a tutti di accedere all'impianto, non ha deluso le aspettative. Sul palco tutti i grandi classici dei due cantautori, con il pubblico ad accompagnare chi con il proprio canto, chi con le immancabili riprese del cellulare e, i più nostalgici, con la luce accesa degli accendini. "Viva l'Italia", "Roma capoccia", ma anche "La Donna Cannone", "Bomba o non bomba", e così via: una scaletta con tutti i più grandi successi dei due artisti romani, che del resto si sono conosciuti giovanissimi ai tempi del Folkstudio di Trastevetere.

Il tributo a Pino Daniele

"Come stiamo andando, bene?" ha chiesto a metà concerto De Gregori, ricevendo una delle tante ovazioni del pubblico partenopeo. Immancabile anche il tributo a Pino Daniele e a Lucio Dalla, sulle note di "Ci vorrebbe un amico" dello storico cantautore bolognese. Q

uando a fine concerto si sono spente le luci, nessuno è andato via: tutta l'Arena Flegrea, in piedi, ha chiesto il rientro dei due cantautori che dopo pochi minuti sono rientrati per concludere alla grande il concerto, sulle note di "Buonanotte Fiorellino" e "Grazie Roma", sulle cui note è avvenuto il congedo dal pubblico partenopeo. "Grazie Napoli", il saluto congiunto dei due cantautori romani.

 

continua su: https://www.fanpage.it/napoli/de-gregori-e-venditti-incantano-napoli-allarena-flegrea-anche-un-tributo-a-pino-daniele/

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

BENEVENTO 31 LUGLIO 2022

 

Checco Zalone sul palco con De Gregori e Venditti, gag e canzoni strampalate

 

Un mix di sorpresa e incredulità, del resto quando ricapita di sentire De Gregori e Venditti cantare gli strampalati testi di Checco Zalone, con lui al piano? Invece è successo a Benevento, quando a sorpresa il comico è salito sul palco come ospite del concerto dei due cantautori romani.  Si è messo al piano e ha intrattenuto il pubblico, fino a cantare insieme ai due artisti alcune strofe. "Quanta gente che vi ingiuria, quanta gente che vi attacca, solo perché non vi piace la patacca", dice Venditti tra gli applausi degli spettatori. Poi passa il microfono a De Gregori: “Gli uomini ‘sessuali sono gente tali e quali come noi, noi normali…

https://www.iltitanic.com/2022/33.jpg

Erano stati gli stessi artisti ad annunciare la presenza del comico. “Questa sera ò avevano detto in una diretta Facebook - avremo un grande personaggio, un nostro amico, un grande artista e musicista. Avremo con noi Checco Zalone e stasera farà cose fichissime". Promessa mantenuta a giudicare dall'entusiasmo del pubblico” (riccardo caponetti)

https://video.repubblica.it/edizione/roma/zalone-degregori-venditti/422050/422986

 

https://www.iltitanic.com/2023/crew6.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/villorba1.jpg

VILLORBA 3 AGOSTO 2022

 

https://www.iltitanic.com/2022/fondi.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/011.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

CHIETI 10 AGOSTO 2022

 

Venditti e De Gregori incantano la Civitella: 4mila spettatori nella notte di San Lorenzo

Grande l'entusiasmo del pubblico presente che ha cantato insieme ai due cantautori i successi che hanno segnato la storia della musica italiana. In scaletta anche un tributo a Lucio Dalla con "Canzone"

Erano circa 4mila gli spettatori che ieri sera hanno gremito la Civitella di Chieti per il concerto di Antonello Venditti e Francesco De Gregori.

Grande l'entusiasmo del pubblico presente che ha cantato insieme ai due cantautori i successi che hanno segnato la storia della musica italiana. In scaletta anche un tributo a Lucio Dalla con "Canzone".

Durante le prove del concerto Antonello Venditti in una diretta pubblicata su Facebook aveva definito la Civitella "un posto squisito" e si era lanciato in un "frechete" che ha reso il video virale.

"Sono molto soddisfatto - ha commentato il vice sindaco, Paolo De Cesare - di essere riuscito, insieme agli organizzatori, i quali ringrazio, a portare in Città una data di questo tour unico che sono sicuro rimarrà nella storia. Il lavoro intenso di questi mesi legato agli eventi sta portando benefici concreti anche per quanto riguarda l'economia cittadina: questa sera, ad esempio, numerosissime saranno le presenze presso bar, ristoranti, pub, hotel e b&b del nostro centro storico".

https://www.chietitoday.it/attualita/venditti-de-gregori-incantano-civitella-chieti-foto.html

 

https://www.iltitanic.com/2022/37.jpg

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

LA SPEZIA 12 AGOSTO 2022

 

Antonello Venditti & Francesco De Gregori, dopo il successo del concerto allo stadio Olimpico e delle prime date del tour estivo, continuano a far sognare i fan con alcune belle novità che riguardano la tournée nei teatri italiani.

A gran richiesta al tour invernale, in partenza il 1 novembre 2022, si aggiunge l’appuntamento del 4 novembre al Pala Partenope di Napoli. C’è stata però un’altra piccola modifica al calendario: è stata anticipato al 7 novembre, invece, il concerto inizialmente previsto per il 9 al Teatro Metropolitan di Catania.

 

https://www.iltitanic.com/gif/49.gif

video Primiano Di Biase

 

De Gregori: “La musica nasce per essere cantata live, poi sparisce”. Intervista di Daria Bignardi.

Per la prima volta con un’unica band, Antonello Venditti e Francesco De Gregori saranno protagonisti insieme sul palco di un tour estivo che si preannuncia imperdibile. Intanto cresce l’attesa per l’esclusivo concerto a Roma (dove tutto ebbe inizio) allo stadio Olimpico il 18 giugno. Venditti e De Gregori sono stati ospiti oggi all’Ora Daria per un’intervista con Daria Bignardi.

Una storia comune e diversa, quella di Antonello Venditti e Francesco De Gregori: due artisti che hanno segnato la canzone d’autore e la musica italiana. Dopo il debutto con l’album “Theorius Campus” (1972), le carriere dei due artisti si sono divise, restando sempre parallele. Il resto è storia… fino ad arrivare ad oggi, al loro primo e imperdibile tour che, quest’estate, li vedrà protagonisti in alcune delle location più suggestive d’Italia.

L'intervista: "...e non c'è sesso senza amore"

Prima di incidere ‘Ricordati di me’ con la frase “…e non c’è sesso senza amore“, Francesco De Gregori  non aveva mai pronunciato la parola sesso in una canzone.https://www.iltitanic.com/2023/db.jpg

De Gregori: “Pur non avendola mai pronunciata è giusto che Antonello l’abbia usata e non mi fa nessuna impressione negativa particolare.”

Venditti: “Le persone l’hanno interpretata esattamente in modo opposto al significato originale. Ogni volta che si fa sesso c’è sempre un po’ d’amore. Il sesso è già amore. Poi è chiaro che c’è l’intoppo ma non necessariamente per questioni sentimentali anzi, quasi sempre sessuali.”

Differenze fra le due fanbase

Venditti: “I fan di De Gregori è rarissimo che mi accettino, per anni è stata fomentata un rivalità fra di noi. [De Gregori non è d’accordo]. Francesco è meno stronzo delle persone che lo seguono.”

Ma il tono è ovviamente scherzoso.

De Gregori: “Secondo me i nostri fan si somigliano, amano la musica. Non trovo questa divisione, anche ideologica, fra chi ascolta le mie e le sue canzoni. Antonello un po’ scherza e un po’ esagera.”

Venditti: “Tutto ciò è successo perché lui ha scritto “Piano Bar”. Nel mio caso quella canzone è valsa come offesa, come limite culturale fra me e lui.”

Cosa hanno imparato l'uno dall'altro

Venditti: “De Gregori mi ha dato la spinta del voler cantare di nuovo dal vivo, ero più un uomo da studio, un produttore. Poi vedevo che lui andava in giro, faceva delle tournée massacranti e si divertiva, così ho provato anche io. Da lì ho capito che se non si canta mai dal vivo, la tua canzone non è mai viva.”

De Gregori: “Io ho imparato un certo senso dell’ironia e anche una tolleranza alla banalità. Trovo che la musica si esprima molto meglio quando si canta dal vivo per delle persone, che non quando si cerca di fissarla o di registrarla. Nasce live, nasce per essere cantata da una voce. E poi sparisce, bisogna rifarla un’altra volta, per altra gente. E’ quella la musica, l’esecuzione. Chiaramente l’industria discografica ci ha dato molto, quando hanno cominciato a fare i dischi si sono aperte molte strade. C’è gente che lavora solo in studio, io invece appartengo a quel genere di musicisti che amano sentire la voce che va nell’aria e quando si spegne tutto è finito.”

https://www.capital.it/articoli/venditti-de-gregori-intervista-date-tour-biglietti_/

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

CATTOLICA 17 AGOSTO 2022

 

https://www.iltitanic.com/2022/38.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

FASANO 19 AGOSTO 2022

 

Antonello Venditti e Francesco De Gregori emozionano Fasano

I due pilastri della musica italiana si sono esibiti ieri sera in piazza Ciaia colma di pubblico per il Luce Festival

 Fasano - “Che fantastica storia è la vita” cita un famosissimo verso di Antonello Venditti e quello che è andato in scena ieri sera, venerdì 19 agosto, in piazza Ciaia a Fasano è stato uno spettacolo che resterà indelebile nel pubblico accorso per assistere alla data fasanese del tour storico di Antonello Venditti e Francesco De Gregori.

Una data, sold out da mesi, che ha sancito la consacrazione (se qualcuno avesse avuto ancora dubbio) che Venditti e De Gregori sono due pilastri della musica italiana.https://www.iltitanic.com/2022/39.jpg

L'evento, organizzato dal Luce Festival, era la punta di diamante del calendario di eventi estivi WOW! FASANO promosso dall'amministrazione comunale.

Due artisti, nati musicalmente insieme cinquant'anni fa con “Theorius Campus” del 1972 e che hanno proseguito le rispettive carriere in maniera parallela per ritrovarsi “amici” dopo che erano stati definiti “rivali” alla Coppi Bartali.

Sin dal loro salire sul palco hanno trasmesso quella che da sempre è l'energia che li contraddistingue, infatti il concerto non poteva iniziare con “Bomba o non bomba” e “La leva calcistica della classe ‘68”. I due artisti, in tempi diversi, hanno già varcato il palco fasanese e sapevano che avrebbero ritrovato dei loro fedelissimi fan, molti hanno acquistato i biglietti nei primissimi giorni di marzo (appena venne annunciata la data) e non hanno fatto mancare il loro calore agli artisti che li hanno ringraziati.

Come poter raccontare questo concerto a chi non c'era? Bisognerebbe elencare canzoni che sappiamo tutti a memoria perché “quei due” ne hanno percorsa di strada e di successi. Infatti, è bastato guardare intorno piazza Ciaia, dietro le transenne e i pannelli oscuranti per rendersi conto di quanta gente non ha rinunciato ad assistere al concerto anche se privi di biglietto: erano veramente tanti. Intanto sul palco i due cantanti romani cantavano le loro canzoni storiche ripercorrendo la loro carriera di mezzo secolo da “Buffalo Bill” a “Generale”, da “Nata sotto il segno dei Pesci” a “Che fantastica storia è la vita”.

Oltre due ore di concerto evento che non potevano essere persi per assistere a due giovani settantenni che ancora sono animali da palco.

Doveroso, nel decimo anno dalla scomparsa, l'omaggio al grande amico Lucio Dalla con “Canzone” in cui tutto il pubblico era in piedi a cantare e applaudire.

Erano più concerti in uno: dopo la prima parte con i brani iconici di entrambi arrangiati appositamente per questo tour, De Gregori ha cantato alcune ballate della sua immensa carriera e poi lo stesso ha fatto Venditti. A conclusione una “sorpresa” come l'ha definita De Gregori, una immancabile “Buonanotte Fiorellino”, “Ricordati di me” e la più bella canzone scritta su Roma: “Roma Capoccia” con tutto il pubblico accordo sotto il palco per rendere omaggi a due artisti che poco prima del 2020 (inizialmente questo tour era previsto per il 2020) avevano deciso di tornare al 1972 e ai loro esordi comuni, quando scrissero le prime canzoni insieme durante un viaggio in Ungheria, calcando nuovamente il palcoscenico insieme.

/www.osservatoriooggi.it/notizie/cultura/30820-antonello-venditti-e-francesco-de-gregori-emozionano-fasano

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

LECCE 21 AGOSTO 2022

 

https://www.iltitanic.com/2022/40.jpgLECCE – La storia della musica leggera italiana a Lecce. Al Palalive di piazza Palio si sono appena esibiti due tra i più grandi cantanti italiani, Antonello Venditti e Francesco De Gregori.

 

Sono una trentina i brani scelti, scritti nell’arco di cinque decenni, e ci sono molti dei grandi successi dei due cantautori: da ‘La donna cannone’ a ‘La leva calcistica della classe ‘68’, da ‘In questo mondo di ladri’ ad ‘Alta marea’. De Gregori e Venditti hanno tra l’altro inciso di recente un 45 giri che riunisce le loro voci nei due brani che hanno segnato le loro intense carriere, due brani storici come ’Generale’ e ’Ricordati di me’.

Una storia comune e diversa, quella di due artisti che hanno segnato la canzone d’autore e la musica italiana. Due personalità differenti, ma affini.

Due stature artistiche, ognuna con la sua poetica. Venditti & De Gregori cominciano a collaborare poco più che ventenni durante un viaggio in Ungheria ed iniziano a scrivere le loro prime canzoni insieme, per arrivare al comune esordio discografico con “Theorius Campus” dove Antonello incide “Roma Capoccia”, subito grandissimo successo, e Francesco “Signora Aquilone”. Un disco che sancì per entrambi l’inizio del proprio percorso artistico.

Il resto è storia, fino ad arrivare ad oggi, al loro primo e imperdibile out che, quest’estate, li vedrà protagonisti insieme sullo stesso palco con un’unica band in alcune delle location più suggestive d’Italia, tra cui appunto l’Oversound di Lecce.

Venditti & De Gregori hanno emozionato il pubblico con uno show irripetibile in cui daranno nuova veste ai loro più grandi successi, canzoni che sono entrate nel cuore della gente, nelle storie delle persone, che sono la colonna sonora di intere generazioni. 

Ad affiancarli sul palco è stata una band d’eccezione che ha dato vita ad un suono unico e straordinario.

http://www.salentolive24.com/2022/08/21/de-gregori-e-venditti-a-lecce-il-grande-show-dei-due-cantanti-italiani/amp=1

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

ROCCELLA JON. 23 AGOSTO 2022

 

https://www.iltitanic.com/2022/41.jpg

 

 

De Gregori e Venditti, quarant’anni di musica italiana sul palco del Roccella Summer Festival

 

Un concerto sold out che ha unito diverse generazioni, attraversando circa quarant'anni di musica italiana. Sul palco del Roccella Summer Festival il duo formato da Francesco De Gregori e Antonello Venditti ha emozionato il pubblico del Teatro al Castello, in una delle tappe del tour che vede protagonisti i due cantautori romani insieme sullo stesso palco con un’unica band.

Uno spettacolo unico ed emozionante in cui De Gregori e Venditti hanno dato nuova veste ai loro più grandi successi: canzoni che sono entrate nel cuore della gente, nelle storie delle persone, e diventate colonna sonora di intere generazioni.

Chi si aspettava una rimpatriata fra due ex compagni di scuola degli anni ‘70 è rimasto deluso: De Gregori e Venditti hanno proposto una trentina di canzoni scritte nell’arco di 5 decenni per scaraventarle con pieno diritto nella scena di oggi.

Tra pop, rock e canzone d’autore, due artisti che poco si curano dell’anagrafe e della nostalgia ma che sono immersi nel senso e nel suono del nostro tempo.

Insieme a Francesco De Gregori e Antonello Venditti, una band che ha unito per la prima volta i musicisti che da anni collaborano separatamente con i due artisti: Alessandro Canini alla batteria, Danilo Cherni alle tastiere, Carlo Gaudiello al piano, Primiano Di Biase alla hammond, Fabio Pignatelli al basso, Amedeo Bianchi al sax, Paolo Giovenchi alle chitarre, Alessandro Valle alla pedal steel guitar e al mandolino. Sul palco anche Fabiana Sirigu al violino e le coriste Laura Ugolini e Laura Marafioti. L’improvviso acquazzone finale non ha fermato la voglia di musica del numeroso pubblico presente, salutato con “Buonanotte fiorellino” e “Roma capoccia”.

https://www.lacnews24.it/cultura-e-spettacolo/de-gregori-e-venditti-quarant-anni-di-musica-italiana-sul-palco-del-roccella-summer-festival_158804/

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/42.jpg

Venditti incanta Roccella insieme a De Gregori. E fa pace con la Calabria: "Terra e gente meravigliosa"

Tra i tanti concerti in programma in Calabria nel corso di quest'estate, tra i più attesi c'era quello della coppia Antonello Venditti-Francesco De Gregori. Ieri sera grande esibizione al Teatro al Castello di Roccella in occasione del Roccella Summer Festival. E tramite i suoi canali social Venditti ha usato parole al miele nei confronti della Calabria. Lo ha fatto nel corso di una diretta notturna in macchina in autostrada viaggiando verso Palermo. Nel corso della sua breve riflessione Venditti ha detto: "Prima di tutto vorrei ringraziare Roccella. Ha vissuto un concerto bello, mio e di Francesco con un pubblico fantastico. C'è stata un pò di pioggia alla fine, e ora sto sull'autostrada che porta a Palermo. Ho trovato una Calabria meravigliosa, ha fatto un salto di qualità incredibile e mi ha impressione anche la gente. Ho trovato persone piene di speranza, piene di futuro e ci passerò anche in vacanza, verrò con la macchina. Tutto quello che è accaduto è stato una enorme cavolata, abbiamo perso 12 anni di rapporti".

Il riferimento finale è al vespaio di polemiche scaturite dalle sue affermazioni di qualche anno fa quando disse: "Perché Dio ha fatto la Calabria?", aggiungendo l'auspicio "che si faccia il ponte perché così, almeno, la Calabria esisterà. Qualcuno deve fare qualcosa per la Calabria".

 

https://reggio.gazzettadelsud.it/foto/musica/2022/08/24/venditti-incanta-roccella-insieme-a-de-gregori-e-fa-pace-con-la-calabria-terra-e-gente-meravigliosa-67cf176f-3a6f-4850-a427-fcb45edeff36/

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

PALERMO 25 AGOSTO 2022

 

De Gregori e Venditti, una festa di revival lunga tre ore

di Mario Di Carohttps://www.iltitanic.com/2022/43.jpg

 

Basta una metaforica, innocua, innocentissima "Bomba" a incendiare i cinquemila del velodromo. Francesco De Gregori e Antonello Venditti con la loro aria scanzonata di reduci di quel mondo perduto che è la giovinezza, l'età degli amori e delle lotte, si dividono le strofe di "Bomba o non bomba" per scaldare il pubblico che riempie fino al tutto esaurito lo spazio sportivo ritrovato dopo quattro anni di chiusura. Il silenzio è finito e allora tutti a cantare assieme a quei due amici di una vita, la loro e la nostra, in questo infinito long playing che in quasi tre ore attraversa circa cinquant'anni di storia, la loro e la nostra.

Tra parterre e tribuna sono in 4900 gli spettatori che filmano, fotografano, fanno dirette sui social, e più o meno altrettanti sono attesi sabato e domenica al teatrio antico di Taormina per la seconda tappa siciliana del tour della coppia. C'è il sindaco Roberto Lagalla a testimoniare che si tratta pur sempre dell'inaugurazione di uno spazio riacciuffato per i capelli dopo quattro anni e alla fne sottolineerà la soddisfazione di vedere riaperto l'impianto dello Zen.

E allora sul palco possono prendere corpo Nino con la sua paura di sbagliare il calcio di rigore, Bufalo Bill, gli infelici e travagliati Marina, Giovanni, Antonio, Laura di "Sotto il segno dei pesci" e "Che fantastica storia è la vita". De Gregori e Venditti, "Blues brothers" di casa nostra, berrettino in testa e il primo, camicia blu d'ordinanza il secondo, danno vita a una lunga serie di duetti, ciascuno si intrufola con rispetto nelle canzoni dell'altro, la arricchisce con tonalità inedite, come "Generale" e "La storia", metà l'uno da bravi amici.

E quando la band li lascia soli sul palco, Francesco e Antonello ritornano ragazzi, al loro 1972 di esordio, album "Theorius campus", intonando "Dolce signora che bruci" accompagnati solo dalla chitarra.

I due tornano a indossare i panni dei solisti per eseguire altri "classici" del loro repertorio, stavolta senza condivisioni, "Alice", "Sangue su sangue" e "Santa Lucia" per De Gregori, "Sara", "Ci vorrebbe un amico" e "Notte prima degli esami" per Venditti.  In mezzo c'è il tempo di un omaggio a due voci a Lucio Dalla con  "Canzone", con il pubblico tutti in piedi per la prima volta, poi la "ditta" torna a solleticare memoria e nostalgie ancora a "quattro mani" con "La donna cannone", "Pablo" e "Unica".

La temperatura emotiva è già alta, la memoria proietta brandelli di immagini perdute, il pubblico dimostra di conoscere tutti i testi di tutte le canzoni quando De Gregori e Venditti si concedono  altri due momenti di assolo (si fa per dire, con tanto di band): "Quando è uscita questa canzone noi eravamo ragazzini voi ancora non c'eravate" scherza De Gregori per introdurre con l'armonica l'intramontabile "Rimmel" mentre Venditti risponde con "Giulio Cesare" e comincia a far ballare i 4900 del velodromo con "In questo mondo di ladri".

Il primo finale è a ritmo di valzer, quasi,con l'immancabile "Buonanotte fiorellino" ma poi rieccoli sul palco con i bis, "Il vestito del violinista", "Ricordati di me" e "Grazie Roma". Alla fine sono quasi tre ore di concerto, oltre trenta canzoni, uno spettacolo generoso che ripercorre due carriere, quelle loro, e cinquemile vite, quelle nostre.

https://palermo.repubblica.it/societa/2022/08/26/news/de_gregori_venditti_velodromo_palermo_taormina-363014908/

 

https://www.iltitanic.com/2022/nove5.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

TAORMINA 27-28 AGOSTO 2022

 

La storia siamo noi. Francesco De Gregori e Antonello Venditti, intrecci di vita, di emozioni, di canzoni, di un'Italia segnata dalla loro musica. Oltre 4.500 persone a Taormina per la prima serata del doppio evento (stasera al "Teatro Antico" si replica), tutte con la netta sensazione di avere davanti agli occhi due colossi e una traccia indelebile nella musica italiana. Antonello e Francesco si divertono, sono a loro agio. Fumano sul palco e scherzano, De Gregori tiene a bada Venditti che altrimenti parlerebbe per ore e la complicità dell'amicizia arriva a tutti.

E' il leit motiv di un concerto che mette insieme il meglio delle carriere dei due grandi artisti, i loro classici che sanno ancora emozionare gli spettatori di ogni generazione. Quasi tre ore di spettacolo purissimo (30 canzoni), in cui i due cantano insieme quasi metà delle canzoni in scaletta. Si comincia con "Bomba o non bomba" e "La leva calcistica della classe '68", poi è un viaggio nelle emozioni. Una vita che rivive: Bufalo Bill, La storia, Peppino, Generale, Sotto il segno dei pesci, Che fantastica storia è la vita.

 

https://www.iltitanic.com/2022/48.jpg

 

A metà concerto anche l'omaggio con "Canzone" a Lucio Dalla, mentre Francesco e Antonello chiedono al pubblico di alzarsi. E quindi "Ci vorrebbe un amico", Sara, Notte prima degli esami, Pablo, La donna cannone, Unica, Rimmel, Titanic, Giulio Cesare, Alta Marea, In questo mondo di ladri. "Sempre e per sempre" sembra il manifesto di un rapporto di amicizia che si fa scena, mentre "Buonanotte fiorellino" sembra il congedo dei due che però dopo pochi minuti tornano sul palco a regalare Il vestito del violinista, Ricordati di me, Roma Capoccia. Applausi per tutti, in un concerto in cui c’è un mondo intero.

 

https://www.iltitanic.com/2022/63.jpg

Due leggende che hanno avuto un curioso modo di incrociarsi e poi separarsi per incontrarsi di nuovo, quest’anno, sui palcoscenici di tutt’Italia. Avevano cominciato a vent’anni («e vent’anni sembran pochi, poi ti volti a guardarli e non li trovi più...», dice Bufalo Bill nella sua immortale canzone, dall’album omonimo del 1976, il quinto di De Gregori) collaborando durante un viaggio in Ungheria (che allora era, letteralmente, “l’altro mondo”), fino all’esordio discografico comune nel 1972 con “Theorius Campus”.

Fra le tracce, «Roma Capoccia», uno dei successi più durevoli e assoluti di Venditti, e «Signora Aquilone» di De Gregori: era cominciato per ciascuno di loro un percorso che è stato il percorso di una intera generazione, anzi più d’una. Sul palco - per lo spettacolo promosso dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia, organizzato con Puntoeacapo, con la direzione artistica di Nuccio La Ferlita - musicisti che da anni collaborano con loro: Alessandro Canini (batteria), Danilo Cherini (tastiere), Carlo Gaudiello (piano), Primiano Di Biase (hammond), Fabio Pignatelli (basso), Amedeo Bianchi (sax), Paolo Giovenchi (chitarre) e Alessandro Valle (pedal steel e mandolino).

https://messina.gazzettadelsud.it/foto/cultura/2022/08/28/a-taormina-de-gregori-e-venditti-protagonisti-del-concerto-dellanno-foto-7ab08fe0-8639-45aa-9c92-05353af266c4/

 https://www.iltitanic.com/2022/tao1.gif

 

Antonello Venditti e Francesco De Gregori sono i grandi protagonisti dell'estate con il tour negli stadi Bomba o non bomba. Intervenuto ai microfoni della stampa, il cantautore romano ha parlato del duetto:

“Siamo due in uno, non è il concerto di due ma un’unica grande canzone. Siamo due fratelli che si stimano, la nostra amicizia è una fratellanza senza fine. Il risultato è inaspettato per tutti. Noi per primi continuiamo a sorprenderci l’uno dell’altro mentre cantiamo. La tranquillità incosciente che ho sul palco con lui non l’ho mai avuta".https://www.iltitanic.com/2022/43.jpg

Poi, il cantautore romano ha proseguito rivelando che anche lui stesso non si sarebbe mai aspettato questo enorme successo che i due stanno riscuotendo con il loro concerti: “Il risultato è inaspettato per tutti. Noi per primi continuiamo a sorprenderci l’uno dell’altro mentre cantiamo.  La tranquillità incosciente che ho sul palco con lui non l’ho mai avuta: siamo due persone che cantano per sé e per gli altri, sorprendendosi e coinvolgendo in questa sorpresa un pubblico di ogni età. Con lui ho un’affinità tale che, anche se non volessi, farebbe comunque parte della mia vita”.

Infine, Antonello Venditti ha concluso parlando del rapporto di amicizia che lo lega al suo collega e compagno in questo tour, Francesco De Gregori: “Oggi se vogliamo possiamo mandarci a quel paese come amici e fratelli, non come nemici o rivali. Siamo un fiume in piena, oggi più che ieri. E poi siamo completamente liquidi. Io mi sento più creativo e con più idee e voglia di fare oggi di quando ero giovane”.
https://www.tag24.it/356948-antonello-venditti-francesco-de-gregori-fratellanza/

 

Ha raccontato Francesco De Gregori: “Per tutti questi anni l’idea di cantare insieme  non ci era mai passata per la testa”  Dall’esordio comune le loro carriere hanno seguito un percorso parallelo continua a spiegare De Gregori”ma diverso per repertorio. Abbiamo avuto una carriera parallela, per stile e per atteggiamenti, ma ci siamo sempre tenuti d’occhio. Da ragazzi avevamo fatto un tour in Ungheria, l’unico vero che abbiamo fatto insieme”

Ha commentato Venditti “Per anni siamo stati visti come ‘avversari’, un po’ come Coppi e Bartali ma l’antagonismo c’era solo a livello artistico. Quando sentivo una sua bella canzone ero contento. A volte piccole scintille per fare qualcosa insieme sono scoccate anche in passato, ma non ne è mai nato nulla. Si può dire che i Theorius Campus nascono veramente solo oggi, con un progetto concreto”.

Un progetto che dall’idea di realizzarlo è passato dalle prime prove alle registrazioni in studio.

In particolare, Venditti e De Gregori hanno unito le voci reinterpretando due brani che hanno segnato le rispettive carriere come ‘Generale’ e ‘Ricordati di Me’, già disponibili sulle piattaforme streaming e in digital download e contenuti in un esclusivo 45 giri, uscito il 4 marzo 2022 su Amazon.

In rotazione radiofonica ‘Generale’, brano pubblicato originariamente da Francesco De Gregori nel 1978, mentre ‘Ricordati di me’ apre il disco di Antonello Venditti ‘In questo mondo di ladri’, uscito 10 anni più tardi.

Il  progetto Venditti & De Gregori, lanciato con straordinario successo dai due cantautori che hanno deciso di riaccostare dopo cinquant’anni i propri nomi, avrà con molta probabilità evoluzioni future.

https://www.paeseitaliapress.it/storia-arte-cultura/2022/08/29/taormina-venditti-de-gregori-vibranti-emozioni-al-teatro-antico/

 

https://www.iltitanic.com/2022/46.jpg

guarda i video di Beppe Ferrigno al concerto di Taormina del 28 agosto 2022

 

In un umida serata di fine agosto, due grandi amici, sulle note di un passato visionario, sono riusciti a fare accalcare, sognando, migliaia di amanti della musica italiana, stretti attorno al palco siciliano del Teatro Greco di Taormina. Incastonati in questo mitologico palcoscenico, Francesco De Gregori e Antonello Venditti, spalla a spalla, catapultano gli spettatori in un viaggio nella memoria, ripercorrendo, con canzoni e ritmi riarrangiati, cinquant’anni di emozioni e sentimenti di pubblico estasiato. I due, si mesciano al punto che, se chiudi gli occhi, quasi non distingui le due tonalità vocali, in un gioco di passioni vocali che, onestamente, incanta.

Ogni particolare è forse studiato per riportare il pubblico nel passato: in un palco lasciato appositamente grezzo, senza l’uso di schermi o effetti speciali, spicca la genuina amicizia dei due cantautori, con gli immancabili occhiali e le sigarette sempre rosse, che si punzecchiano vocalmente, passandosi il microfono in duetti appassionanti e rispettosi di una reciproca considerevole carriera… l’uno taciturno, l’altro chiacchierone, entrambi a dire che avrebbero voluto scrivere almeno un brano dell’altro, stando attenti però, a non fare mai un passo in avanti all’altro. E così, cominciando da Bomba o non bomba, con quel profetico “Partirono in due ed erano abbastanza... Un pianoforte, una chitarra e molta fantasia”, si trascorrono quasi tre ore di canto ed incanto, ascoltando pezzi storici della musica italiana, da Generale a Rimmel, da Sara a Notte prima degli esami, Sempre e per sempre, Ci vorrebbe un amico, La donna cannone, Roma capoccia passando per Santa Lucia, In questo mondo di ladri, Titanic.

 

https://www.iltitanic.com/2022/47.jpg

 

Accompagnati da magistrali musicisti, una trentina di brani scivolano via, dando spazio all’amarcord per 'Canzone', ovviamente in ricordo dell’amico Dalla, per chiudere, dopo i saluti, con Buonanotte Fiorellino e Grazie Roma. Due giganti, armati di chitarra ed armonica a bocca l’uno, e pianoforte l’altro, capaci di far smuovere e riaffiorare emozioni passate dentro ogni singolo spettatore, e riassaporare con la forza della musica, quel qualcosa che “rimane fra le pagine chiare e le pagine scure” e che ognuno porta dentro. Applausi a scena aperta per questo cantautorato italiano, spesso incautamente riposto in soffitta.

(Vincenzo Cardile)

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

ROMA 1-2 SETTEMBRE 2022

 

https://www.iltitanic.com/2022/50.jpg

 

 

Serata all'insegna della musica per Nicolò Zaniolo. Il numero 22 della Roma ieri sera era presente al concerto di Venditti e De Gregori all'Auditorium del Parco Della Musica. Non solo spettatore però, perchè poco prima della fine del concerto, dopo aver cantato "Roma Capoccia", Antonello Venditti ha annunciato ai presenti: "Questa sera abbiamo un ospite speciale, questa canzone la canteremo con lui e per lui", chiamando Nicolò sul palco.

Zaniolo ha poi risposto a Venditti sul suo rientro in campo, in seguito all'infortunio alla spalla rimediato nel match contro la Cremonese (ieri sera indossava un tutore alla spalla): "Rientro tra una o due settimane".

Per concludere la serata e il concerto l'attaccante, insieme a Venditti e De Gregori, ha cantato "Grazie Roma".

https://www.ilromanista.eu/news/as-roma/139393/video-zaniolo-canta-grazie-roma-sul-palco-con-venditti-e-de-gregori

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/zaniolo.gif

 

 

 

Antonello Venditti e Francesco De Gregori con le nuove versioni di 'Peppino'  e 'La donna cannone' chiudono la tournèe estiva – Il Mohicano

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

BRESCIA 5 SETTEMBRE 2022

 

https://www.iltitanic.com/2022/nove5.jpg

 

 

Francesco De Gregori e Antonello Venditti ospiti di Tim Music Awards

 Non può mancare Francesco De Gregori ai Tim Music Awards di questa sera, venerdì 9 settembre. Dopo una lunga estate ricca di concerti assieme ad Antonello Venditti, il cantante si prepara a deliziare il pubblico con i suoi capolavori. Grande attesa, quindi, di vederlo all’opera assieme al cantautore romano, con cui in questi mesi ha proposto lunghi concerti, comprendenti i loro brani più rappresentativi di sempre.

Da “Partirono in due ed erano abbastanza” a “Bomba o non bomba”, passando per “La donna cannone”, “Notte prima degli esami”, volgono verso il finale con brani iconici oramai “Roma capoccia”, “Il vestito del violinista”, “Ricordati di me”, “Viva l’Italia” e Buonanotte Fiorellino”. Indimenticabile per la coppia il concerto allo Stadio Olimpico di Roma, dove De Gregori e Venditti hanno chiuso con “Grazie Roma”.

 

https://www.iltitanic.com/2022/tim.gif

https://www.iltitanic.com/2023/MAW.JPG

 

Insomma, l’amore per il palco non conosce confini per Francesco De Gregori. A prescindere dalla location, dalla città e dal pubblico, il cantante ritrova davvero se stesso solo quando fa musica. “Sì, puoi chiamarlo narcisismo oppure esibizionismo. Ogni artista onesto pensa che quello che fa riguardi gli altri. Non lo fa mai solo per se stesso. L’artista immagina un pubblico. Non lo segue, non lo compiace, ma è convinto che quel che fa vada visto, ascoltato, letto“, ha raccontato in una bella intervista al sito deagostinivinyl.com.

“L’artista ha bisogno di esprimersi sapendo che davanti a lui ci sono persone pronte ad ascoltarlo. Il fenomeno di massa dei cantautori nacque dal desiderio dei nostri coetanei di un certo tipo di emozione. Noi sapevamo che queste canzoni avevano bisogno di essere scritte”, le parole di De Gregori.

https://www.ilsussidiario.net/news/francesco-de-gregori-il-pubblico-non-si-segue-ne-si-compiace-ma/2398575/

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/36.jpg

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

VERONA 5 OTTOBRE 2022

 

Venditti-De Gregori come star. È un'Arena di musica e poesia | L'Arena

 

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2023/crew9.jpg https://www.iltitanic.com/2023/crew8.jpg

 

 

 

2022 https://www.iltitanic.com/2022/51.JPG 2023 

 

 

 

 

Dopo il grande successo di pubblico e di critica ottenuto allo Stadio Olimpico di Roma e dopo il tutto esaurito del tour estivo nelle più importanti location all’aperto d’Italia, Venditti & De Gregori tornano in concerto nei principali teatri italiani, a partire da domani all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Il pubblico ha l’occasione di assistere a uno spettacolo unico ed emozionante, in cui Venditti & De Gregori danno nuova veste ai loro più grandi successi. Canzoni che sono entrate nel cuore della gente e nelle storie delle persone; canzoni che sono la colonna sonora di intere generazioni.

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/64.jpg

SAINT VINCENT 28 OTTOBRE 2022

 

Un tuffo negli anni passati, un concerto che ha riesumato i ricordi di almeno tre generazioni e scaldato il pubblico – già a metà concerto quasi tutto in piedi – del Palais di Saint-Vincent. La coppia Francesco De Gregori e Antonello Venditti ieri sera si è esibita per l’apertura della Saison Culturelle e ha vinto la proverbiale timidezza dei valdostani entusiasmando gli oltre 1270 che sono riusciti ad accappararsi un biglietto per la data zero del tour nei teatri dei due mostri sacri della canzone d’autore italiana.

Il concerto parte con “Bomba e non bomba”, poi sul palco prendono corpo i classici del loro repertorio: Nino con la sua paura di sbagliare il calcio di rigore, “Bufalo Bill”, “La Storia siamo noi”, “Generale”, “Nata sotto il segno dei pesci”. De Gregori con la chitarra e l’armonica a bocca, Venditti al pianoforte duettano, cantano insieme, intervengono con maestria e rispetto nelle canzoni dell’altro.

C’è spazio anche per alcuni siparietti e battute, segno evidente della complicità tra i due. “Questa canzone l’ho scritta io” è il refrain di De Gregori, rimbrottato da Venditti che scherza “Ha fatto sempre tutto lui”https://www.iltitanic.com/2022/54.jpg e “Non parlo perché non ho diritto di parola”. Poi intonano insieme “Dolce signora che bruci” accompagnati solo dalla chitarra.

Lo spettacolo li vede anche solisti: “Alice” e “Santa Lucia” per Francesco De Gregori. Antonello Venditti al pianoforte omaggia Lucio Dalla con “Canzone”. Il pubblico si alza in piedi e canta a squarciagola “La donna cannone”. Da quel momento il Palais si infiamma per “Pablo”. Su richiesta di Francesco De Gregori – “Mi piacerebbe che per la prossima canzone che qualcuno ballasse un valzer”– decine di coppie si alzano e trasformano la platea in una balera al ritmo di “Buonanotte Fiorellino”.

Nel bis i due rientrano e parlano con le persone ormai ai piedi del palco. De Gregori beve una birra che gli offre una signora dal pubblico, Venditti canta con la sigaretta in mano. Propongono una versione “inedita” di “Roma Capoccia” – “la più bella canzone dedicata alla capitale” – con De Gregori che fa la sua parte in spagnolo e promette, per la prossima venuta in Valle, una versione in patois.

Si chiude con “Sempre e per sempre” e “Ricordati di me”. E c’è da scommettere che i 1270 che ieri erano al Palais non dimenticheranno tanto presto le emozioni di questa serata.

29 Ottobre 2022 di Nathalie Grange

 https://aostasera.it/notizie/cultura-e-spettacolo/il-palais-si-alza-in-piedi-e-si-inchina-a-de-gregori-e-venditti/

 

 

https://www.iltitanic.com/2023/crew3.jpg https://www.iltitanic.com/2023/crew4.jpg

fotografie di Enzo Memoli

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

ROMA 1 NOVEMBRE 2022

 

C’è poco da fare: se amate la grande canzone italiana dovete andare a vedere il concerto di Francesco De Gregori e Antonello Venditti, durante il nuovo giro di concerti iniziato il 1 novembre all’Auditorium Parco Della Musica di Roma. Più di due ore e mezzo di concerto non possono bastare per esaurire il grande canzoniere di entrambi e la scelta che i due hanno dovuto fare per riuscire a mettere insieme uno show che fosse al tempo stesso esauriente, completo, bello e interessante, divertente, commovente, emozionante, è stata certamente difficile. Ma non si tratta di un ‘greatest hits’ dal vivo, anche se è ovvio che il concerto è fatto al novantotto per cento di grandi successi dell’uno e dell’altro, è piuttosto un grande e a tratti maestoso omaggio ad un modo di affrontare la musica, la canzone, la scrittura, che mettendo insieme Venditti e De Gregori risulta essere perfettamente completo.

Completo perché c’è il cuore e la mente, la pancia e l’intelletto, la politica e il divertimento, la cultura e la gioia, la malinconia e lo sberleffo, il colto e il popolare, in un unico grande flusso di canzoni che porta chi ascolta a sentirsi nel centro delle cose. E non delle cose di ieri, beninteso, perché per quanto il repertorio sia in gran parte datato è allo stesso tempo completamente vero che accade e vive ogni sera come se fosse ancora contemporaneo. Sia perché la band, stratosferica, che accompagna i due suona tutto tranne che ‘vintage’, sia perché Venditti e De Gregori non propongono al pubblico un viaggio nella nostalgia e nel passato ma un’esperienza di ascolto che permette di confrontare le canzoni di ‘ieri’ con l’’oggi’ che viviamo quotidianamente.

 

https://www.iltitanic.com/2022/nanni.jpg

 

“Alice” e “Notte prima degli esami”, citando a caso, sembrano nelle mani dei loro due autori, ancora sufficientemente attuali da non subire alcuna forma di invecchiamento, come tutto il resto del repertorio del concerto. Anche perché, ed è questo il bello, non si tratta di due set separati, tranne qualche giusto e necessario momento in solitudine, i due cantano sempre insieme, sono un duo, si comportano come un duo, lavorano come un duo, si esibiscono come un duo. E non sono Simon & Garfunkel ma due Paul Simon in scena, che giocano a concedere le canzoni all’altro, mostrando non solo condivisione emotiva, spirituale e artistica, ma anche genio, perché ognuno dei due offre nuova vita, nuova linfa, alle canzoni dell’altro. E, ed è questo il bello del concerto, avendo messo insieme una band stellare fatta di musicisti che hanno familiarità con i repertori dell’uno e dell’altro, giocano entrambi in casa, possono quindi permettersi di essere immersi nel proprio suono anche quando la matrice non è la propria.

Ma ancora più straordinario è scoprire, che il terreno comune tra le canzoni di De Gregori e quelle di Venditti, è decisamente ampio, che sono di più le cose che avvicinano l’uno all’altro che quelle che li separano. E’ un concerto di una band ‘nuova’ insomma, con due leader, due capitani che condividono il compito di indirizzare la nave verso il prossimo porto, giocando con le proprie emozioni e con quelle di chi è in platea ad ascoltare, a mescolare le proprie emozioni con quelle di chi è sul palco, a scambiarsi risate o occhi pieni di lacrime, a cantare in coro quando serve o stare giustamente in silenzio in altri casi. E’ un concerto bellissimo, insomma, dove nulla è fuori posto, e tutto è possibile. Persino sentire Venditti che intona “La donna cannone” come se l’avesse scritta lui, e De Gregori che canta Roma Capoccia con il cuore in mano. Impagabile.

Ernesto Assante

https://www.rockol.it/news-733124/francesco-de-gregori-antonello-venditti-recensione-concerto-roma-2022

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

NAPOLI 4 NOVEMBRE 2022

 

De Gregori e Venditti, Attaccanti al Palapartenope

 Nel primo venerdì novembrino, di sera, la pioggia batte incessantemente sul tendone del Palapartenope. Per fortuna dei napoletani, e non, che hanno riempito l'impianto flegreo, a far tornare il sole ci pensano Francesco De Gregori e Antonello Venditti. Due filibustieri del palco - insieme centoquarantaquattro anni all'anagrafe - attaccanti nella vita, ma che lo sarebbero, forse, anche su un campo di pallone. Quello con cui De Gregori esordisce ricordando "di non aver paura di sbagliare un calcio di rigore, perché non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore". Già e, allora, che fanno i veri goleador? Tirano. Come canta proprio Venditti: Bomba o non bomba.https://www.iltitanic.com/2022/68.jpg

 Poi, come due veri attaccanti che si passano la palla, loro si passano le canzoni che hanno segnato epoche. Compresa quella dei social, impegnata sia a cantare ma anche a riprendere e ripostare in diretta.

 Da bravi compagni si assistono e dove la voce di uno non arriva, ci pensano le corde vocali dell'altro. Tanto che sia Alice di Francesco o Peppino di Antonello, il risultato non cambia. Il pubblico applaude e si gode il duetto di quei due finti vecchietti, uno con tanto di jeans e cappello da cowboy e l'altro romanaccio, come di consueto, in nero. La seconda esibizione del loro tour nei teatri scorre via come una partita, ma senza intervallo. Anche se, a ben vedere, un momento in cui il tempo si ferma c'è.

 Quando i due intonano Canzoni, ma non sempre le loro. Quelle di Lucio Dalla. "Una persona - racconta Venditti - che Napoli l'amava e la viveva e che mi ha anche fatto scrivere tre canzoni". Quali? La risposta arriva con una doppietta micidiale. Ci vorrebbe un amico per affrontare una Notte prima degli esami. Sfugge la terza, ma in pochi se ne accorgono perché irrompe il boato di un cannone, una Donna cannone precisamente. Ci siamo, è giunto il momento dei saluti. Dunque? Buonanotte fiorellino.

 Le luci si spengono - per lunghi tratti invadenti - gli occhi riposano, ma le orecchie dei presenti non sono sazie. "Te ne vai così, senza Ricordati di me?", borbotta qualcuno. "Certo che no", pensa Venditti mentre ricomincia a cantare, esaudendo gli ultimi desideri di serata.

 Spunta anche Francesco, c'è ancora spazio per l'ultima poesia. "La più bella che un essere umano, ammesso che lo sia, potesse fare su Roma", dice De Gregori. Mentre "le coppiette se ne vanno via" e quando sembra tutto pronto per il finale, Antonello carica l'ultima strofa, ma dalle prime file parte un: "Forza Napoli". Venditti, prima romanista e poi romano, s'interrompe e replica stizzito: "Aò come sei scontato". Interviene De Gregori compiendo l'ultima prodezza della serata, smorzando la tensione scesa in platea: "Anche il nostro pianista tifa Napoli". Applausi. E, allora, dove eravamo rimasti? "Roma capoccia der mondo infame e forza Napoli", chiude Venditti. Finisce così al Palapartenope, come da pronostico: vittoria per la musica italiana, ancora una volta. Migliori in campo? Francesco De Gregori e Antonello Venditti.

https://www.unisob.na.it/inchiostro/index.htm?idrt=10398

 

De Gregori: “Invidio a Venditti gli inni della Roma, sentirli è una bella botta d’emozione”

Il cantautore: “Le avrei volute scrivere io, ma non ero abbastanza pop”. Antonello: “Lui laziale? Macché…”

 

Due cantautori che hanno scritto alcune tra le pagine più belle della musica italiana. Nel loro cuore, però, un posto speciale è per la Roma. Francesco De Gregori e Antonello Venditti sono stati ospiti di “Lui è peggio di me”, il programma sulla Rai condotto da un altro grande tifoso giallorosso come Marco Giallini, oltre a Panariello: “Le due canzoni che ha scritto Venditti sulla Roma gliele invidio – ha confessato De Gregori -. Quando guardo le partite in televisione, perché allo stadio non vado, e sento l’inno, uno prima e uno dopo se la Roma ha vinto, è una botta bella. Gliele invidio perché le avrei volute scrivere io. Ma non ero abbastanza pop”. Poi Panariello scherza con Venditti: “Ma Francesco è laziale no? Non ha mai scritto una canzone sulla Roma, è laziale”. “Ma no, macché – la risposta di Antonello – non ha scritto canzoni perché le ha lasciate a me…”.

 

 

Francesco De Gregori condurrà la serata di apertura al Teatro Regio del Torino Film Festival 2022

Apertura in grande stile per il Torino Film Festival del quarantennale diretto da Steve Della Casa. Il 25 novembre, alle 19, al teatro Regio di Torino sarà lo stesso direttore a condurre la serata in compagnia di un ospite d’eccezione: Francesco De Gregori.

La serata di apertura sarà tramessa anche in diretta su Rai Radio 3 dal programma Hollywood Party. La presenza di De Gregori è giustificata dal tema della serata, che sarà: Beatles, Rolling Stones e Bob Dylan al cinema. Nel corso della serata saranno ripercorsi i rapporti dei grandi artisti della musica con il mondo del cinema.

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/67.jpgFrancesco De Gregori protagonista della puntata inaugurale della quarta edizione di “A Spasso Con Te”, una rubrica di “Geo”, il programma condotto da Sveva Sagramola ed Emanuele Biggi, in onda lunedì 7 novembre alle 16 su Rai 3.

 

L’artista romano spinge la sedia a rotelle della giornalista Fiamma Satta nei luoghi della sua città, in una passeggiata tra le emozioni e i ricordi legati alla sua famiglia e alla sua musica.

A Villa Sciarra, nel quartiere Monteverde, dove giocava da bambino, nella basilica di san Pancrazio, dove andava a messa con la mamma, al bar dei Colli Portuensi dove è ancora appesa una sua chitarra per ritrovare il vecchio amico Spartaco, a Via Garibaldi dove si trovava il mitico Folkstudio dei suoi esordi e dell’incontro artistico con Antonello Venditti e infine al Fontanone del Gianicolo per sentire il rumore dell’acqua.

La regia è di Olivella Foresta. In “A Spasso Con Te” la giornalista e scrittrice Fiamma Satta ha chiesto ad alcune personalità del mondo della cultura e dello spettacolo di essere accompagnata in luoghi a loro cari, raccontandoli e raccontandosi, per una chiacchierata a tutto tondo sul paesaggio, sull’arte e sulla vita. 

https://www.raiplay.it/video/2022/11/Francesco-De-Gregori---Geo-07112022-55b837fd-5630-4923-b0a1-cd7c3cca5a7e.html

 

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

CATANIA 7-8 NOVEMBRE 2022

 

https://www.iltitanic.com/2022/elecord.jpg

 

 

Una serata da ricordare, con due mostri della musica Italiana insieme sul palco a ripercorrere le loro carriere partite da Roma tra la fine degli anni 60’ ed inizio 70’ e ancora oggi tra i più seguiti in Italia e non solo. 71 anni e 49 album De Gregori, 73 anni e 46 album per Venditti, sono numeri che fanno capire chi c’era ieri sera sul palco. Canzoni nate negli anni del boom, delle proteste studentesche, ma che spesso raccontano la vita di tutti i giorni, quella dei quartieri popolari di Roma da cui provengono i due cantautori. Un tour insieme, pensato da anni dopo quello occasionale e breve del 1972, due carriere parallele, ma che si sono incrociate spesso, e che ora i due artisti ripercorrono. Sul palco, accompagnati da una ottima band di ben 11 elementi, hanno ripercorso una piccola parte delle loro carriere. Nelle quasi tre ore di concerto, hanno cantato alcuni dei loro successi, forse quelli più attesi dal pubblico, arrangiati in modo da cantarli insieme, con parti del concerto, in cui ognuno di loro ha cantato i suoi pezzi.

 

 

“Generale”, “Titanic”, “La Storia”, “Alice”, “Pablo” fin a “Buonanotte Fiorellino”, sono stati i pezzi forti di De Gregori. “Unica”, “Notte prima degli esami”, “In questo mondo di ladri”, ma anche “Ricordati di me”, per finire con “Roma Capoccia”, hanno messo in mostra le doti di Venditti, ancora capace di cantare a squarciagola nonostante non sia più giovanissimo. Pubblico in delirio, con un teatro sold out, e con le repliche previste per stasera, e un'altra data, nata per la grande richiesta di biglietti, prevista per giorno 8 febbraio 2023 sempre al Metropolitan, con l’organizzazione di Puntoeacapo. Una occasione unica, e rara, di vedere insieme due grandi artisti e colonne portanti della musica Italiana.

LaSicilia.it

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

BARI 12-13 NOVEMBRE 2022

 

Venditti & De Gregori giungono a Bari con il loro Tour nei Teatri italiani collezionando due sold out, tanto da aggiungere una terza data a Febbraio dell’anno che verrà.

 

La location

Il Teatro Team accoglie due big della musica cantautorale e pop andandosi a riempire gradualmente. Le maschere accompagnano i fan ai loro posti sempre col sorriso sulle labbra e l’eleganza che il luogo e il loro ruolo impone loro. Le poltroncine rosse e grigie spiccano sulla moquette ora che ci sono tutte le luci accese. Quante emozioni e quanti spettacoli hanno visto e percepito!

I fan

Qui erano ancora tutti composto poi si sono scatenati. I fan di De Gregori & Venditti non hanno età, ci sono adolescenti coi genitori, giovani coppie, sposini e gente ben più adulta. Per quanto si possano differenziare i due in musica pop per Venditti e musica cantautorale per De Gregori, alla fine della fiera piacciono a tutti, indistintamente.

Non è il genere musicale a farla da padrone in questo tour. Quello che è importante è come la musica leghi le persone, di come non vi sia competizione per quanto ne possa dire ironicamente De Gregori. Entrambi hanno fatto breccia e continuano a fare breccia nei cuori di chi li conosce.

Vi dico: nel bus con me c’erano due signore venute da Manfredonia solo per loro e pur di essere presenti, le due amiche hanno rinunciato a stare sedute l’una accanto all’altra. I biglietti del concerto sono spariti in un batter d’occhio e, seppur separate, entrambe si sono godute il live da vere fan: me le immagino anche, sulla strada del ritorno, a per raccontarsi le emozioni vissute.

 

https://www.iltitanic.com/2023/006.jpg

il mio amico Giò Giò!

 

Ho chiacchierato anche con alcuni fan di Taranto, Lecce e Brindisi. Non sono solo Bari e i baresi ad amare Venditti e De Gregori, al Teatro Team: c’è davvero tutta la Puglia presente e trattenerli seduti diventa impossibile, soprattutto quando partono le note di Canzone di Lucio Dalla.

Un omaggio ad un amico che non c’è più, ma che con i due, ha diviso gioie e dolori musicali. Inutile dirvi che personalmente mi sono commossa. Per quanto nasca metallara, Lucio Dalla ha un posto nel mio cuore e puntualmente le lacrime vengono fuori quando lo ascolto. Poi vedere tutto il pubblico alzarsi, applaudire e gioire mi ha lasciata senza fiato.

Il concerto

Avviso il pubblico della prima fila che per le prime canzoni mi vedranno passare e quindi dico loro di portare pazienza. Da parte loro invece, mi chiedono anticipatamente scusa perché probabilmente li sentirò cantare (e forse stonare): non sanno che io per prima canto tutte le canzoni, stonando senza ritegno.

Inoltre, prima di essere giornalisti e fotografi siamo noi stessi fan: ogni tanto è bene ricordarlo.

De Gregori & Venditti

E come potrei non stonare le canzoni di Venditti che mi ricordano le estati in auto con mia madre e i nonni direzione mare o come non stonare le canzoni di De Gregori che è sempre presente nelle playlist per il limone certo?

Sono cresciuta con la bella musica italiana, mi hanno abituato ad ascoltare questa musica di una generazione diversa dalla mia, e quindi con non “poca ansietta” attendo l’inizio del concerto. La complicità dei due sul palco è evidente sin da subito.

Goliardiche le battute tra i due, belle le parole spese sull’accoglienza barese. Se ho l’ansietta io a stare sotto il palco di due colossi come loro, penso che anche loro forse abbiano un po’ di ansia nel vedere il Teatro completamente pieno.

E chi se ne frega se fuori scoppia il diluvio, tanto che tra una canzone e l’altra si sente lo scroscio dell’acqua sul tetto del Teatro Team, poiché li dentro stiamo vivendo una magia fatta di note e parole che rimarranno negli annali della musica italiana, quella musica bella che non dimenticheremo mai.

Iolanda Pompilio

https://thesoundcheck.it/2022/11/13/venditti-de-gregori-teatro-team-bari-12-novembre-2022/?fbclid=IwAR16s6t7Hqgs72B4FhO3rlh6xILu0OMoXg8KrL-RdHNQje-1NZ-5vzJWD4A

 

https://www.iltitanic.com/2022/66.jpg

Una vera «bomba» di emozioni con Venditti & De Gregori a Bari

Pubblico in delirio al TeatroTeam per i due storici cantautori. Tutto esaurito anche al concerto del 4 febbraio

15 Novembre 2022 - Livio Costarella

Partirono in due, ed erano abbastanza. Un pianoforte, una chitarra e molta fantasia. Cosa c’è di più iconico dell’incipit di Bomba o non bomba di Antonello Venditti, per sancire un patto artistico lungo più di mezzo secolo? È il 1972, e Venditti e Francesco De Gregori debuttano da pischelli del cantautorato italiano in duo, con il misterioso nome di Theorius Campus, in un disco epocale, a ripensarci oggi. Ed eccoli ancora qui, 50 anni dopo, a rimettersi in gioco, in un sodalizio live che sta sbancando tutte le città dove si stanno esibendo con il loro Venditti & De Gregori Tour. Anche a Bari, neanche a dirlo, il Teatroteam è stato preso d’assalto nello scorso weekend, con due date in cui i biglietti sono stati polverizzati in poche settimane. E anche la prossima, sempre al Teatroteam il 4 febbraio 2023, ha da poco terminato le disponibilità.

 

https://www.iltitanic.com/2023/memoli1.jpg

 

E Bomba o non bomba è proprio l’inizio folgorante del concerto, con una scaletta di 32 brani che alterna grandi successi di entrambi, cantati in coppia o da soli. Un viaggio nel tempo degli ultimi 50 anni, tra generazioni - almeno tre - nate Sotto il segno dei pesci, ammiratrici di Giulio Cesare o de La leva calcistica della classe ‘68.

Ciò che attrae è la complicità di Francesco e Antonello sul palco, tra sguardi e ampi sorrisi: Venditti ha una voce sempre scolpita e marmorea, capace di penetrare il teatro in un baleno. E De Gregori, con l’inseparabile cappello, riempie la scena con il suo timbro inconfondibile e una voglia straordinaria di trasmettere tutto il suo talento autoriale. Tra l’altro, una curiosità: proprio De Gregori, con un suo concerto, ha inaugurato la gloriosa storia del Teatroteam, il 25 giugno 1991.

La storia siamo noi e nessuno si senta escluso cantano insieme con il pubblico ne La storia di De Gregori. Come dargli torto? E poi ancora l’intensissima Dolce signora che bruci in versione acustica, la ballata meravigliosa di Alice, le commoventi Santa Lucia, Ci vorrebbe un amico e Notte prima degli esami. Uno dei momenti più iconici e sentiti e Pablo, per non parlare di Rimmel (e l’intro con armonica di De Gregori) e la sbarazzina Titanic.

Non è mancato l’omaggio a Lucio Dalla con Canzone. Dove cantano con il cuore un verso perfetto per ricordare Lucio: Canzone cercala se puoi. Dille che non mi perda mai. E l’ultimo bis è «la più bella canzone che un essere umano abbia scritto su Roma, ammesso che Antonello possa definirsi un essere umano», dice scherzando De Gregori.

Arriva Roma capoccia, il pubblico è già tutto in piedi da un pezzo, assiepato fin sotto il palco. Ed è un’apoteosi.

https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/-gazzettamusic/1367676/una-vera-bomba-di-emozioni-con-venditti-de-gregori-a-bari.html

 

https://www.iltitanic.com/2023/memoli3.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

ROMA 18 NOVEMBRE 2022

 

https://www.iltitanic.com/2022/45.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/bologna4.jpg

MILANO 21-22 NOVEMBRE 2022

 

Mi sono goduta il concerto come da anni non facevo, seduta in poltrona, da sola e senza fotocamera. Certo, qualche foto col cellulare dalla prima fila non la fai? E qualche pezzetto di video, già, soprattutto quando l’armonica squarcia il buio. Ma li ho ascoltati e li ho guardati bene. Sono due signori che hanno passato i settanta e che, nei loro tempi sicuramente migliori mi hanno accompagnata in anni complicati come quelli dell’adolescenza e della giovinezza. Già di questo sono loro grata. Che poi abbiano ancora due voci pazzesche e voglia di stare sul palco è ammirevole a dir poco. Dopo l’Arena devo dire che averli riascoltati in teatro è stato come l’abbraccio di due amici più grandi ai tempi del liceo. Anche se la notte prima della maturità avevo ben altro a cui pensare, e comunque no, la matematica non è mai stata il mio mestiere. Per fortuna e forse grazie anche un po’ a loro due.

Foto-recensione di Valeria Bissacco

 

https://www.iltitanic.com/2022/bissacco.jpg

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

FIRENZE 26-27 NOVEMBRE 2022

 

https://www.iltitanic.com/2022/69.jpg

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/bologna4.jpg

BRESCIA 3 DICEMBRE 2022

 

https://www.iltitanic.com/2022/nove1.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/bologna4.jpg

MILANO 5-7 DICEMBRE 2022

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/nove3.jpg'Le canzoni della nostra vita' in onda il 29.1.2022 alle 21.25 racconta il dietro le quinte del loro tour leggendario

29 Dicembre 2022 – Repubblica.it

 

Da Rimmel a Grazie Roma, da Generale a Alta marea.

Una strenna di Natale speciale con le canzoni della nostra vita protagoniste sul Nove con il film evento Venditti & De Gregori - Falegnami & Filosofi,  regia di Stefano Pistolini, in prima tv giovedì 29 dicembre alle 21.25.

Dopo il racconto a puntate andato in onda sulla piattaforma streaming Discovery+ in occasione della partenza del loro viaggio musicale, Francesco De Gregori e Antonello Venditti sono protagonisti in televisione con il feature movie realizzato in collaborazione con Caravan, Friends&Partners e New Sound City, che mostra la magia e il dietro le quinte di un tour leggendario che sta conquistando l’Italia.

Ma non solo, il viaggio esclusivo di Falegnami & Filosofi fa convivere il pubblico con i filmati delle prove in sala, accompagnate dalla band che integra elementi che collaborano da anni con i due cantautori romani, a contenuti inediti registrati durante il live allo Stadio Olimpico di Roma, prima tappa del tour, che ha rimesso insieme sullo stesso palco, dopo Cinquanta anni, questi due giganti della musica italiana.

Nella scaletta brani storici e amatissimi dal grande pubblico: da Viva l’Italia a Unica, da Rimmel a Ricordati di me passando per Sempre e per sempre, Generale, La donna cannone, Grazie Roma, Alta marea, Notte prima degli esami, La leva calcistica della classe ’68. Nel film di Stefano Pistolini un racconto esteso e arricchito del “cantiere” musicale dei due artisti alla prese con gli arrangiamenti delle loro canzoni più famose, in una lunga storia di amicizia e complicità musicale.

 

(fotocomposizione a cura di Antonella Tartaro)

 

https://www.iltitanic.com/2023/crew5.jpg https://www.iltitanic.com/2023/crew5.jpg

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

ROMA 26-27 DICEMBRE 2022

Sul palco dell’Auditorium Parco della musica di Roma sono saliti per quella che, al momento, è la loro ultima tappa nella Capitale, Antonello Venditti e Francesco De Gregori.

Dopo il concerto-evento di apertura del tour allo Stadio Olimpico di Roma e diverse repliche di fine estate e invernali, sempre in Auditorium, il duo si appresta a lasciare la capitale per intraprendere le ultime date di una lunghissima tournèe di oltre 9 mesi e decine di concerti.

Piccoli cambiamenti in scaletta rispetto ai concerti estivi: su tutti spunta Bianco Natale, eseguita in questi giorni di festività, e la mancanza di alcuni brani eseguiti nei live all’aperto.

Un numero comunque ragguardevole di canzoni: ben 27 per due ore e mezza di musica.

Trovate la scaletta completa in fondo all’articolo.

La band che accompagna Venditti e De Gregori in questa lunga tournée è formata da: Alessandro Canini (batteria), Danilo Cherni (tastiere), Carlo Gaudiello (piano), Primiano Di Biase (hammond), Fabio Pignatelli (basso), Amedeo Bianchi (sax), Paolo Giovenchi (chitarre) e Alessandro Valle (pedal steel guitar e mandolino), Fabiana Sirigu (violino) e le coriste Laura Ugolini e Laura Marafioti.

 

https://www.iltitanic.com/2022/gen.gif

video di Daniela Spaziani Gregori

 

La scaletta del concerto

1. Bomba o non bomba 2. La leva calcistica della classe ’68 3. Modena 4. Bufalo Bill 5. La storia 6. Peppino

7. Generale 8. Sotto il segno dei pesci 9. Dolce signora che bruci 10. Alice 11. Santa Lucia 12. Canzone (cover Lucio Dalla) 13. Ci vorrebbe un amico 14. Notte prima degli esami 15. La donna cannone 16. Pablo 17. Che fantastica storia è la vita 18. Rimmel 19. Titanic 20. Giulio Cesare 21. Alta marea 22. In questo mondo di ladri 23. Sempre e per sempre 24. Buonanotte fiorellino 25. Bianco Natale 26. Ricordati di me 27. Roma capoccia

https://www.spettakolo.it/2022/12/28/venditti-de-gregori-roma-auditorium/

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/bologna4.jpg

MONTECATINI 5-6 GENNAIO 2023

 

https://www.iltitanic.com/2023/monte3.gif

cliccaci sopra per vedere il video completo di Ilaria Baisi
 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/bologna4.jpg

BOLOGNA 10-11 GENNAIO 2023

 

Venditti & De Gregori: la festa di due carriere uniche

Erika Di Bennardo

 Una festa, un tripudio di applausi e good vibes, come direbbero oltreoceano. Il tour di Venditti e De Gregori è arrivato finalmente al Teatro Europauditorium di Bologna, in due magiche date sold out di oltre due ore e mezza l’una. Dopo il grande debutto estivo a Roma, i due cantautori romani proseguono con le date invernali che li vedono in giro per l’Italia in lungo e in largo.

Operazione nostalgia? Non si direbbe proprio. Anche se il repertorio di oltre 30 canzoni è costituito (per forza di cose, forse) quasi solo dai successi più celebri di entrambi, le hits si vestono di nuovi sound, nuovi arrangiamenti, e soprattutto di un’altra voce.

Venditti e De Gregori duettano l’uno sulle note dell’altro, mescolando timbriche, interpretazioni e molta, molta empatia emotiva. Con l’inseparabile chitarra e a tratti anche l’armonica a bocca uno, seduto al pianoforte l’altro, accompagnati da una band di undici elementi, i due cantautori romani regalano una serata musicalmente eccelsa.

Bomba o non bomba, Generale, Sotto il segno dei Pesci, La donna cannone, Roma capoccia sono solo alcuni dei titoli cantati in coppia, per poi passare all’esecuzione in solitaria di altre perle tirate fuori dai rispettivi “cilindri”.

https://www.iltitanic.com/2023/003.jpg

foto di Antonella  Tartaro

Due concerti al prezzo di uno.

Cinquant’anni di musica: 49 album De Gregori e 46 Venditti. Quasi coetanei, ultrasettantenni ma con un’energia da fare invidia alle nuove generazioni, i due scherzano sul loro rapporto negli anni, sottolineando la volontà reciproca di fare questo tour insieme, per celebrare un’amicizia che è sotto gli occhi degli spettatori.

Si percepisce tanta positività e tanti punti in comune nei brani dei due, talvolta narranti eventi storici di un’Italia che cambia, dal boom economico alle proteste studentesche, a tratti impersonale, grande, per poi entrare nel quotidiano della vita di tutti i giorni, di storie vissute in prima persona o riguardanti amici, compagni.

Delicato e dolce l’omaggio a Lucio Dalla su Canzone, che a Bologna acquista doppio significato, così come Buonanotte fiorellino suonata quasi a passo di valzer con le coppiette di spettatori invitati a danzare lungo i corridoi della platea.

I due artisti si donano al pubblico in un grande abbraccio che li vede complici, amici, felici di celebrare in grande stile due carriere indimenticabili.

https://www.teatro.it/recensioni/venditti-de-gregori-il-tour/venditti-de-gregori-la-festa-di-due-carriere-uniche

 

https://www.iltitanic.com/2023/005.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

TORINO 17-18 GENNAIO 2023

 

https://www.iltitanic.com/2023/memoli4.jpgFigli di una vecchia canzone. Venditti e De Gregori, quando la qualità supera il tempo

Augusto Grandi

 

Due ore e mezza di canzoni, senza interruzioni. Due ore e mezza che riconciliano con la musica vera, cancellando anni ed anni di Sanremo. Ed anche quando gli ultra settantenni Antonello Venditti e Francesco De Gregori evidenziano limiti nella voce, salendo di tono, riescono comunque ad essere infinitamente più bravi rispetto alle meteore attuali. Meteore osannate, celebrate, esaltate, ma incapaci di trasmettere alcunché.

I due vecchi romani, invece, sul palco di Torino trasmettono qualità, intelligenza. Splendide canzoni che hanno rappresentato la colonna sonora di più generazioni. E in sala le generazioni si mescolano, con una netta prevalenza dei meno giovani. Una risposta alle preoccupazioni di chi mette in guardia contro l’isolamento totale del 20% degli ultra sessantacinquenni. Il pubblico canta, applaude e si mette anche a ballare mentre i due grandi vecchi intonano “Buonanotte fiorellino”.

La musica come festa, come gioia, come ricordo di una vita.  Una vita musicale che aveva già fatto incontrare Francesco e Antonello più di 50 anni fa, e che aveva portato al disco Theorius Campus. Poi ciascuno dei due aveva percorso la propria strada, costellata di successi assoluti, di brani rimasti nella memoria collettiva.

Ed ora persino il “Principe” ha smesso di prendersi sul serio, scherza con Venditti, insieme gigioneggiano.

Si mettono a fumare sul palco (“scusate, la spengo subito” assicura De Gregori che continua imperterrito a gustarsi la sigaretta mentre Antonello fuma senza azzardare finte scuse), coinvolgono il pubblico che, per una sera, dimentica acciacchi e nipotini e si agita come se fosse sul prato di uno stadio. E non c’è neppure bisogno di un collegamento con Zelensky..

Un’operazione commerciale? Forse sì, ma non importa proprio a nessuno.

Una serata di grandi canzoni, di grandi ricordi, di intenso piacere. Ed a proposito di analoghe operazioni “commerciali”, i critici del nulla avevano stroncato in passato anche l’altro “Principe” della canzone, Maurizio Vandelli che, con Shel Shapiro, aveva girato l’Italia con Love and Peace. Anche per questa inedita coppia si erano sprecati gli attacchi per la mancanza di voce, per la proposta di brani vecchi e sorpassati. Peccato che siano canzoni che il tempo non ha usurato e neppure consumato. A differenza delle grandi hit del momento. amate dai critici e che, a distanza di un anno, nessuno ricorda più, nessuno canta mai.

 

 https://electomagazine.it/figli-di-una-vecchia-canzone-venditti-e-de-gregori-quando-la-qualita-supera-il-tempo/

 

 

https://www.iltitanic.com/2023/memoli2.jpg

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/bologna4.jpg

MILANO 23 GENNAIO 2023

 

https://www.iltitanic.com/2023/009.jpg

foto di Antonella Tartaro

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

BERGAMO 30-31 GENNAIO 2023

 

https://www.iltitanic.com/2023/crew1.jpg https://www.iltitanic.com/2023/crew2.jpg

fotografie di Enzo Memoli

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

BARI 4 FEBBRAIO 2023

Partirono in due, ed erano abbastanza. Un pianoforte, una chitarra e molta fantasia. Cosa c’è di più iconico dell’incipit di Bomba o non bomba di Antonello Venditti, per sancire un patto artistico lungo più di mezzo secolo? È il 1972, e Venditti e Francesco De Gregori debuttano da pischelli del cantautorato italiano in duo, con il misterioso nome di Theorius Campus, in un disco epocale, a ripensarci oggi. Ed eccoli ancora qui, 50 anni dopo, a rimettersi in gioco, in un sodalizio live che sta sbancando tutte le città dove si stanno esibendo con il loro Venditti & De Gregori Tour. Anche a Bari, neanche a dirlo, il Teatroteam è stato preso d’assalto nello scorso weekend, con due date in cui i biglietti sono stati polverizzati in poche settimane. E anche la prossima, sempre al Teatroteam il 4 febbraio 2023, ha da poco terminato le disponibilità.

E Bomba o non bomba è proprio l’inizio folgorante del concerto, con una scaletta di 32 brani che alterna grandi successi di entrambi, cantati in coppia o da soli. Un viaggio nel tempo degli ultimi 50 anni, tra generazioni - almeno tre - nate Sotto il segno dei pesci, ammiratrici di Giulio Cesare o de La leva calcistica della classe ‘68.

Ciò che attrae è la complicità di Francesco e Antonello sul palco, tra sguardi e ampi sorrisi: Venditti ha una voce sempre scolpita e marmorea, capace di penetrare il teatro in un baleno. E De Gregori, con l’inseparabile cappello, riempie la scena con il suo timbro inconfondibile e una voglia straordinaria di trasmettere tutto il suo talento autoriale. Tra l’altro, una curiosità: proprio De Gregori, con un suo concerto, ha inaugurato la gloriosa storia del Teatroteam, il 25 giugno 1991.

La storia siamo noi e nessuno si senta escluso cantano insieme con il pubblico ne La storia di De Gregori. Come dargli torto? E poi ancora l’intensissima Dolce signora che bruci in versione acustica, la ballata meravigliosa di Alice, le commoventi Santa Lucia, Ci vorrebbe un amico e Notte prima degli esami. Uno dei momenti più iconici e sentiti e Pablo, per non parlare di Rimmel (e l’intro con armonica di De Gregori) e la sbarazzina Titanic.

Non è mancato l’omaggio a Lucio Dalla con Canzone. Dove cantano con il cuore un verso perfetto per ricordare Lucio: Canzone cercala se puoi. Dille che non mi perda mai. E l’ultimo bis è «la più bella canzone che un essere umano abbia scritto su Roma, ammesso che Antonello possa definirsi un essere umano», dice scherzando De Gregori.

Arriva Roma capoccia, il pubblico è già tutto in piedi da un pezzo, assiepato fin sotto il palco. Ed è un’apoteosi.

https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/-gazzettamusic/1367676/una-vera-bomba-di-emozioni-con-venditti-de-gregori-a-bari.html

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2023/asino2.jpg

https://www.facebook.com/lasino.c.vola

https://www.lasinochevolaroma.com/

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

CATANIA 8 FEBBRAIO 2023

 

 

 8 febbraio 2023, una data da incidere negli annali per ricordare nel tempo il concerto straordinario andato in scena al Metropolitan di Catania

di Piero Buscemi - giovedì 9 febbraio 2023

"Chi ce l’avrebbe detto, Antonello? Chi ce l’avrebbe detto che ci saremmo ritrovati qui su questo palco a cantare insieme, le canzoni di sempre, le tue, le mie, le nostre?"

Ad un certo punto del concerto, Francesco De Gregori rivolge questa domanda ad Antonello (scherzando, De Gregori aggiunge "Antonio, per gli amici"). Forse è la stessa domanda che gli rivolge ogni sera, quasi come un colpo di scena di una sceneggiatura ben collaudata che i due artisti recitano a memoria.

Venditti finge una momentanea perplessità davanti alla provocazione del "Principe", poi sorride sornione percependo di aver decantato la battuta nel modo corretto e lascia al pubblico la facoltà di risposta. Il pubblico risponde con un applauso spontaneo seguito da migliaia di cellulari che si illuminano all’unisono, a fermare il tempo delle emozioni.

Chi l’avrebbe detto a noi? Ci verrebbe da aggiungere. In una serata catanese, uggiosa alla Battisti, fresca alla Kuzminac, ma sicuramente dei miracoli alla Dalla. Teatro Metropolitan gremito oltre misura, qualche spettatore si è sacrificato in piedi ai lati della platea, pur di non rinunciare allo spettacolo. Pubblico caldo e pronto a immergersi in oltre cinquanta anni di musica e parole, che i due artisti si trascinano ancora per i palchi d’Italia, nella propria valigia dell’artista, mai forse veramente separata dal collega/amico, che hanno deciso di far viaggiare insieme, ancora una volta.

Ripercorrere decenni di carriera, addirittura cinque da quel Theorius Campus, uscito nel 1972, che i due artisti hanno donato alla Storia della musica italiana, unica produzione da studio che li ha visti protagonisti in un’osmosi di creatività e intrepidezza che l’età dei 20 anni riesce sempre a esternare, ripercorrere quei decenni è come saltare tra le note musicali, con la voglia e la consapevolezza di inciampare e cadere nell’armonia dei sentimenti di una musica inebriante.

 

https://www.iltitanic.com/2023/010.jpg

 

Brani ascoltati e cantati, milioni di volte, su vecchi stereo 7, su vinili gracidanti, avvolti da versi che hanno trasformato il "cantante" in "poeta". Arrampicarsi su quei versi, farseli propri come pensieri da dedicare alla vita, la propria e quella degli altri, unirsi in una condivisione di suggestioni indescrivibili, da cantare e urlare, senza voce, senza intonazione, dettaglio quest’ultimo trascurabile, come lo stesso De Gregori ha voluto sottolineare, rubando un pensiero a Lucio Battisti che creò la sua carriera artistica sulle emozioni da trasmettere al pubblico, senza un’obbligata necessità di eccellenza vocale.

Ma i due artisti non si sono limitati a riproporre il proprio personale curriculum musicale, alternando canzoni dell’uno e dell’altro: Bomba o non bomba, La leva calcistica della classe ’68, Modena, Bufalo Bill, La Storia, Peppino, Generale, Sotto il segno dei pesci, hanno voluto concedere al pubblico la loro vena recitativa, esternando nelle interpretazioni dei brani l’essenza vera ed esclusiva che la musica dovrebbe avere: comunicare, commuovere, esaltare e, soprattutto, divertire. Divertire come due settantenni, padroni del palco, non potrebbero fare di meglio. Essere lì solo per il gusto di esserci ed estasiare il pubblico che applaude a pochi metri dalla propria esperienza d’artista.

Proseguire su una salita che, nel momento in cui si pensa che sia finita, deve in ogni caso cominciare per rendere la vita, una fantastica storia. Francesco De Gregori e Antonello Venditti sono riusciti in questo miracolo, tra un siparietto a due, uno scambio di battute con il pubblico, un omaggio alla Sicilia con una stentata Vitti ’na crozza, un ricordo sfiorato al passato con la splendida e attuale Dolce signora che bruci e il ricordo dell’amico Lucio Dalla con l’interpretazione de la sua indimenticabile Canzone.

Lo scroscio delle mani estasiate del pubblico hanno chiuso lo spettacolo, dopo avere inneggiato i versi di Roma capoccia, la più bella canzone di sempre dedicata alla città, come ha voluto sottolineare lo stesso De Gregori. All’uscita alla magica atmosfera dominante all’interno del teatro, anche le fronde degli alberi per strada si sono inchinati a riconoscere la grandezza di questi due artisti.

https://www.girodivite.it/Venditti-De-Gregori-al.html#.Y-SlvOwHtw8.whatsapp

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

FIRENZE 22-24 FEBBRAIO 2023

 

Antonello Venditti è da seguire assolutamente sui social:

Facebook, Instagram e ora anche su TikTok, dove l’artista

 è sbarcato da pochi giorni (@antonellovendittioff).

Venditti è solito regalare contenuti originali e spesso

divertenti, come il video dell’esibizione che lui e

Francesco De Gregori hanno improvvisato dietro le

quinte, durante la tappa di Firenze del tour nei teatri

d’Italia (con Radio Italia solomusicaitaliana nelle vesti

di radio ufficiale).

I due artisti hanno cantato, in una versione banjo

e voce, Dolce signora che bruci, il singolo contenuto

in Theorius Campus, il primo e unico album in studio

che hanno registrato ai tempi in cui formavano il

duo Theorius Campus. “Rifacciamola”, ha detto a

un certo punto De Gregori. “Non se po’ rifa’”, ha

risposto Venditti (in romano)“Tranquilli lo taglio”, ha

aggiunto la collaboratrice che li stava riprendendo.

Il filmato, poi, non è stato modificato per la gioia dei

fan che apprezzano questi momenti… veri.

https://www.iltitanic.com/2023/dolces.jpg

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

TORINO 27 FEBBRAIO 2023

 

IN DIRETTA SU FACEBOOK / San Salvario / Via Madama Cristina, 71

"Mi dispiace tantissimo che stasera si finisce qui a Torino, dove mi piace cominciare": Venditti saluta prima del concerto con De Gregori

"Caro vecchio Facebook, sei sempre il migliore”. Antonello Venditti si collega con i fan a poche ore dalla data torinese del tour de Gregori con cui concluderà la serie di spettacoli che li hanno visti insieme in giro per l’Italia, prima della ripresa per una serie di nuove date quest’estate. Antonello già a gennaio, il 17 e il 18, si era esibito in due date con De Gregori proprio al teatro Colosseo.

Nella sua diretta ha sottolineato l’amarezza per questa che è l’ultima data, in una città che ha sempre amato e dove dice “mi piace cominciare". “Vi ricordate la canzone "Robin", la tournèe cominciò da Torino davanti al carcere Le Nuove”.

Dopo aver rivolto i suoi ringraziamenti a tutti coloro che sono venuti ai concerti ha detto: “Non lo voglio chiamare ultimo, anche perché voi sapete che ricominciamo e vi aspettiamo. Dovremo rifare la scaletta, a teatro ci siamo divertiti, rispettando questo luogo che, come voi, ha i suoi tempi e i suoi orari”.

Una battuta anche sulla neve: “C’è stata fino a questa mattina. Poi quando sono arrivato io la neve si è disciolta”. Venditti ha poi parlato dei progetti dopo questa data: “Mi riposerò e poi andrò in studio per il nuovo disco”.

 

 

 

2023 https://www.iltitanic.com/2022/51.JPG 2023 

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/TERME.JPG

ROMA 5-7-8-15 GIUGNO 2023

 

 

https://www.iltitanic.com/2023/047.jpgNon riusciamo più a immaginarci Venditti e De Gregori separati

Di Benedetta Pistolini e Di Mattia Marzi

 

Quello di domani sera alle Terme di Caracalla nella loro Roma, prima data del tour che li terrà impegnati sui palchi delle più suggestive location all’aperto dello stivale, sarà il quarantaquattresimo concerto di una reunion che nei piani iniziali doveva limitarsi a un solo evento, quello allo Stadio Olimpico di Roma annunciato nel 2019, originariamente in programma nel 2020 e poi slittato di due anni a causa della pandemia. Da quell’ideale stretta di mano che i due si sono scambiati un anno fa davanti ai 44 mila spettatori dell’Olimpico, Antonello Venditti e Francesco De Gregori si sono fermati solo per due mesi, tra settembre e ottobre dell’anno scorso.

A settembre, alla fine del tour in (ri)partenza, ammonteranno a quota .60 gli show insieme, per un totale di oltre 250 mila biglietti venduti in un anno e qualche mese.

Sarà che da quella magica serata all’Olimpico che un anno fa li ha visti mettere via antichi livori e dissapori i due sembrano paradossalmente essere stati davvero sempre “una cosa sola”, per usare per parole di Venditti, con quelle diversità artistiche e caratteriali apparentemente insopportabili che alla fine si sono rivelate tra loro compatibili. Nella serie Falegnami & Filosofi a loro dedicata, uscita su Discovery+, De Gregori dice che Venditti è sempre stato più pop di lui. Antonello non condivide: "Non è così.

Il successo non lo cerchi: è lui a venire da te. Io ho scritto pezzi come 'Sora Rosa' e 'Lilly', fatto battaglie in prima linea. Parla la mia storia". Sarà che ormai .i loro due cognomi legati da una congiunzione rappresentano un brand vincente, che permette ai due di raggiungere numeri che probabilmente, in questa fase delle rispettive carriere, con il primo che non pubblica un nuovo album di inediti da otto anni (l’ultimo, “Tortuga”, uscì nel 2015) e il secondo addirittura da undici (“Sulla strada”, ultima fatica discografica di De Gregori ad essere composta da pezzi originali, risale al 2012), da soli i senatori della canzone italiana non raggiungerebbero. Ma ormai non riusciamo più a immaginarci Venditti e De Gregori separati.

Cosa fosse successo una volta terminata la promozione dell’album d’esordio congiunto “Theorius Campus”, in quel lontanissimo 1972, non è stato mai chiarito. E non dev’essere stato semplice per i due mettere da parte l’orgoglio e riportare indietro le lancette del tempo di cinquant’anni, cancellando con un colpo di spugna frecciatine e commenti al vetriolo. Francesco De Gregori ha smentito categoricamente che “Piano bar”, il ritratto amaro contenuto in “Rimmel” dietro al quale nel ’74, quando le loro strade avevano già preso direzioni diverse, parlasse di Venditti: “Un falso mito, che ho già smentito: non parlavo di lui”. Sarà un caso, ma nella scaletta dei concerti del tour non c’è. Antonello Venditti non ha mai smentito, invece, che “Francesco” fosse dedicata a De Gregori: “Scusa Francesco / mi hanno ingannato / mi hanno portato via i ricordi”, cantava Cicalone, il soprannome che gli affibbiarono gli ai tempi delle primissime esibizioni sul palco del mitico Folkstudio, la culla del cantautorato romano degli Anni ’70, nel brano contenuto in “Sotto il segno dei pesci”. Sarà un altro caso, ma nella scaletta non c’è neppure “Francesco”.https://www.iltitanic.com/2023/047.jpg

Negli anni, allontanamenti e riavvicinamenti. Nel 2003, in un'intervista ai due cantautori realizzata da Vincenzo Mollica, Venditti - rivolgendosi a De Gregori, seduto al suo fianco, e riferendosi alla sua collaborazione con De André - disse scherzosamente: "Quando De André si accorse prepotentemente di De Gregori io rimasi solo. Avevo una vena più popolare ma non per questo meno severa della loro, un linguaggio meno forbito ma ugualmente forte, e colto. Dicevo: 'Ma questi due fighetti cosa vogliono?'".

Non sono mancate dichiarazioni poco gentili. Come quelle che Venditti si lasciò scappare nel 2008 chiacchierando con una cronista di Libero, che le registrò e le riportò: lì il cantautore .sostenne che l'amico De Gregori fosse un “caso patologico” per aver dato retta a Dalla sul progetto del tour congiunto "Banana Republic". "Era una forma di protezione nei suoi confronti. Mi sembrava che nel rapportarsi a Lucio, Francesco pendesse dalle sue labbra. Come cercasse una strada. Mi pareva eccessivo. De Gregori è un genio, ma non può essere soltanto un compagno di viaggio. Non segue la linea, ma eventualmente la dà. Deve e può prendersi la responsabilità della sua rotta", chiarì poi in un'intervista a Il Fatto Quotidiano. Il ricongiungimento sul palco è avvenuto nel 2018 all'Arena di Verona, durante il primo concerto del tour dedicato al quarantennale di "Sotto il segno dei pesci": "Siamo diversi, certo, ma essere diversi non implica necessariamente essere rivali: la competizione è un gioco da giornalisti musicali che non mi appartiene", ebbe a dire Venditti parlando con i giornalisti. Pochi mesi dopo l'Arena, un nuovo duetto, stavolta sul palco del Palazzo dello Sport di Roma durante la tappa capitolina dello stesso tour, e poi nel marzo del 2019 al Teatro Garbatella in occasione di un concerto di De Gregori.

Oggi guardarli scambiarsi e spartirsi le rispettive hit sul palco, da "La leva calcistica della classe ’68" a "Alice", passando per "Ci vorrebbe un amico", "La donna cannone", "Alta marea", commuove: “A me di Antonello è piaciuta moltissimo ‘Che fantastica storia è la vita’. Altre le ho riscoperte adesso condividendole con lui. Alcune sono pure fuori dalla mia portata, come ‘Unica’, che però mi ha conquistato comunque”, dice De Gregori. E Venditti: “Quelle di De Gregori le conosco tutte. C’è un’affinità, un’amicizia, una stima. Anche se non volessi, Francesco fa parte della mia vita. Questo concerto è come un’unica grande canzone. Non è il concerto di due. Siamo due in uno. Il nostro rapporto, che è stato a lungo un discorso interrotto, ora si è finalmente compiuto. Ci possiamo mandare a quel paese veramente, non attraverso intermediari. Ma lo facciamo da amici, non da nemici. Ci sono alti e bassi, ma rimane la sostanza: la nostra fratellanza”.

https://www.rockol.it/news-737694/venditti-de-gregori-tour-perche-non-riusciamo-a-immaginarceli-separati

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/TERME.JPG

MODENA 25 GIUGNO 2023

 

 

MODENA – 3300 persone, la Piazza Roma delle grandi occasioni, braccia alzate, qualcuno intona qualche ritornello, la serata è calda e bellissima, l’atmosfera di una Modena così, pure. E poi sul palco arrivano loro, due leggende della musica italiana, con qualche capello bianco in più ma la solita travolgente capacità di regalare emozioni. Alle 21.15 il concerto inizia, alle telecamere viene concesso di riprendere solo le prime due canzoni della lunga scaletta di successi, “bomba o non bomba” e “la leva calcistica del ‘68. Tra i brani più attesi anche “Modena” che cantata in questa città ha ovviamente un senso diverso, poi i grandi successi di sempre da Rimmel a La donna cannone, da Sotto il segno dei pesci a ricordati di me e la chiusura con Roma Capoccia. Una grande serata di musica, un concerto speciale con due grandi artisti. Due personalità differenti, ma affini. Due stature artistiche, ognuna con la sua poetica che hanno regalato a Modena una serata memorabile

  

https://www.modenaindiretta.it/venditti-de-gregori-emozioni-piazza-roma-video/

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/FI22.JPG

FIRENZE 17 LUGLIO 2023

 

https://www.iltitanic.com/gif/51.gif

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/ROSE.JPG

LANCIANO 19 LUGLIO 2023

 

Venditti e De Gregori a Lanciano, scommessa vinta per il Parco Villa delle Rose

 

Sold out, mani alzate, voci al cielo ed una grande voglia di vedere realizzato il sogno di veder inserita Lanciano nei più grandi circuiti degli eventi internazionali. È stato questo e molto altro il concerto del duo del cantautorato italiano formato da Antonello Venditti e Francesco De Gregori che, ieri sera, ha letteralmente estasiato il Parco Villa delle Rose.

Il pubblico che, nonostante il caldo torrido, ha preso d’assalto l’arena concerti, ha cantato a squarciagola tutti i grandi successi dei due, da “Generale” a “Donna cannone” e “Sempre per sempre” di De Gregori, fino alle ballate di Venditti “Ci vorrebbe un amico”, “Ricordati di me” o “Notte prima degli esami”. Una scommessa vinta, quello del Parco Villa delle Rose, che va al di là degli steccati politici e che guarda al futuro di una città che spera di risvegliarsi da un torpore che l’ha avvolta per tanto, troppo, tempo, relegata a ruolo di mera cittadina di provincia.

«La storia dà torto o dà ragione canta De Gregori nel bel mezzo di Lanciano mentre il Bomba o non Bomba di Venditti mi ha fatto pensare a Paolini o non Paolini, quello che continua ad amministrare con lo specchietto retrovisore, al dodicesimo anno di mandato, a rimuginare ancora su non so cosa mentre “malgrado lui” lo spettacolo di stasera chiude la partita e spalanca opportunità per Lanciano». È il commento del consigliere di minoranza Leo Marongiu, da sempre sostenitore del nuovo Parco Villa delle Rose, a discapito della vecchia visione per fuochi d’artificio e campo di calcio.

 

https://www.iltitanic.com/2023/052.jpg

 

«Gente di Campobasso, Ancona, San Severo o Macerata ho potuto incontrare e pure per noi lancianesi che dovevamo spostarci per sentire concerti del genere, non è poi così male vedersi due grandi mattatori della musica italiana diciamo lasciando la macchina a casa ed arrivandoci a piedi – commenta ancora -. Ed il tutto grazie a chi ha pensato e ideato questo spazio, grazie a Pino (Valente, ndr) che lo aveva capito fin da subito, a Mario (Pupillo, ndr) che ci si è impegnato a fondo, a Giacinto Verna sempre sul pezzo, ai lavori pubblici, a Lorenzo che ci aveva preso residenza per tutti i sopralluoghi e per i suggerimenti tecnici/ operativi (con Maurizio), a tutti quei visionari che hanno scritto una bella pagina per uno spazio che oggi ospita eventi di ogni tipo e che potrebbe sperimentarne altri. Ora è necessario investire sull’area ancora – prosegue -, ampliare la capacità, investire sugli spazi aggregativi, sul verde, sul parco giochi, sull’area pattinaggio.

Insomma, il milione di euro, invece, sbandierato ieri per il Diocleziano vi dico che mi ha lasciato un po’ perplesso per un’area umida, dove insiste una forte sofferenza idrogeologica e dove sono stati già spesi 2,5 miliardi di lire con scarsi risultati mentre magari bisognava pensare ad una risalita leggera ed una manutenzione del verde. Così come la scelta di riaprire al traffico il pezzo superiore del Corso verso l’ingresso di Villa Delle Rose appare sempre più anacronistica».

E a parte l’inevitabile polemica politica, è unanime il consenso, e anche la gioia, per aver potuto assistere ad uno spettacolo che fino allo scorso anno si fermava all’arena della Civitella di Chieti e oggi invece è qui, sotto casa, dove la domenica si va a passeggio e dove si insegna ad andare in bici ai propri figli. Ora non resta che attendere i nuovi eventi di agosto che porteranno al Parco Villa delle Rose Checco Zalone, Lazza e Nino D’Angelo con la certezza che non è che l’inizio di “una fantastica storia”, per citare Venditti.

 

https://chiaroquotidiano.it/2023/07/20/venditti-e-de-gregori-a-lanciano-scommessa-vinta-per-il-parco-villa-delle-rose/

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/ROSE.JPG

SAN TAMMARO 27 LUGLIO 2023

Addio Chicca De Gregori: Senigallia piange la sua perdita

Senigallia piange la scomparsa di Alessandra 'Chicca' Gobbi, moglie di Francesco De Gregori, deceduta all'età di 71 anni. La coppia trascorreva le loro vacanze in città, ricordata come una donna discreta ed elegante. L'ultimo ricordo è legato alla musica.

Il cordoglio della spiaggia di velluto per Alessandra ‘Chicca’ Gobbi, moglie di Francesco De Gregori, la donna è deceduta all’età di 71anni per una grave malattia. Senigallia è stata per anni la meta delle loro vacanze: Alessandra aveva dei familiari ad Ancona e proprio sotto un ombrellone dei bagni ‘Marco e Virgilio’ trascorreva del tempo insieme a loro mentre Francesco, si godeva un po’ di relax in mare, a bordo di una barchetta con cui si allontanava dalla riva.

Una donna discreta ed elegante: "Lei era infatti di origine marchigiane, una donna tosta e calvinista, che a lungo aveva lavorato come archivista a Repubblica" il ricordo del giornalista e amico senigalliese Michele Anselmi. Le mattine in spiaggia e molti pomeriggio in una casa in collina, nella frazione di Scapezzano: "C’è stato un periodo in cui ho frequentato Francesco, anche musicalmente oltre che sotto l’ombrellone che affittava a Senigallia, e ricordo volentieri la grinta gentile di ‘Chicca’, anche la sua capacità di coinvolgere, ironizzare e commentare - prosegue Anselmi – Chicca era anche una grande cuoca e ricordo che una volta si è esibita con Francesco, cantando in duetto "Anema e core". Un piccolo azzardo vocale premiato dalla simpatia della coppia, nessuno dei due essendo napoletano".

Un destino legato a Senigallia, dove Francesco si era esibito per la prima volta, nei giardini della Rocca Roveresca nel 1972, per poi tornare altre volte, tra le tante nel 2010 insieme a Lucio Dalla, per il tour celebrativo Banana Republic. "L’ultima volta che li ho visti insieme è stato al barristorante sul passo della Somma, tra Terni e Spoleto. S’erano fermati a prendere un panino e fu gradevole parlare con entrambi, dopo una piccola ruggine che ci aveva divisi – conclude Anselmi –.

A "Chicca" piaceva molto una tristissima ballata della tradizione folk-bluegrass americana che si chiama "The Banks of the Ohio", parla di quello che oggi chiameremmo un "femminicidio", anche se bisogna conoscere l’inglese o avere il testo sottomano per capirlo. Come spesso capita, la musica sembra dire tutt’altro".

https://www.ilrestodelcarlino.it/ancona/cronaca/addio-chicca-de-gregori-senigallia-piange-la-sua-perdita-9fbe32ff

 

https://www.iltitanic.com/2023/ST.JPG

 

Ieri Francesco è salito sul palco nonostante la fresca perdita della amata moglie Chicca, compagna di una vita.

Due sono i momenti che mi resteranno particolarmente nel cuore , il primo durante il ritornello della “donna cannone” cantato da Venditti, nel quale per tutto il tempo Francesco è stato fermo sul palco con le mani sul volto fissando il vuoto.

Il secondo su “sempre e per sempre” durante il quale Antonello è scoppiato a piangere (ha dedicato a De Gregori ed al suo lutto una frase su fb tratta dal brano che dice “il vero amore può nascondersi, confondersi ma non può perdersi mai”) e tutto il pubblico è scattato in piedi per un lunghissimo applauso al quale il Principe ha risposto con un “così mi fate commuovere”, mentre Antonello continuava a piangere.

Insomma oltre ad un concerto che ha raccontato 50 anni di storia della musica (QUELLA VERA) italiana, ieri sul palco c’erano anche due vite di due ragazzini over 70, la loro amicizia, la loro complicità , le loro fragilità.

Non finirò mai di ringraziarli per le emozioni, da quando sono nato fino ad ieri.

Charlie D'Agosto

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/ROSE.JPG

MARSCIANO 29 LUGLIO 2023

 

Venditti e De Gregori conquistano Marsciano con un concerto da mille e una notte

MARSCIANO (Perugia) – Due dei cantautori che hanno fatto la storia della musica italiana a chiudere la 21esima edizione di Musica per i borghi. Un concerto indimenticabile, sabato 29 luglio, con lo stadio comunale Checcarini di Marsciano gremito di fan – quattromila gli ingressi – per ammirare e cantare le canzoni intramontabili di Antonello Venditti e Francesco De Gregori, nell’ambito della 21esima edizione di Musica per i borghi.

Un live molto emozionante, unica tappa umbra del tour estivo dei due artisti che hanno proposto al pubblico, accompagnati da una band di musicisti professionisti, alcuni dei loro più grandi successi, canzoni che hanno scritto un pezzo di storia della musica e del cantautorato italiani. Tra questi “Bomba o non bomba”, “La leva calcistica della classe ’68”, “Roma capoccia”, “Generale”, “Sotto il segno dei pesci”, “Notte prima degli esami”, “La donna cannone”, “Rimmel”, solo per citarne alcuni. L’esibizione di Venditti e De Gregori ha così chiuso con grande successo il festival di musica etno-popolare, organizzato dall’associazione Musica per i borghi con il sostegno della Fondazione Perugia, che ha ritrovato la sua formula itinerante originaria e ha proposto una serie di appuntamenti nei borghi della Media Valle del Tevere prima del gran finale allo stadio comunale marscianese.

Ad assistere al concerto, tra gli altri, c’erano anche il sindaco di Marsciano Francesca Mele e la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei.

«Sul palco – ha commentato il primo cittadino – abbiamo avuto Francesco De Gregori e Antonello Venditti, due artisti, due big della musica senza tempo. Sono stati presenti nel pubblico al concerto bambini, ragazzi, adulti, anziani, questa è la musica che unisce e ha consentito alla nostra Marsciano di essere giustamente valorizzata. Dieci giorni di musica tra i nostri borghi e poi la serata clou con due artisti di calibro internazionale che ci hanno reso felici con la loro presenza e il tutto esaurito».

«È stato un successo strepitoso la 21esima edizione del nostro festival – ha commentato Francesco Narducci, presidente dell’associazione Musica per i borghi –, un ritorno alle origini perché siamo ripartiti dai piccoli borghi del nostro territorio cercando di valorizzarli. Il concerto finale è stata la degna chiusura di una kermesse musicale che ha visto ospiti di prim’ordine».

 

https://umbria7.it/2023/07/venditti-e-de-gregori-conquistano-marsciano-con-un-concerto-da-mille-e-una-notte/

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/ROSE.JPG

FORTE DEI MARMI 18 AGOSTO 2023

 

https://www.iltitanic.com/2023/012.jpg

 

-

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/ROSE.JPG

TAGLIACOZZO 21 AGOSTO 2023

 

Venditti e De Gregori a Tagliacozzo: un duo perfettamente assortito

di Sara Paneccasio

 

Tagliacozzo – Nella serata del 21 agosto il Festival Internazionale di Mezza Estate ha ospitato Antonello Venditti e Francesco De Gregori in un concerto memorabile, verso la conclusione della trentanovesima edizione.

Piazza dell’Obelisco si è trasformata in un luogo ancora più incantato, sotto un cielo stellato che faceva invidia alle luci del palcoscenico. Una meravigliosa cornice che avvolgeva in un abbraccio circa duemila spettatori. Uno spettacolo intorno allo spettacolo, su cui si affacciano le finestre illuminate in penombra e le suggestive loggette dei più fortunati.

Sulle note della monumentale colonna sonora di 2001 Odissea nello spazio i due colossi della musica italiana hanno fatto il loro ingresso sul palco: in camicia bianca e immancabili occhiali da sole l’uno, in felpa nera e cappello l’altro.

Antonello Venditti e Francesco De Gregori condividono i loro più grandi successi alternandosi ma spesso cantando insieme i brani di entrambi, circondati da ben nove strumentisti. A cui ovviamente si aggiungono il piano di Venditti, la chitarra e l’armonica di De Gregori.

Si comincia con un capolavoro a testa a partire da Venditti: Bomba o non bomba, La leva calcistica della classe ’68 , Modena, Bufalo Bill, La storia, Peppino, Generale, Sotto il segno dei pesci.

“Si fa del nostro meglio“: sono le prime parole di Venditti che non ama parlare sul palco, poi esortato dal suo compagno d’avventura a raccontare la storia del primo album pubblicato insieme nel 1972, Theorius Campus. Dopo aver ironizzato sullo scarso successo del disco e sull’aver azzardato con riferimenti troppo “acculturati”, insieme intonano in punta di piedi il brano Dolce signora che bruci.

Inizia il momento dedicato a De Gregori, uno dei massimi poeti del cantautorato italiano. Per quanto egli stesso preferisca il comunissimo termine “artista”, non si può negare il potere che le parole cantate da De Gregori esercitino ancora oggi: lo testimoniano i brani San Lorenzo, Alice e Santa Lucia, di cui viene raccontata anche la genesi. A poche settimane dal grave lutto che lo ha colpito con la perdita della moglie Chicca, forse qualcuno si aspettava un momento a lei dedicato, ma De Gregori mantiene la sua elegante riservatezza, salvo alzare gli occhi lucidi al cielo ogni volta che dice proprio quella parola.

Bastano le prime tre note per capire che sul palco sta per succedere qualcosa di fortemente emozionante e il pubblico scatta in piedi in una standing ovation ancora prima che Venditti e De Gregori inizino a cantare. Antonello grida “Viva Lucio!” e la magia inizia: tutta Tagliacozzo intona Canzone omaggiando Lucio Dalla insieme ai due cantanti.

 

https://www.iltitanic.com/2023/tc.jpg

 

In un concerto quasi completamente simmetrico, ora spazio ai successi di Venditti che con la sua voce continua a riempire a pieni polmoni tutta la piazza. In un modo diverso da quello dell’amico e collega, anche Venditti è pura poesia, soprattutto quando si emoziona e crea emozione al solo nominare la sua amata città. Infatti presenta la sua Dimmelo tu cos’è come “Una canzone triste, ma triste come può essere Roma… che ti uccide con la sua bellezza“.

Venditti celebra l’amicizia, “che lega tutti come esseri umani e che lega noi in questa nostra storia che stiamo raccontando“. Dedica la sua Ci vorrebbe un amico agli amici che non ci sono più ma sempre presenti: Fabrizio De André, Pino Daniele, Rino Gaetano, Lucio Dalla che “mi ha fatto scrivere questa canzone e soprattutto, mi ha trovato casa a Roma“.

Grande emozione poi con Notte prima degli esami che l’anno prossimo festeggerà 40 anni.

Ricomincia una carrellata di successi alternati: La donna cannone, Pablo, Che fantastica storia è la vita, Rimmel, Titanic, Alta marea, In questo mondo di ladri. Con Sempre e per sempre Venditti e De Gregori si commuovono, emozionando tutto il pubblico guadagnandosi una seconda standing ovation.

Piazza dell’Obelisco diventa una sala da ballo per qualche minuto: sulle note di Buonanotte fiorellino tutti ballano il valzer con il proprio vicino.

Dopo oltre due ore di concerto e ben venticinque brani, il pubblico non ne vuol sapere di andare a casa, ma i due cantautori si fanno attendere a lungo per l’encore. Ma l’attesa vale la pena se il brano scelto è quella che De Gregori definisce “La più bella canzone che un essere umano abbia mai scritto su Roma“: come dice Venditti, Roma capoccia è una canzone da orgasmo e preorgasmo.

Antonello lascia il pubblico con un po’ di amaro in bocca quando dice che non canterà Grazie Roma “per scaramanzia”. Un amaro subito sciolto dalla dolcezza di Ricordati di me, a conclusione di un concerto indimenticabile.

https://www.thewalkoffame.it/blog/venditti-e-de-gregori-a-tagliacozzo-un-duo-perfettamente-assortito-live-report/?fbclid=IwAR1wLdyl32G3dBtzB1aOP-3nxi6dl24HpZSQJSbpx6SIlpPZ6K-pwuPaRLM

 foto e video di Mattia Ravioli,

 

https://www.iltitanic.com/2023/sicilia.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/SR.JPG

SIRACUSA 24 - 26 AGOSTO 2023

 

Venditti e De Gregori sul palco del Teatro Greco di Siracusa condividono canzoni e un’amicizia profonda

di Monica Cartia  27 Agosto 2023https://www.iltitanic.com/2023/siracusa.gif

 “Partirono in due ed erano abbastanza/ Un pianoforte, una chitarra e molta fantasia”. Inizia così con “Bomba o non bomba” il concerto al Teatro Greco di Siracusa di Antonello Venditti e Francesco De Gregori. Due serate che li ha resi protagonisti in uno scenario suggestivo in cui ogni anno l’Istituto Nazionale del Dramma Antico mette in scena le Rappresentazioni Classiche e sono proprio i due amici a ricordarlo dalla scena.

28 canzoni e due ore e mezzo di live

Il tempo per loro sembra non essere passato. Entrano sul palcoscenico sulle note di “Così parlò Zarathustra” di Richard Strauss ripresa per “2001: Odissea nello spazio” da Kubrick indossando gli abituali occhiali da sole e i jeans. Due tra i più grandi artisti della scena musicale italiana si ritrovano a distanza di cinquant’anni dall’unico album inciso insieme dal titolo Theorius Campus, registrato al Folk Studio di Roma. La scaletta segue ritmi accelerati con 28 canzoni e due ore e mezzo di live. Passano in rassegna tutti i grandi successi e di volta in volta cantano a due voci o si prendono la scena da soli. Due voci appassionate, due personalità differenti, ma affini, due biografie parallele e convergenti.

Venditti è una buona spalla. Riesce a far “sciogliere” sul palco De Gregori che per carattere è più algido. Così tra un successo e l’altro si lasciano andare ad aneddoti, curiosità restituiscono ad un teatro sold out le memorie che ognuno dei presenti lega a canzoni come “La storia siamo noi”, “Dimmelo tu cos’è”, “Sotto il segno dei pesci”, “Notte prima degli esami”, “La donna cannone”. Non manca l’omaggio a Lucio Dalla con “Canzone” e con l’invito al pubblico ad alzarsi in suo ricordo.

Le canzoni vengono riarrangiate e spesso si aspetta qualche nota in più per riconoscere “Pablo” con echi che riportano ai Pink Floyd, “Titanic” dallo stile swing o “Alta Marea” con finale reggae. Il pubblico è felice, variopinto e variegato sia per età che per abbigliamento. Segue con attenzione e osservare la felicità nei loro volti crea una serenità condivisa tra scena e cavea. Sul palco condividono non solo le canzoni ma una amicizia profonda. “Consegno il palco ad un amico, forse l’unico che ho – dice Antonello Venditti” e se è vero che la musica cura l’anima i due hanno curato il cuore degli spettatori, la poesia dei testi diventa epifania e l’ovazione generale a fine live è il ringraziamento a due artisti che non stancano mai.

Ad accompagnarli sul palco una super band che unisce i musicisti che da anni collaborano separatamente con i due: Alessandro Canini (batteria), Danilo Cherni (tastiere), Carlo Gaudiello (piano), Primiano Di Biase (hammond), Fabio Pignatelli (basso), Amedeo Bianchi (sax), Paolo Giovenchi (chitarre), Alessandro Valle (pedal steel guitar e mandolino). Sul palco anche Roberta Palmigiani al violino e le coriste Laura Ugolini e Laura Marafioti. Il coordinamento musicale è a cura di Guido Guglieminetti e Alessandro Canini.

https://www.lasicilia.it/spettacoli/v
 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

TAORMINA 28 AGOSTO 2023

 

Ihttps://www.iltitanic.com/2023/taormina.gifl tour di De Gregori e Venditti non è solo musica, è una fiaba. Una favola bella che racconta un modo di fare musica in via di estinzione.

Tutto questo è lo spettacolo itinerante dei due cantautori

di Gino Castaldo - 29 Agosto 2023

 Non tutte le favole della musica del nostro tempo sono prive di lieto fine. In questo agosto di torrenziali banalità, dissing, concerti male organizzati e, finalmente, una bella levata d’armi da parte di alcuni artisti, alcuni e purtroppo non tutti, contro l’immonda piaga dello stupro, una bella favola da raccontare c’è ed è quella di Francesco De Gregori e Antonello Venditti. È giusto parlare di fiaba perché in questo incontro c’è tutto, ci sono cinquant’anni di storia della canzone d’autore, c’è la storia di un’amicizia, vissuta in tutti questi anni tra alti e bassi, ma senza mai perdere del tutto una affinità di fondo, c’è un importante gioco di riflessi e personalità dovuto a radici comuni e differenze di stile.

Come forse ognuno sa, i due avevano di fatto cominciato insieme agli albori degli anni Settanta, hanno condiviso il palco della gestazione nel leggendario Folkstudio, hanno perfino condiviso il loro primo disco, ambiguamente intitolato “Theorius Campus”, come se si trattasse di un duo, e invece era un disco di canzoni separate, hanno poi preso strade molto diverse, anche se parallele, si erano provocati, evocati, omaggiati a distanza, a suon di canzoni, ma mai in questi cinquant’anni avevano condiviso il palco, per quanto possa sembrare assurdo, non avevano mai fatto un concerto insieme.

Per questo l’anno scorso, l’annuncio di un primo evento a due, il 18 giugno allo stadio Olimpico, provocò un certo scalpore, sembrò un piccolo miracolo, ma anche un belllissimo gesto, denso di significati, come se due vecchi amici avessero deciso finalmente di intrecciare le loro strade, di superare dissapori ed eventuali ripicche, celebrare il senso profondo di una vita passata a onorare il mestiere di chi fa canzoni, mai come oggi messo a dura prova dalla ferocia superficiale del nuovo mercato della musica. Da bravi esperti sacerdoti della parola cantata, per quello che oggi può ancora valere, hanno colto dal successo del tour che è andato avanti dopo il clamoroso esordio la voglia di continuare e a furor di popolo, e di intima complicità, hanno annunciato in questi giorni che proseguiranno il loro giro, riprenderanno il 16 novembre da Bari e finiranno a Roma il 23 dicembre, per ora.

Perché il pubblico stia riempiendo questi appuntamenti è piuttosto ovvio. Francesco De Gregori e Antonello Venditti sono i testimoni viventi della più raffinata delle arti della canzone, un modo di far musica che oggi non esiste quasi più, travolto da una rivoluzione senza precedenti, di cui è difficile prevedere gli esiti. Sta a loro mantenere vivido il fuoco di questa passione e anche per questo, verosimilmente, stanno prendendo gusto a questo gioco che a cinquant’anni dall’inizio è tornato a essere un gioco a due.

 https://espresso.repubblica.it/idee/2023/08/29/news/tour_de_gregori_venditti-4
 

I video di Siracusa e Taormina sono di Ilaria Baisi e pubblicati nei profili social di Antonello Venditti

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

AGRIGENTO 30 AGOSTO 2023

 

VENDITTI & DE GREGORI SHOW AL TEATRO DELLA VALLE DEI TEMPLI

Vincenzo Cavaleri

Antonello Venditti e Francesco de Gregori hanno deliziato il pubblico del teatro della Valle dei Templi, esibendosi su un palco dominato dalla scenografia naturale del Tempio della Concordia e di quello di Giunone.

Venditti ha 74 anni e De Gregori ne ha 72: nulla di strano dunque se il pubblico era composto in maggioranza da over 50 che però hanno applaudito, cantato ed esultato, sino ad esplodere in boati veri e propri, come dei ragazzini, accendendo pure i cellulari ed illuminando tribune e platee, colme al massimo.

I due cantautori sono in tour sin dall’estate 2022 ed hanno girato quasi tutt’Italia; Agrigento è stata la tappa conclusiva della Sicilia, preceduta da Taormina, dove il duo è stato protagonista in un altrettanto incantevole scenografia, come quella del Teatro Greco. Il tour si concluderà il 20 dicembre a Roma, passando per altre importanti città, tra cui Paestum (16 settembre) e inevitabilmente l’arena di Verona (21 settembre).

Sinora, hanno fatto più di 80 concerti e tutti hanno registrato il sold out.https://www.iltitanic.com/2023/valletempli.jpg

Quello di Agrigento è iniziato con Bomba o non bomba e doveva terminare con Buonanotte fiorellino, ma a grande richiesta (come si suol dire, pur essendo invece tutto programmato) Venditti & De Gregori hanno intonato altre due canzoni: Roma capoccia e Ricordati di me.

Roma Capoccia era stata già inserita nell’album Theorius Campus, uscito nel giugno del 1972.

Lo hanno detto Venditti & De Gregori, durante il concerto, parlando di quel titolo dell’album un po’ troppo colto e astruso che, in realtà, era anche il nome del loro duo, a testimonianza che ad inizio carriera, Venditti & De Gregori hanno provato a stare insieme. Ma Theorius Campus non ebbe il successo sperato, pur includendo alcuni brani incantevoli come Dolce signora che bruci di De Gregori e Roma capoccia di Venditti.

ppure quell’album è stato ristampato negli anni successivi con il nome di Roma capoccia ed ha riscosso maggiori e migliori successi.

Venditti & De Gregori sono stati dunque protagonisti insieme, nella serata del 30 agosto, sullo stesso palco del teatro della valle dei templi di Agrigento, per circa due ore e mezzo, con un’unica band che ha dato vita ad uno spettacolo straordinario, unendo i musicisti che da anni collaborano separatamente con i due artisti: Alessandro Canini(batteria), Danilo Cherni (tastiere), Carlo Gaudiello (piano), Primiano Di Diase (hammond), Fabio Pignatelli (basso), Amedeo bianchi (sax), Paolo Giovenchi (chitarre), Alessandro Valle (pedal steel guitar e mandolino). Inoltre, sul palco, una musicista unitasi l’anno scorso a loro, Roberta Palmigiani (violino) e le coriste Laura Ugolini e Laura Marafioti, con il coordinamento musicale di Guido Guglielminetti e Alessandro Canini.

Simpatico il siparietto tra Francesco De Gregori e il pianista Carlo Gaudiello, al quale il cantautore ha chiesto scherzosamente di usare il pianoforte sfiorando delicatamente i tasti e non “zampando” sopra di essi per adeguarsi ai testi di Venditti. Come dire: anche le canzoni di Venditti possono essere cantate con delicata lievità.

E simpatica ed ammirevole è stata anche l’intesa tra i due cantautori. I quali si sono esibiti in un’atmosfera di incanto e di generosità, senza diffidenza o gelosia, senza linee di demarcazione, ma divertendosi e volendo divertire il pubblico, che ha risposto con entusiasmo e persino con eccitazione, apprezzando anche  quando Francesco de Gregori, durante il concerto, per cantare Sotto il segno dei pesci, ha “impugnato” la chitarra elettrica, lasciando quella tradizionale a corde, con la sottolineatura dell’accadimento fatta da Antonello Venditti.

In una stupenda serata, raffrescata anche da un po’ di venticello della valle, la poetica immaginifica ed eterea di De Gregori si è amalgamata splendidamente e suggestivamente con gli affreschi di concreta vita vissuta di Venditti.

Il bello della serata è stato, pure, che i due hanno pensato solo ed esclusivamente alle loro canzoni, senza mettersi a parlare di politica o di attualità o di qualsivoglia cosa altra che esulasse dall’arte musicale, facendo anche un omaggio a Lucio Dalla con l’intonazione di alcune note di Come è profondo il mare a coronamento di Santa Lucia di De Gregori e cantando poi  Canzone del cantautore bolognese.

Ecco, tutti i brani cantati durante la serata: Bomba o non bomba, La leva calcistica della classe ’68, Modena, Bufalo Bill, La storia, Peppino, Generale, Sotto il segno dei pesci, Dolce signora che bruci, San Lorenzo, Alice, Santa Lucia, Canzone, Dimmelo tu cos’è, Ci vorrebbe un amico, Notte prima degli esami, La donna cannone, Pablo, Che fantastica storia è la vita, Rimmel, Titanic, Alta marea, In questo mondo di ladri, Sempre e per sempre, Buonanotte fiorellino, Roma capoccia, Ricordati di me.

 https://www.siciliaonpress.com/2023/08/31/venditti-de-gregori-show-al-teatro-della-valle-dei-templi/

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/053.JPG

TERAMO 9 SETTEMBRE 2023

 

https://www.iltitanic.com/2023/panino.jpgGrande successo a Teramo per il concerto di Venditti e De Gregori

TERAMO – Il cuore di Teramo ha battuto all’unisono ieri sera, mentre due dei cantautori più amati d’Italia, Francesco De Gregori e Antonello Venditti, hanno regalato al pubblico una serata indimenticabile. Con una performance che ha sfiorato la perfezione, i due artisti hanno dimostrato perché sono considerati delle icone della musica italiana.

L’evento, che ha avuto luogo nella cornice di Piazza Martiri, è stato preceduto da un ingresso al suono delle note di “Così parlò Zarathustra“, che ha catturato l’attenzione di tutti i presenti.

Antonello Venditti ha aperto le danze con “Bomba o non bomba“, un brano iconico che ha subito scatenato l’entusiasmo dei fan. Poi è stata la volta di Francesco De Gregori, che ha intonato la celebre “La leva calcistica della classe del ’68“, accompagnato da un coro di voci appassionate.

I due cantautori hanno regalato al pubblico un viaggio musicale attraverso i loro successi più memorabili. Da “Buona domenica” a “Un gelato al limon“, ogni canzone è stata accolta con entusiasmo e applausi scroscianti. E quando è arrivato il momento dei bis, De Gregori e Venditti hanno lasciato il segno con esibizioni epiche di “Roma Capoccia” e “Ricordati di Me“, portando il pubblico a canticchiare ogni nota con passione.

Oltre ai fortunati 3.000 spettatori presenti, diversi fan si sono radunati nelle strade circostanti. È stata una serata che ha riunito giovani, adulti e famiglie, dimostrando che la musica può davvero unire le persone e risvegliare l’anima di una città.

In una serata in cui la musica è stata la vera protagonista, Teramo ha dimostrato di essere una città viva, pronta a celebrare la bellezza della cultura e dell’arte.

 https://www.zonalocale.it/

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/053.JPG

PISA 13 SETTEMBRE 2023

Momenti concitati l'altra sera in piazza dei Cavalieri poco prima dell'inizio del concerto di Francesco De Gregori e Antonello Venditti. Un giovane cascinese, che aveva acquistato un biglietto delle prime file, si è presentato palesemente ubriaco, barcollando e pretendendo di sedersi dove voleva.

Gli addetti alla security lo hanno invitato a sedersi al proprio posto e abbassare il tono della voce, per tutta risposta li ha ingiuriati e minacciati. E' intervenuta la Polizia che, dopo aver verificato che il giovane non poteva stare assolutamente seduto in platea, lo ha invitato ad allontanarsi dalla piazza per motivi di sicurezza pubblica.

A questo punto il ragazzo ha dato in escandescenza ed è stato bloccato all'esterno dell'area fino all'arrivo di una Volante inviata dalla Sala operativa della Questura che lo ha condotto in ufficio per contestargli la sanzione prevista per l'ubriachezza molesta. Il giovane sarà anche segnalato all'amministrazione pubblica dove presta servizio per gli eventuali profili disciplinari da adottarsi.

 

https://www.iltitanic.com/2023/dib.jpg

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

PAESTUM 16 SETTEMBRE 2023

 

VENDITTI e DE GREGORI in concerto a Paestum. Che spettacolo!

Venditti & De Gregori protagonisti insieme sullo stesso palco: sabato 16 Settembre il tour, un grande tour, dei due artisti ha fatto tappa nei templi di Paestum dando vita ad un concerto straordinario.

Sul palco un’unica band composta dai musicisti che da anni collaborano separatamente con i due artisti: Alessandro Canini (batteria), Danilo Cherni (tastiere), Carlo Gaudiello (piano), Primiano Di Biase (hammond), Fabio Pignatelli (basso), Amedeo Bianchi (sax), Paolo Giovenchi (chitarre) e Alessandro Valle (pedal steel guitar e mandolino). Sul palco anche Fabiana Sirigu al violino e le coriste Laura Ugolini e Laura Marafioti.

Antonello e Francesco si raccontano sul palco, hanno due  personalità differenti, ma affini. Due stature artistiche, ognuna con la sua poetica. Venditti & De Gregori cominciano a collaborare poco più che ventenni durante un viaggio in Ungheria e iniziano a scrivere le loro prime canzoni insieme, per arrivare al comune esordio discografico con “Theorius Campus” dove Antonello incide “Roma Capoccia”, subito grandissimo successo, e Francesco “Signora Aquilone”.

A Paestum, un luogo bellissimo divenuto tappa obbligata per tutti i grandi concerti, si ripete la magia. Biglietti sold tra platea e tribuna. Non c’è prezzo per concerti come questi, tutti sold out nel mondo. Ma andiamo ad elencare le canzoni del concerto di Paestum : Bomba o non bomba , Bufalo Bill , Peppino Generale, Sotto il segno dei pesci, San Lorenzo, Alice, Santa Lucia, Canzone, Dimmelo tu cos’è, Ci vorrebbe un amico, Notte prima degli esami, La donna cannone, Pablo, Che fantastica storia è la vita,Rimmel, Titanic, Alta marea, In questo mondo di ladri (Antonello Venditti cover), Sempre e per sempre, Roma Capoccia, Il vestito del violinista, Ricordati di me, Buonanotte fiorellino.

Quasi tre ore di grande musica, grandi musicisti, due cantautori da brividi che sono riusciti a coinvolgere i 5000 paganti di Paestum diventata ormai meta fissa di tutti i concerti grazie all’arena allestita in modo permanente accanto alla zona archeologica. In grande forma i due cantautori tanto da iniziare con il pubblico seduto e poi in piedi a ballare come se si fosse in discoteca. Grande valzer con Buonanotte Fiorellino e poi i 5000 non si sono persi una parola delle canzoni. Tutti a cantare insieme tant’è che i due artisti hanno allungato la serata fino a quasi tre ore. Il pianoforte di Antonello Venditti e Carlo Gaudiello, la batteria di Alessandro Ganini, il sax di Amedeo Bianchi ed il violino di Fabiana Sirigu hanno strappato applausi. Francesco De Gregori tra Chitarra, chitarra elettrica e armonica a bocca un grande!

Giampiero Scarpino

http://www.reportageonline.it/venditti-e-de-gregori-in-concerto-a-paestum-che-spettacolo/

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/053.JPG

CODROIPO 19 SETTEMBRE 2023

 

https://www.iltitanic.com/2023/dib.jpg

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

VERONA 21 SETTEMBRE 2023

 

https://www.iltitanic.com/2023/vb.jpg

CLICCA E VAI AL REPORTAGE A VERONA DI VALERIA BISSACCO

 

https://www.iltitanic.com/2023/075.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/chieti1.jpg

ROMA 23-24 SETTEMBRE 2023

 

I due cantautori di nuovo nella loro Roma con il tour estivo che ha girato tutta l'Italia. Sabato 23 settembre la prima data al Roma Summer Fest,  domenica 24 si replica

Max Pucciariello https://www.iltitanic.com/2023/ag.gif

https://video.corriere.it/roma/francesco-de-gregori-antonello-venditti-live-cavea-auditorium/9013993f-35f6-4fff-999a-d2b76ef63xlk

Doppio sold out di Francesco De Gregori e Antonello Venditti per le date nella cavea dell'Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone. I due cantautori sono tornati nella loro Roma con il tour estivo, organizzato e prodotto da Friends & Partners, che ha girato tutta l'Italia. Sabato 23 settembre la prima data per il Roma Summer Fest, e domenica 24 si replica.

Un tour iniziato il 18 giugno 2022 allo stadio Olimpico di Roma e che ha unito migliaia di fan: oltre duecentocinquantamila biglietti venduti. Alle 21.10, accolti da un boato degli oltre tremilaquattrocento presenti, i due artisti salgono sul palco e aprono il live con Bomba o non bomba di Venditti, a cui segue La leva calcistica della classe '68 di De Gregori.

Lunghi applausi, urla da stadio per circa tre ore di concerto, tra forti emozioni e gran divertimento, che i cantautori chiudono con il bis di Ricordati di me. Pubblico in delirio.

Dopo la Capitale, il tour proseguirà allo Sferisterio di Macerata il 28 settembre e 4 ottobre, e a San Pancrazio Salentino (Brindisi) il primo ottobre. Poi, dopo una breve pausa, un «Gran finale» nei palasport, che partirà da Bari il 16 novembre, per chiudere a Roma, al palazzo dello Sport dell'Eur, il 23 dicembre.

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/053.JPG

MACERATA 28 SET - 4 OTT 2023

 

“È uno spettacolo stare qua, lo Sferisterio è un luogo magico”, affermano quasi in coro Antonello Venditti e Francesco De Gregori a metà del secondo concerto ospitato nell’arena maceratese dopo quello del 28 settembre, ed anche questo del 4 ottobre sold out.

E lo Sferisterio non si smentisce: si entra alle 21 con maglietta o camicia aperta e si va via a mezzanotte con il 100 grammi ben chiuso.

La band e i nostri due artisti entrano su un palco appena illuminato accompagnati dalle note di Così parlò Zarathustra (Also sprach Zarathustra) di Richard Strauss. Epico. Il tempo di prendere posto e si parte con Bomba o non bomba. E via con Bomba o non bomba, La leva calcistica della classe ’68, Modena, Bufalo Bill, La Storia, Peppino, Generale, Sotto il segno dei pesci.

Sul palco è De Gregori a sfottere il compagno: “Questa sera parli tu”. E l’altro chiosa, ma non si fa pregare. Al termine del concerto ognuno dirà la sua sui brani che a mano a mano presentano a un pubblico a dir poco “venerante”. Non è una reunion qualsiasi, come potrebbe essere quella tra due ex compagni di scuola degli anni Settanta che si ritrovano sul palco a ripercorrere le loro carriere. E’ la canzone d’autore nata nel Folk Studio di Roma che è entrata nella storia del pop: i testi sono sempre attuali accompagnati dall’energia musicale che producono grazie alla band. Ed ecco che le loro canzoni si vestono di nuovi sound, nuovi arrangiamenti, e soprattutto di un’altra voce. Venditti e De Gregori duettano l’uno sulle note dell’altro, mescolando timbriche, interpretazioni e molta, molta empatia emotiva. Con l’inseparabile chitarra e a tratti anche l’armonica a bocca l’uno, seduto al pianoforte l’altro i due cantautori romani regalano cinquant’anni di musica: 49 album De Gregori e 46 Venditti. Quasi coetanei, ultrasettantenni ma con un’energia da fare invidia alle nuove generazioni, i due scherzano sul loro rapporto negli anni, sottolineando la volontà reciproca di fare questo tour insieme, per celebrare un’amicizia che è sotto gli occhi degli spettatori.

 

https://www.iltitanic.com/2023/064.jpg

 

Si percepisce tanta positività e tanti punti in comune nei brani dei due, talvolta narranti eventi storici di un’Italia che cambia, dal boom economico alle proteste studentesche, a tratti impersonale, grande, per poi entrare nel quotidiano della vita di tutti i giorni, di storie vissute in prima persona o riguardanti amici, compagni. E’ un concerto bellissimo, insomma, dove nulla è fuori posto, e tutto è possibile. Persino sentire Venditti che intona “La donna cannone” come se l’avesse scritta lui, e De Gregori che canta Roma Capoccia con il cuore in mano. Impagabile.

Ma ritornando alla scaletta ecco che i due raccontano del Folk Studio e dell’album Theorius Campus uscito neel 1971. “Un fallimento. Passato inosservato”, commenta De Gregori e da quel lavoro propongono Dolce signora che bruci, un testo da riscoprire.

Ed è la volta di De Gregori di rimanere solo sul palco proponendo Alice, Agnello di Dio e Santa Lucia.

Ritorna De Gregori e siamo nella leggenda: La donna cannone, Pablo, Che fantastica storia è la vita. Poi ancora solo il principe: Rimmel, San Lorenzo (con tanto di spiegazione del testo) e Titanic. Ancora un passaggio di testimone con Venditti: Alta marea e In questo mondo di ladri (il pubblico non resiste e sono tutti in piedi).

E insieme: Sempre è per sempre e Ricordati di me. E in zona bis Buonanotte fiorellino (sul tempo del valzer il pubblico viene invitato a ballare). Chiusura con Roma capoccia

Tutto bene, ma una cosa non ha funzionato: ci sarebbero volute almeno altre due ore di concerto.

https://marcheinfinite.com/2023/10/06/venditti-de-gregori-un-concerto-di-emozioni-e-ricordi-che-travolge-lo-sferisterio-di-macerata-nella-seconda-data-del-4-ottobre-video-e-fotogallery-e-recensione/

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/053.JPG

S.PANCRAZIO SALENT. 1 OTTOBRE 2023

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2023/dip1.jpg

https://www.diplomatici.it/

https://www.iltitanic.com/2023/dip.gif

 

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2023/079.JPG

 

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2023/082.jpgUn’altra felicissima edizione della festa per la nomina dei nuovi Cavalieri della Roma - la manifestazione nata dalla fervida fantasia del compianto Lino Cascioli - è andata in scena ieri mattina presso la bellissima location di Palazzo Brancaccio. Numero tondo: è stata infatti la 25ª edizione, per un parterre di premiati particolarmente prestigioso, a cominciare da Francesco De Gregori per arrivare a Boniek, passando per altre 11 personalità di spicco che si sono distinte nella loro professione e anche per la loro acclarata passione giallorossa. Ecco l’elenco dei premiati: Massimiliano Atelli (magistrato), Zbigniew Boniek (campione), Bruno Campanile (manager sportivo), Svetlana Celli (presidente Assemblea Capitolina), Alessandro Circiello (chef), Francesco De Gregori (artista), Paolo Del Brocco (ad Rai cinema), Noemi (artista), Francesco Pastorella (manager Rothschild), Sandro Picozzi (avvocato), Giampaolo Rossi (direttore generale Rai), Carlo Scarchilli (imprenditore), Paolo Silvestro (notaio).

Alla cerimonia ha presenziato il direttore del Romanista Daniele Lo Monaco, già cavaliere della Roma, che ha fatto da padrino ad alcuni dei nuovi insigniti. Particolarmente spassoso il siparietto al microfono tra Antonello Venditti, cavaliere sin dalla prima edizione, e Francesco De Gregori. Antonello ha ricordato infatti come non risulti particolarmente propizio per i buoni risultati della Roma quando lui e De Gregori vedono la partita insieme: «Ci è andata bene una sola volta in tutti questi anni, quando abbiamo visto il derby poi finito 5-1 per la Roma, peraltro in una curiosa location. Non funzionando un televisore carissimo che avevo appena comprato per il soggiorno, siamo stati costretti a riparare in camera da letto». «Questo episodio della camera da letto - ha chiosato de Gregori - non lo ricordo affatto. Ma non è la prima volta che Antonello reinventa qualche episodio. Lui sostiene anche di aver scritto delle canzoni che ho scritto io, riceverà una lettera del mio avvocato».

Particolarmente emozionata la CEO della Roma Lina Souloukou, ospite d’onore della manifestazione di ieri mattina. Queste le sue parole: «Vivere la passione dei tifosi della Roma rappresenta non solo un’opportunità enorme, ma soprattutto un motivo di grande responsabilità. Ogni dirigente che lavora nel mondo del calcio desidera un giorno lavorare in una piazza dove l’amore per la squadra è così grande». Divertente anche il duetto tra Zibì Boniek e Ubaldo Righetti, già compagni di squadra ai tempi della Roma di Eriksson. A chiosa della bella mattinata anche l’intervento comico di Marco Capretti e un paio di sonetti di uno dei premiati, l’amico Paolo Silvestro, notaio nella vita e poeta per diletto. I nostri lettori leggono le sue rime sulle pagine del Romanista.

https://www.ilromanista.eu/news/as-roma/147221/de-gregori-e-boniek-tra-i-nuovi-cavalieri

 

 

 

 

 

 

2023 https://www.iltitanic.com/2022/51.JPG 2023 

 

Gran finale nei palasport italiani per De Gregori e Venditti che coronano così il lungo tour iniziato a giugno 2022 allo Stadio Olimpico di Roma. Un tour che si concluderà sempre nella capitale il 23 dicembre, al palazzetto dello Sport, e che arriva dopo oltre un anno di concerti che hanno unito migliaia di fan, registrando il tutto esaurito con oltre 250 mila biglietti venduti.

Le date del tour nei palasport riprenderanno a metà novembre toccando Bari, Torino, Milano, Bologna, Brescia, Rimini e Roma il giorno prima della vigilia di Natale. I biglietti sono in prevendita, mentre prosegue intanto il tour estivo in cui i due artisti danno nuova veste ai loro più grandi successi.

 

https://www.iltitanic.com/2023/gf.jpg

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/palabari.jpg

BARI 16 NOVEMBRE 2023

 

“Gran finale” a Bari con Venditti e De Gregori ricordando Lucio

Franco Martina - 17 Novembre 2023

 Hai voglia a remixare, riarrangiare o, peggio, affidarsi all’intelligenza artificiale per tirare fuori qualcosa di nuovo dalla musica. Contano sensazioni, sentimenti, voglia di ricercare, ispirarsi vivendo tra la gente e facendo tanta gavetta, passando per locali come il Folk studio di Roma e altri dove sono passati(nella Prima Repubblica) cantautori come Antonello Venditti e Francesco De Gregori. Due over 70, ben portati, che hanno deliziato fans di tutte le età , giovedì 16 novembre, al Palaflorio di Bari. Palazzetto da tutto esaurito, con presenze materane qua e là, e tutti insieme a cantare all’unisono i successi di Antonello, con gli immancabili occhiali scuri, e passaggi al pianoforte e Francesco con cappellino e armonica che hanno consentito di ripercorre la loro carriera e quella delle generazioni che le hanno accompagnate. E il Gran Finale non poteva che iniziare con con quel ” Bomba o non bomba arriveremo a Roma malgrado…” quel clima di contrapposizioni, scontri sociali e di azioni sovversive dentro e fuori lo Stato, che ne minarono le fondamenta.

Bomba o non bomba tra suoni e luci che hanno rieccheggiato nel palasport, toccando via via gli accenni a canzoni che abbiamo cantato e ascoltato migliaia di volte. Così in sequenza “La leva calcistica della classe ’68”, ”Modena”, ”Bufalo Bill”, ”La storia” , ”Peppino”, ”Generale”, ” Dolce Signora che bruci”-gran parte cantate insieme o singolarmente, spiegando- come accaduto per San Lorenzo- le devastazioni del bombardamento alleato su quel quartiere e su un papa, Pio XII, comparso con un angelo con gli occhiali a benedire tutti, anche i morti del Verano che galleggiavano. Poi ” Alice”,” Santa Lucia”, ” Canzone” con l’inevitabile omaggio a Lucio Dalla e alle canzoni che Venditti scrisse su sua ispirazione come ” Dimmelo tu cos’è” e ” Ci vorrebbe un amico”. Tanta poesia e fuochi pirotecnici con ”La donna cannone” fino all’impegno, alla lotta, alle speranza di libertà con ”Pablo”, per passare a temi come amicizia, amore, avventura: da ” Che fantastica storia è la vita” a ”Rimmel”, ” Titanic”, ”Alta marea” a ”Sempre sempre” .Fini a toccare i temi del paese ”immorale” e ”illegale” con quel ”In questo mondo di ladri” cantano all’unisono quasi si fosse sotto al palco del potere…

Con ”Buonanotte fiorellino’ a Francesco de Gregori è bastato dare il ”La” per un invito a ballare un valzer negli spazi liberi e sugli spalti. Preso in parola con tanti video in diretta passati sui canali social. Meglio godersi il concerto di due terribili settantenni che hanno ancora una bella vena interpretativa. Poi l’uscita dal palco, per farvi rientro per cantare i brani ( ne avremmo aggiunti degli altri) rimasti in scaletta. Chiusura con l’impareggiabile ” Roma Capoccia”, la più bella canzone dedicata alla Capitale come ha ricordato Francesco, con un simpatico siparietto di Antonello per scandire l’ultimo ritornello in crescendo , e ” Ricordati di me” che lega i fans a due icone del cantautorato italiano delle origini. Un arrivederci, in definitiva, salutando anche la loro band da ”prova d’autore”, nonostante nel BelPaese il percorso da Ronco Bilaccio a Roma, da Bari, Matera, Palermo, Napoli, Torino alla Capitale sia battuto dai venti della crisi e di un’aria ”strana” che vede ridursi spazi di libertà e di democrazia. Arriveremo a Roma, bomba o non bomba, malgrado…

https://giornalemio.it/eventi/gran-finale-a-bari-con-venditti-e-de-gregori-ricordando-lucio/

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/palabari.jpg

EBOLI 18 NOVEMBRE 2023

 

Gran finale doveva essere e gran finale è stato. La tappa ebolitana del tour di Antonello Venditti e Francesco De Gregori non ha deluso le attese ed ha regalato due ore e mezza di grande musica al pubblico accorso al PalaSele. In scaletta i grandi successi dei due cantautori, ma anche alcune chicche della loro lunga carriera ("Modena" di Venditti e "San Lorenzo" di De Gregori su tutte). Con loro sul palco una band rodata ed affiatata, che ha dato nuova verve ai brani non snaturandone l'impianto originario.

Ad aprire il live l'indimenticabile "Bomba o non bomba", preceduta da un piccolo incidente sul palco per Antonello Venditti (che ironizzerà sull'accaduto poco dopo), seguita da "La leva calcistica della classe '68". Il percorso nella carriera dei due cantautori è arrivato sino agli inizi e al primo album, realizzato in due, intitolato "Theorius Campus", datato 1972. Da quel disco i due hanno eseguito, voci e chitarra, "Dolce signora che bruci". A seguire, l'omaggio a Lucio Dalla con "Canzone". E poi un filotto di successi impossibili da non cantare, da "Rimmel" a Notte prima degli esami" passando per "In questo mondo di ladri". A chiudere la prima parte il valzer, ballato sotto il palco da tantissimi spettatori, di "Buonanotte fiorellino". Il bis, rigorosamenti tutti in piedi, affidato a due evergreen: "Roma Capoccia" e "Ricordati di me". Un gran finale per due giganti della musica italiana.

Fonte Salerno Today

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/palabari.jpg

TORINO 2 DICEMBRE 2023

 

"Torino è magica, fa passare tutti i dolori": Venditti ringrazia e tornerà presto

La tappa torinese del Gran Finale Tour insieme a De Gregori, sabato 2 dicembre, al Pala Alpitour, sold-out, è stata un vero successo e al termine Antonello Venditti ha ringraziato i fan in diretta Facebook.

"Siamo ritornati ai vecchi tempi, videata dal vivo dopo il concerto. Torino è emozionante, fa passare tutti i dolori. Una città formidabile, stasera ho cantato anche la canzone", ha detto, ricordando come durante il concerto abbia voluto omaggiare la nostra città interpretando "Torino", secondo brano dell'album "Sotto la pioggia", l'ottavo album della straordinaria carriera di Antonello, pubblicato nel 1982.

"Sono particolarmente contento perché i miei dolori fisici improvvisamente sono scomparsi. Torino è magica!", ha esclamato convinto. "Vi saluto e vi ringrazio da questa stupenda città che oggi ci ha dato anche un sole meraviglioso. Tutto questo è Torino, dove spero di tornare prestissimo. Siete stati meravigliosi, un pubblico stupendo".

Tantissimi i commenti e i messaggi di affetto, come questi, per Antonello: "Sei un mito", "Bellissimo concerto", "Antonello sei sempre unico".

https://www.torinotoday.it/social/venditti-de-gregori-concerto-torino-magica-2-dicembre.html

 https://www.iltitanic.com/2023/alpi.jpg

fonte foto: https://www.piuomenopop.it/index.php/2023/12/04/photostory-venditti-de-gregori-live-al-pala-alpitour-di-torino/

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/palabari.jpg

MILANO 7 DICEMBRE 2023

 

https://www.iltitanic.com/2023/alpi.jpg

fonte foto: https://www.rockol.it/gallerie-fotografiche/7510/7-dicembre-2023-mediolanum-forum-assago-mi-antonello-venditti-e/531567

 

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/palabari.jpg

BOLOGNA 9 DICEMBRE 2023

 

https://www.iltitanic.com/2023/bo2.jpg

clicca e guarda il video di Antonella Tartaro, inviata speciale del Titanic

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/palabari.jpg

BRESCIA 11 DICEMBRE 2023

 

Per la Capitale della Cultura 2023 è la terza replica nel giro di un anno: il tour con i due giganti della canzone d’autore italiana ha fatto tappa la prima volta il 5 settembre 2022 in piazza Loggia, per tornare il 3 dicembre dello stesso anno al teatro Dis_Play.

Ora questa ultima grande occasione, per la quale si sono resi necessari i grandi spazi della fiera in via Caprera: l’inizio è fissato per le 21, biglietti disponibili in prevendita nei circuiti abituali, per ulteriori informazioni www.friendsandpartners.it. Sono 9 i concerti di questo Gran Finale: il debutto il 16 novembre dal Palaflorio di Bari, la festa di chiusura non poteva che essere a Roma al palazzo dello sport il 23 dicembre, due giorni prima di Natale proprio come nella famosa canzone di De Gregori.

Non cambia l’impianto dello show, che vede i due artisti sempre insieme sullo stesso palco, con un’unica, stellare band nella quale hanno trovato spazio tutti i musicisti che da anni collaborano separatamente con i protagonisti: una line up di ben 11 elementi con il coordinamento musicale di Guido Guglielminetti ed Alessandro Canini, https://www.iltitanic.com/2023/088.jpgper un lungo, appassionante viaggio in cinquant’anni di storia italiana, con Venditti e De Gregori a scambiarsi i grandi classici della loro irripetibile e straordinaria carriera.

Un live emozionante, toccante, trascinante, che ha accumulato sold out e trionfi in tutta la Penisola, commuovendo ed entusiasmando migliaia di fan, ripercorrendo una storia dalle radici comuni, partita come noto nel 1972 con il debutto discografico condiviso di «Theorius Campus»: esordio a quattro mani dopo il quale Antonello e Francesco hanno proseguito su strade parallele, che sembravano destinate e non incontrarsi più. Invece, mezzo secolo dopo, è scoccata l’intesa che ha permesso di scrostare le ruggini e rinverdire un rapporto di amicizia mai veramente tramontato.

Amici per sempre. «Per tanti anni c'è chi ha voluto considerarci come i Coppi e Bartali della musica italiana - ha dichiarato Venditti -. Ma in verità questo antagonismo era solo artistico, puramente emulativo: quando sentivo una bella canzone di Francesco ero sempre felice, e credo che lo stesso valga anche per lui. Certo, ognuno di noi ha fatto la sua strada, ma credo sia stato bellissimo ritrovarsi per mettere un punto e poi ripartire: perché come dice sempre Francesco, siamo come due fratelli allattati dalla stessa lupa Un tour insieme per la verità c’era già stato nel 1972, nientemeno che in Ungheria».

«Era l'unico che avessimo mai fatto - ha puntualizzato De Gregori -. Ma ne avevamo un bellissimo ricordo e così abbiamo pensato che fosse arrivato il momento di ripeterlo. A quei tempi eravamo due ragazzini: poi abbiamo preso strade diverse per repertorio, per stile, per atteggiamenti, ma sempre controllandoci a distanza. È sempre rimasta in noi questa cosa di essere stati allattati alla stessa fonte quando abbiamo cominciato». Il lungo viaggio dei due artisti è diventato anche un disco: si chiama «Il concerto», conterrà 17 brani e uscirà il prossimo 15 dicembre in cd e vinile.

https://www.bresciaoggi.it/argomenti/cultura/venditti-de-gregori-al-gran-finale-1.10449646

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/palabari.jpg

RIMINI 15 DICEMBRE 2023

Uno show memorabile per coronare in grande stile l’attività ventennale dell’Rds Stadium di Rimini. Con il concertone di Venditti e De Gregori - che venerdì scorso, 15 dicembre, hanno regalato una performance indimenticabile di fronte a 5mila persone - è calato ufficialmente il sipario sulla stagione di grandi eventi a cura della gestione guidata dall’Ad di Stadium srl Ernesto de Filippis.

Dal 2003 ad oggi, l’Rds Stadium è diventato un punto di riferimento di livello nazionale per il mondo dello show business, ospitando concerti con i protagonisti della musica italiana e internazionale, come pure manifestazioni sportive, culturale e congressuali.

“Non poteva esserci modo migliore per scrivere l’ultimo capitolo della nostra avventura riminese - spiega de Filippis -. ‘Gran Finale’ è il titolo che Venditti e De Gregori hanno scelto per il loro tour attraverso la Penisola. Un titolo che, riteniamo, possa prestarsi a sintetizzare anche la chiusura.

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/palabari.jpg

FIRENZE 19 DICEMBRE 2023

 

https://www.iltitanic.com/2023/firenze32.jpg

Firenze

https://www.iltitanic.com/2023/av.jpg

https://www.alexvalle.com/

 

 

https://www.iltitanic.com/2022/date/0.jpg

 

https://www.iltitanic.com/2023/palabari.jpg

ROMA 23 DICEMBRE 2023

 

Una https://www.iltitanic.com/2023/fine.giftournée di un anno e mezzo, con oltre 400mila biglietti venduti: è partita dallo Stadio Olimpico a giugno 2022 e si è conclusa sabato 23 dicembre al Palazzo dello Sport dell’Eur. Francesco De Gregori e Antonello Venditti emozionati chiudono con l'ennesimo sold out il loro lungo viaggio insieme, iniziato in realtà oltre 50 anni fa dal Folkstudio di via Garibaldi e la pubblicazione dell’album «Theorius Campus» del 1972.

Un tour racchiuso nell’album live «Il concerto» (Columbia Records /Sony Music), uscito il 15 dicembre scorso, composto da diciassette brani registrati in presa diretta durante alcune tappe e disponibile in digitale e nelle versioni cd e vinile, anche in edizione autografata e numerata.

Un boato assordante accoglie i musicisti quando alle 21.10 salgono sul palco e aprono il concerto con «Bomba o non bomba», a cui seguono «La leva calcistica della classe '68» e «Modena». Un live di oltre due ore, tra forti emozioni, ricordi e canzoni che hanno fatto la storia della musica nazionale. Da «Generale» a «Sotto il segno dei pesci», da «Rimmel», a «Ricordati di me», e tante altre.

Urla da stadio e lunghi applausi. Chiudono insieme con «Grazie Roma» e una pioggia di coriandoli sul pubblico in delirio.

https://video.corriere.it/roma/de-gregori-e-venditti-il-tour-dei-record-finisce-con-una-pioggia-di-coriandoli-e-pubblico-in-delirio/8309273e-8596-475a-b56e-ba84bc741xlk

"Dopo tante fatiche e impegni politici ci tenevo a ritagliarmi un momento di puro godimento con Venditti e De Gregori. Il modo migliore per avvicinarci alla vigilia di Natale. È stato bellissimo". A dirlo all'Adnkronos è stato il leader del Movimento Cinque Stelle Giuseppe Conte, che ieri sera era in platea al Palalottomatica per il gran finale del tour di Antonello Venditti e Francesco De Gregori. La predilezione di Conte per i due cantautori romani è equamente suddivisa, tanto da fargli dire che "insieme sono un amalgama perfetto. Un repertorio costruito in modo efficacissimo. È stato un vero piacere. Godimento puro", conclude il leader M5S.

Giuseppe Conte

Grazie Italia!!!!!!!⭐️⭐️e’ stato bellissimo!!!!!!💛❤️🐠🐠 (Antonello Venditti)

Clicca sull'immagine gif pubblicata sui canali social di Venditti, per vedere il video di Daniela Gregori, alla quale, unitamente ad Antonella Tartaro, va il sentito ringraziamento del Titanic per tutti i contributi offerti durante il Tour,

 

 

 

 

 

 

Dopo innumerevoli sold out, ed oltre 250 mila biglietti venduti, il lungo viaggio in musica di Antonello Venditti e Francesco De Gregori, iniziato il 18 giugno 2022 allo Stadio Olimpico di Roma, aggiunge una nuova tappa al suo eccezionale percorso con un album live, “Il Concerto”, in uscita il prossimo 15 dichttps://www.iltitanic.com/2023/080.JPGembre 2023 per Columbia Records /Sony Music, e in pre-order da oggi, 10 novembre (https://amzn.to/3ueBymw).

Il disco verrà pubblicato nelle versioni CD, VINILE 180 grammi e VINILE 180 grammi in edizione autografata e numerata, quest'ultima in esclusiva su Sony Music Store.

All’interno una selezione di 17 brani, registrati in presa diretta durante diverse tappe di questo memorabile tour, per raccontarne i momenti più intensi e restituirne suoni ed emozioni. Una tracklist di perle e grandi classici del repertorio di ciascuno dei due artisti e duetti inediti, con arrangiamenti originali nati da un cantiere creativo itinerante che per oltre un anno ha attraversato l’Italia e che terminerà dove tutto è iniziato, a Roma, il prossimo 23 dicembre al Palazzo dello Sport.

 

 

https://www.iltitanic.com/gif/50.gif

video di Alessandra Cornero

 

 

A conclusione e a ricordo del Tour, come sempre il Titanic mette in stiva l’ultima crociera straordinaria.

Buon proseguimento di navigazione.

 

Grazie Antonello, grazie Francesco!